Lunedì , 29 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
successivo  
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Paolo Buconi, violino della Memoria 
di Roberto Malini
11 Novembre 2021
 

Ogni anno, il 27 gennaio, celebriamo in tutto il mondo il Giorno della Memoria, per commemorare le vittime dell’Olocausto, ascoltare le testimonianze dei sopravvissuti, ricordare i Giusti fra le Nazioni, che sottrassero alla morte tante vittime designate. Da quel 1° novembre del 2005, quando l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite istituì quella data con la Risoluzione 60/7, i popoli si sono uniti nel ricordo presso le sedi istituzionali, le scuole, i luoghi di lavoro, i media. In occasione delle celebrazioni del Giorno della memoria l’umanità rivive il 27 gennaio del 1945, quando le truppe dell’Armata Rossa liberarono il campo di morte di Auschwitz-Birkenau.

Instancabili, superando i limiti di un’età avanzata e di un dolore che non si è mai attenuato, ogni 27 gennaio i testimoni raccontano al mondo la loro personale esperienza all’interno della macchina di morte nazista. Tanti di loro ci hanno lasciati, nel corso degli anni e altri esseri umani raccolgono la loro eredità, che è un’eredità di verità, giustizia e impegno affinché l’odio non avveleni più le nazioni e non si ripeta l’orrore dell’Olocausto. Una tragedia immane, nel corso della quale sei milioni di ebrei, almeno mezzo milione di rom e sinti, un numero altissimo di testimoni di Geova, persone LGBT+, stranieri e dissidenti, portatori di disturbi mentali, disabilità e patologie incurabili furono sterminati.

Paolo Buconi, musicista di fama internazionale, è una delle persone di buona volontà che hanno raccolto il retaggio di memoria trasmesso dai sopravvissuti. Ricercatore etnomusicologo, Paolo possiede la rara capacità di unire il canto della voce a quello del violino, diafonia originalissima che caratterizza le sue esibizioni in rassegne ed eventi di musica klezmer in Italia, Germania, Francia e Austria. «Come figlio di un deportato nei lager nazisti», spiega, «dedico da sempre la mia attività artistica alla Memoria della Shoah. Ho avuto il grande onore di conoscere il sopravvissuto Jacques Stroumsa, violinista di Auschwitz deportato da Salonicco, e di suonare con lui. Nei miei recital ravvivo la sua testimonianza».

Paolo e il suo violino sono da anni voci di Memoria e civiltà, che riecheggiano l’orchestra di Auschwitz e quella musica che ci raggiunge ancora, per ammonirci a ricordare, dalle ceneri della Shoah. I suoi recital comprendono letture alternate a musiche ebraiche, sefardite e klezmer per violino e voce. Il musicista esegue inoltre brani che venivano suonati presso la “Fabbrica della morte” dall’Orchester kommando dai musicisti haflige, detenuti nel lager. «Ogni recital», prosegue il musicista, «si basa sulle testimonianze da me raccolte direttamente durante gli incontri e la collaborazione artistica con Jacques. Ogni volta che suono nel Giorno della memoria, gli dedico l’evento. Durante le commemorazioni ritengo importante che si leggano brani tratti da libri di testimonianza, come Una violinista a Birkenau di Helena Niwinska. E ogni volta, che si rinnovi il ricordo di musicisti della Shoah come la celebre violinista Alma Rosè, direttrice dell’orchestra di Auschwitz-Birkenau».

Ho sempre considerato Paolo Buconi come un erede dei musicisti che suonarono nei luoghi dell’Olocausto. Il suo violino restituisce l’eco delle canzoni yiddish, dei nigunim e delle altre musiche sacre, la musica degli ebrei sefarditi, la tradizione del klezmer. Conosco da tanto tempo questo straordinario maestro, che mi onora con la sua amicizia. Ha composto alcune delle struggenti musiche del documentario che ho scritto e diretto con Dario Picciau In viaggio con Anne Frank. E, come lui, ho avuto il privilegio di conoscere Jacques Stroumsa in Israele, passando tanto tempo in sua compagnia, ascoltando la sua testimonianza e apprezzando la sua profondissima umanità. Jacques è un faro e una guida. Ha suonato per il nostro documentario – e per noi – nella Valle delle Comunità, presso lo Yad Vashem e abbiamo donato un lungo video di quell’esecuzione al Museo Memoriale di Gerusalemme. Un’esperienza che resterà in noi per sempre, come il canto di quel violino di memoria, quel violino sopravvissuto all’odio che ha ispirato il lavoro e la missione di Paolo Buconi.


Articoli correlati

  L’8 giugno alla Rocca di Sassocorvaro inaugurazione della mostra “Artisti dell’Olocausto"
  I giovani ricordano la Shoah
  Arvangia. Dare voce alla memoria che tace…
  Pietre in cui inciampa la coscienza: i “Stolpersteine”
  Festival Fare Memoria 2016
  Roberto Malini. Il 20 settembre 1992 è morto Kadish, artista e testimone della tragedia umana
  Gli ebrei sotto il regno sabaudo - incontro a Santhià (Vercelli)
  Milano, binario 21
  L’ultima stazione. Per non dimenticare al Teatro Laboratorio
  Guido Bedarida. Per il Giorno della Memoria
  Giorno della Memoria 2016: poeti e musicisti a tavola con Anne Frank
  Il 19 aprile è "Yom HaShoah", il Giorno della Shoah
  Federica Bonzi, Enrico Marco Cipollini. Memoria, memorie...
  Eugenio de' Giorgi. “Affittasi monolocale zona Ghetto” con il Teatro Olmetto
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  Anne in the Sky: un grande messaggio di pace
  Ionne Biffi. Gusen: infanzia negata
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  Vetrina/ Patrick Sammut. Giorno della memoria
  Roberto Malini. È morto Wiesel
  Vetrina/ Paola Mara De Maestri. Poesie per non dimenticare
  Biblioteca della Valchiavenna. La Shoah in casa
  Giuseppina Rando. I dipinti di David
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Giorno dell’Indipendenza di Israele a Vercelli
  In libreria/ Susanne Raweh. La storia della nonna bambina
  EveryOne Group. Donazione di Roberto Malini a favore del Museo della Shoah di Roma
  “L’oro di Milcik”. Un concerto per la Giornata della Memoria 2009
  Vincenzo Donvito. Reato di negazionismo? Reato di opinione!
  Enrico Peyretti. Memoria della com-passione
  Pesaro, arte e Shoah: Wanda Coen
  Morbegno. Giornata della memoria 2020
  Esther Ettinger. Una scala di filo spinato, deserta di ali
  Arcigay Arezzo per la Giornata della Memoria ricorda l'Omocausto
  TEREZIN: frammenti di vite in attesa dello sterminio
  Erveda Sansi. Ricordare per conoscere
  Giornata della Memoria a Vercelli: le donne della Shoah
  Donazione di una foto firmata da Gino Bartali dall'Italia al Museo Yad Vashem
  Benedetto Della Vedova. Fame... iraniana
  Vetrina/ Roberto Malini. In morte di Shlomo Venezia, testimone della Shoah
  Doriana Goracci: Giornata della Memoria con Gaza e Lucca nel tempo storico presente
  La ragazza con la fisarmonica
  SHOAH RIFLESSIONI & OMAGGI
  Shoah: tavole rotonde, commemorazioni, concerti per ricordare
  Gigi Fioravanti. Giorno della memoria. Domande
  Yom HaShoah. Dall'Italia in regalo la App che ricorda Helga Deen e l'Olocausto
  Una poesia di Roberto Malini dedicata ad Anne Frank
  Lidia Menapace. Sull'ignoranza religiosa
  Liceo Ceccano. Giornata della Memoria 2009
  “Gli scomparsi” di Daniel Mendelsohn
  Matteo Moca. “Shoah”, Lanzmann e la memoria
  L’artista santhiatese Ennio Cobelli dona al poeta Roberto Malini la sua opera “Holocaust”
  Roberto Malini. Il 18 settembre 1926 è nato Joe Kubert, genio del fumetto
  Giornata della Memoria: Le vostre orme leggere
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy