Domenica , 25 Giugno 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
ADHD. Malattia o invenzione? 
Un lettore ci scrive le sue riflessioni dopo aver partecipato a una conferenza
18 Giugno 2007
 

Ho partecipato alla conferenza “ADHD, disturbo da deficit d'attenzione e iperattività - Malattia o invenzione?” tenutasi giovedì 14 c.m. presso la sala consiliare del comune di Gassino (TO). I relatori erano sia consiglieri comunali che dottori (medico, psichiatra e neuropsichiatra infantile). A fine conferenza si è aperto un dibattito a volte anche acceso sulla questione ADHD e bambini e la proposta di legge regionale per le “norme in materia di sostanze psicotrope su bambini e adolescenti” (N. 405 presentata in Regione Piemonte il 20/2/2007).

Sia il medico che lo psichiatra hanno affermato che non esiste a tutt'oggi un test biologico che dimostri uno squilibrio di qualche tipo riconducibile a qualsiasi malattia mentale, mentre nella sua presentazione il neuropsichiatra infantile ha menzionato “disturbi psichici in età evolutiva di componente biologica, disturbi psichici genetici e biologici, ecc.”.

A mia domanda diretta nella quale esprimevo di essere confuso visto le due opposte affermazioni e dove chiedevo chiarimenti se l'ADHD fosse o no una malattia, mi sono sentito rispondere dal neuropsichiatria infantile che non è una malattia ma un “disturbo”.

È una vergogna che si giochi sulla vita di bambini e persone con termini come “non è una malattia ma un disturbo” così da poterlo “curare” con psicofarmaci anfetaminici (è stato detto che il Ritalin e altri hanno già causato la morte di 400 persone nel mondo) da dare a bambini di 8 anni quando d'altro canto non si vorrebbero avere neanche gli spinelli nella scuola!

È uno scandalo ed è incredibile che la “base scientifica” per fare la diagnosi di ADHD sia composta da banali domandine (come esempio: “Spara le risposte prima che sia terminata la domanda?”) simili a quelle che si possono trovare nei giornali per ragazzi per “capire” se “lui” o “lei” andranno bene come coppia o come amici a seconda del punteggio risultante dal test.

Non scherzo, purtroppo. È un sistema simile che produce un punteggio in base al criterio di osservazione di chi esamina il comportamento del bambino, l'insegnante della scuola (non una macchina, come un elettrocardiografo, che misura in maniera invariabile, ma una persona che “valuta” il bimbo, e quindi estremamente variabile - ogni persona è diversa dalle altre).

La cosa tragica è che psichiatri e neuropsichiatri infantili ci credono davvero! Ma dov'è la Scienza?

Ho il forte sospetto che tutto questo sia spinto da enormi interessi commerciali delle case farmaceutiche produttrici di psicofarmaci.

Avremo quindi una Società di persone con le varie pillole per “risolvere” i loro problemi o per non farglieli vedere o percepire tramite un velo chimico di incoscienza? O sarebbe meglio andare a monte e capire e aiutare loro a risolvere davvero i loro problemi. Ovviamente è più semplice e sbrigativo usare una pillola, oltre che enormemente vantaggioso per le case farmaceutiche.

Dice un proverbio orientale: “se viene da te qualcuno che ha fame, non dargli un pesce per sfamarlo, dagli la canna e insegnagli a pescare”.

A buon intenditore...

 

Marco Guidetti


Articoli correlati

  Screening psicopatologici bambini. Proposta di legge bipartisan in Senato e iniziative legislative di Piemonte e Veneto
  “Psichiatria: un viaggio senza ritorno”. La mostra CCDU arriva a Padova
  In mille a Verona. Manifestazione per dire ''NO agli psicofarmaci ai bambini''
  La difficoltà non è una malattia
  CCDU. No psicofarmaci ai bambini
  Il comportamento non è una malattia. Ancora sull’invadenza “psichiatrica” nella scuola
  Amore, non pillole!
  CCDU Milano. No alle scuole come bacini per rilevare disturbi mentali nei bambini
  La vera malattia è la psichiatria
  “No agli psicofarmaci ai bambini”
  Contro gli screening psicopatologici dei bambini
  ADHD, LA MALATTIA INVENTATA
  Prozac a “Unomattina estate”
  Psichiatria: le incongruenze di una pseudoscienza
  L'illusione chiamata psichiatria
  Ritalin e altre pillole
  Psichiatria e scuola
  Droghe da strada o psicofarmaci: quali sono più pericolosi?
  DA RÜDIN AI NOSTRI GIORNI
  E se i cattivi o mancati risultati fossero dovuti a carenze dei metodi didattici?
  Stop ai test ADHD nelle scuole
  CCDU. Da oggi a Milano. Congresso internazionale per la malattia che non esiste
  “Giù le mani dai bambini®”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.4%
Non so.
 1.2%
Non sono d'accordo.
 36.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy