Giovedì , 01 Dicembre 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Sport e Montagna > Ritratti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Figliolia. Bruno Arcari, le cicatrici portate con orgoglio
03 Ottobre 2022
 

Il 1942, terzo anno di infausta guerra, si apre ad Atina, nel frusinate, con un lieto evento: la nascita di Bruno Arcari, che diverrà una delle glorie dello sport italiano. Pugilatore, 165 cm di tecnica, combattività, coraggio. La boxe potrà non piacere a tutti, susciterà remore disparate, ma non vi è alcun dubbio che i boxeurs non hanno mai storie banali.

73 incontri disputati, di cui ben 70 vinti (38 prima del limite), 2 soli perduti (mai per KO), 1 pareggiato a fine carriera contro il fortissimo Rocky Mattioli, futuro campione del mondo, un big a propria volta.

Superleggero, welter junior e welter. Campione italiano, europeo e mondiale. Un unico punto debole: le arcate sopraccigliari, alle quali gli avversari miravano e contro cui tentavano di accanirsi. Inutilmente, a parte il primo combattimento e il dodicesimo della sua carriera, poiché per Bruno, prese misure e precauzioni, fu da qui in poi una striscia ininterrotta di successi, escluso il pari sopra detto.

Il titolo iridato sarebbe arrivato nel ’70 contro il filippino Pedro the rugged (il ruvido) Adigue. Cintura poi difesa per 9 volte consecutive. Un match durissimo per entrambi. Bruno aveva in sé anche la rara virtù di saper soffrire, buttando il cuore oltre ogni ostacolo.

Sostanzialmente un imbattibile. Senza tirarsela mai. Schivo di carattere, mai spaccone, non amava abbandonarsi a dichiarazioni o sceneggiate di sorta, strane coreografie o comportamenti bizzarri ed eccentrici. Semplicemente combatteva: preciso, serio, lineare, intelligente. Ardente e sapiente. Onesto. Un sinistro micidiale. Spietato, ma senza odio. Abile in tutte le fasi della noble art. Un fighter senza paura, le cicatrici portate con orgoglio, come una prova della durezza dell’esistere e della resilienza necessaria.

Se la critica non lo amava del tutto, Bruno, il ciociaro adottato dalla magnifica Genova, era adorato dal pubblico. Nessun suo match lasciava delusi. Alcuni sostengono che egli sia stato il miglior pugile italiano. Più di Nino Benvenuti, tanto per dire, di cui non aveva il senso dello spettacolo (soprattutto fuori dalle corde del ring), la brillantezza della parlantina e lo splendore fotogenico, o di Duilio Loi o di Cleto Locatelli o di Primo Carnera. Invero tutti grandissimi, difficile fare una graduatoria. Di certo Brunetto sta nell’empireo. Fenomenale pugile e uomo, in tutta la sua umiltà, di formidabile spessore.

Ha virato la boa degli 80 Arcari, un gran bel traguardo. A lui un posto di assoluto riguardo nella memoria e nella Hall of Fame dello sport del Bel Paese e mondiale.

 

Alberto Figliolia


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 66.4%
NO
 33.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy