Lunedì , 29 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sergio Caivano. Il rastrellamento del ghetto ebraico di Roma del 16 ottobre 1943
18 Ottobre 2021
 

Una marcia silenziosa e triste ha percorso ieri, 17 ottobre 2021, le vie di Roma in ricordo del rastrellamento del ghetto degli ebrei attuato da reparti tedeschi in data 16 ottobre 1943. Ricordiamo i fatti. Da diversi anni la persecuzione degli ebrei, ritenuti responsabili di ogni male, è in atto, in Germania ed in altri Paesi, per dar luogo “soluzione finale del problema ebraico”, come auspicato da Hitler e dai suoi accoliti. Ma in Italia non si è ancora manifestato in misura così evidente. Il colonnello Kappler, comandante della piazza tedesca di Roma, decide di agire. E lo fa subdolamente. Verso la fine di settembre i suoi uomini fanno sapere agli ebrei racchiusi nel ghetto di Roma (il secondo, per importanza storica, dopo quello di Venezia) che la consegna di 50 kg. d’oro sarà valutata positivamente. Gli ebrei romani del quartiere fanno il miracolo. Privandosi di ogni gioiello, riescono faticosamente a racimolare il quantitativo d’oro richiesto. Ma non basta certo.

Il 16 ottobre 1943 reparti della Gestapo di Roma, rinforzati da reparti provenienti da altre località, irrompono all’alba di quel triste giorno nel ghetto, entrano nelle case, brutalmente sequestrano oltre mille persone. Alcuni si salvano trovando accoglienza nelle abitazioni di diversi cittadini romani, altri fuggendo dalla zona. Vengono radunati e fatti salire su mezzi destinati alla stazione Tiburtina. Da qui sono caricati a forza su treni merci, gli uni ammassati agli altri, senza viveri e senz’acqua. Per evitare tentativi di fuga, o comunque una certa resistenza, vien fatto loro credere che saranno portati a lavorare in Germania. Dalla stazione Tiburtina partono 1.024 ebrei. La destinazione è Auschwitz, il lager più terribile allestito allo scopo. Diversi muoiono nel corso del viaggio. All’arrivo, vengono subito divisi a seconda della loro presunta capacità lavorativa. Le famiglie sono, in tal modo smembrate.

Quando il lager verrà liberato dai soldati dell’armata sovietica, il 27 gennaio 1945, una scena inverosimile si apre ai loro occhi, quella che ormai tutti conosciamo. Dei 1.024 ebrei romani, ritornano in 16, 15 uomini ed una donna. Ma non sono nemmeno ricevuti come dovrebbero. La gente non crede a quanto tentano di dire, non è ancora matura per comprenderne il dramma. Ha scritto Elsa Morante, su La storia (Ed. Biblioteca di Repubblica, 1975, pag. 349): “…L’uomo pesava quanto un bambino. Aveva un numero marchiato sulla carne, e il suo corpo… era ricoperto di profonde cicatrici. Era febbricitante, non faceva che delirare ogni notte, e vomitava della roba nerastra, sebbene fosse incapace di trangugiare qualsiasi cibo. All’arrivo in Italia… per il loro strano aspetto, la gente li riguardava come fossero scherzi di natura… nei loro occhi infossati, neri o marroni, non parevano rispecchiarsi le immagini presenti d’intorno, ma una qualche ridda di figure allucinatorie…”.

 

Sergio Caivano


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy