Domenica , 21 Luglio 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
successivo  
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sergio Caivano. Un uomo vero tra tanti mostri
07 Luglio 2024
 

Una domenica di molti anni orsono, all’altezza della Versilia, uscii dall’autostrada Genova-Livorno e, salendo per una strada tortuosa, raggiunsi la frazione di S. Anna di Stazzema, che da tempo avevo deciso di visitare. Mi ritrovai in un ampio parco, circondato da alberi di alto fusto, intitolato ad Anna Pardini, la piccola innocente vittima di 20 giorni massacrata dai nazisti in quel maledetto 12 agosto 1944 nel quale trovarono la morte 560 civili, per lo più vecchi, donne e bambini. Il parco era pieno di bus e di auto e vi parcheggiai la mia. Subito dopo la piccola Chiesa, al Museo Storico della Resistenza era in corso una conferenza. Entrai e colsi le ultime parole dell’oratore, che mi venne definito come un superstite.

Invitò i molti presenti, quasi tutti giovanissimi, a riflettere su quanto era accaduto e a chiedere giustizia, non vendetta. “S. Anna vuole essere un paese di pace”, disse. Qualche mese dopo, nel corso di una trasmissione televisiva, riconobbi il “superstite” di quella domenica. Era Enio Mancini, allora direttore del Museo della Resistenza di S. Anna di Stazzema, che raccontò di essere sfuggito miracolosamente alla morte. Il giorno dell’eccidio, Mancini era un bambino di sette anni che viveva col padre, la madre, la nonna ed un fratello. Furono tutti catturati ed un soldato SS ricevette l’ordine di ucciderli e poi di bruciarli col lanciafiamme. Racconta Mancini (Lettera ai compagni, rivista FIAP fondata da Ferruccio Parri e da Aldo Aniasi, n. 2 del 2010, pag. 24): “ Quel soldato aspettò che gli ufficiali se ne andassero e, mentre noi bambini piangevamo, ci guardò e con l’indice della mano destra sul naso ci fece cenno di stare zitti. Poi ci indicò una via di fuga. Iniziammo a correre increduli, poi dietro di noi sentimmo una raffica di mitra… mi voltai e vidi quel tedesco sparare in aria”.

Mancini aveva cercato per tanti anni quel soldato tedesco che gli aveva salvato la vita, senza tuttavia riuscire a trovarlo. Dalla rivista citata si apprende che il soldato si chiamava Peter Bonzelet, deceduto nel 1990. Un suo nipote, tale Jochen Kirwel, studente di teologia, venuto a conoscenza della storia e dei tentativi del Mancini di ritrovare il nonno, gli ha telefonato e poi scritto. Alla fine si sono visti. Sempre la fonte citata scrive: “L’incontro tra i due ha provocato grande commozione a S. Anna di Stazzema e pure a Magonza, città natale del soldato buono e di suo nipote. Jochen ed Enio si sono incontrati il 26 marzo a Roma…”

Tanti soldati tedeschi delle SS furono colpevoli delle atrocità compiute in quella piccola frazione del borgo apuano. Lo furono anche i fascisti che collaborarono all’impresa. Gli abitanti del borgo, per non dover rivivere la continua angoscia del ricordo, sono per lo più andati ad abitare altrove. Sorprende felicemente trovare un uomo, solo ma vero, che ha saputo riscattarsi dall’orrore e salvare la propria coscienza. Un barlume di luce in un mondo – quello nazifascista – caratterizzato da terrore, tragedie, morti. Una piccola speranza per il futuro del genere umano violentato allora dai fondamentalismi del nazismo e del fascismo. E il futuro, poco tempo dopo, con la demolizione del totalitarismo nazifascista da parte di chi si è battuto per la libertà e per la democrazia, si è rivelato certamente migliore.

Il 12 agosto di ogni anno S. Anna vede la presenza di tante autorità, anche non italiane, per commemorare i caduti e deplorare il tragico evento. Tra queste, anche Ursula Von der Leyen, Presidente della Commissione Europea.

 

Sergio Caivano


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 69.5%
NO
 30.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy