Mercoledì , 30 Novembre 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “L’immensità” di Emanuele Crialese
26 Settembre 2022
 

Si sa che caratteristica di un’opera d’arte è deludere le attese: nel senso che l’originalità della poesia non si adegua alle nostre previsioni, basate su tante altre opere già viste o già lette. Nel caso di un tema come la transessualità, o l’impossibilità di una persona ad adattarsi alla propria identità di genere anagrafica, il trattamento che potremmo prevedere in un film, può oscillare dalla commedia grottesca a un serio di film di denuncia.

Il film che Emanuele Crialese ha dedicato a questo argomento, può sconcertare e magari deludere proprio perché non rientra in queste categorie, pur comprendendo elementi di commedia e spunti di denuncia.

E il problema intimo del protagonista del racconto - una bambina che sente di essere un bambino - è presentato certo come un problema cruciale della sua esistenza, e tuttavia non monopolizza il racconto, che è in sostanza una cronaca familiare, nella quale rientrano anche il ritratto della madre, affetta da disturbi nervosi, i continui litigi che la contrappongono al marito, i giochi di gruppo del bambino con i fratelli e con altri bambini, e poi i programmi televisivi che la sera in famiglia si guardano insieme (la cronaca è ambientata a Roma negli anni Settanta), tra i quali svettano i protagonisti dei varietà, come Raffaella Carrà e Adriano Celentano.

Non trattandosi di un racconto tradizionale, dallo sviluppo consequenziale, ma appunto di una cronaca, il film si compone di brevi episodi, di frammenti di vita quotidiana. Ma a collegarli fra loro provvedono alcuni motivi ricorrenti: in primo luogo la stessa figura del protagonista, anagraficamente una bambina appunto, ma che, con i suoi capelli corti, il suo atteggiamento virile - di sfida, si direbbe, contro il mondo -, il suo sguardo ombroso, manifesta allo stesso tempo un’anima che non si accorda con il corpo e il malessere che ne consegue.

E poi c’è il suo rapporto esclusivo con la madre, basato sulla fascinazione del bambino, sulla sua possessività che sfocia anche in accessi di gelosia, e su un’intesa profonda: la madre, per ignoranza, non focalizza il problema clinico del figlio, ma a suo modo lo comprende e, a differenza del marito, non lo condanna.

E infine c’è la ricorrente evasione del bambino nell’immaginario: in questo caso, soprattutto, come anticipavo, un immaginario televisivo, ma comunque una dimensione in cui proiettarsi per sentirsi più a proprio agio che nella realtà.

Come può accadere specialmente nei film dalla struttura frammentaria, non tutti i momenti sono ugualmente espressivi e riusciti. Per esempio, la figura del padre - forse perché vista sempre dall’esterno, come un rivale o un avversario, con cui ci si rifiuta di immedesimarsi - può apparire un po’ rigida e semplificata.

Però, nel complesso, si tratta di un memoriale tenero e delicato, che alla fine risulta toccante.

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 24 settembre 2022
»»
QUI la scheda audio)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 66.2%
NO
 33.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy