Martedì , 28 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. Parole pietre, nuvole, foglie al vento… 
A libro aperto: pensieri peregrini a sera… - 23
21 Novembre 2020
 

Uno è padrone di ciò che tace

e schiavo di ciò di cui parla.

Sigmund Freud

 

 

Le parole, basilari nella comunicazione, pare che da qualche tempo abbiano smarrito il valore della loro essenza, quello del “significato” e perso il loro peso specifico.

Si parla “a vanvera”, senza senso, a caso, senza riflettere. Si dice di tutto e dopo lo si modifica o lo si rinnega e si smentisce persino di averlo detto o pensato.

Le parole non sono più quelle “pietre” di cui parla Carlo Levi, parole espressione della coscienza umana, dove le lacrime non sono più lacrime, ma parole e le parole sono pietre.*

Spesso oggi le parole sembrano nuvole, nuvole vaganti sotto un cielo sempre diverso. Sono sfarfallio nebuloso che attira e devia. Amaramente si constata che si può dire tutto e il contrario di tutto nell’arco della stessa ora, si può affermare e negare nello stesso istante. Parole che, svuotate di senso, facilmente si sciolgono nella “società liquida” in cui viviamo.

Parole… come foglie... e... là dove abbondano, è raro che sotto vi si trovi molto frutto scriveva in “Saggio sulla critica” il poeta inglese Alexander Pope (1688-1744).

Parole inflazionate e pompose che non dicono niente; parole vuote che diventano “chiacchiera” ammantata di apparenza, ma priva di sostanza.

Parole mero esercizio retorico sempre più sterili e autoreferenziali. Ad esempio: tecnologica, digitale, innovazione mentre disegnano professionalità specifiche aumentano il disincanto di coloro che non vedono concretizzarsi le meravigliose sorti progressive. Discrepanza tra il significato di queste parole, le esperienze vissute e la possibilità concreta di trasformare sogni e affermazioni teoriche in realtà.

Il valore della parola viene ben rilevato da Italo Calvino nelle celebri “Lezioni americane” quando scrive:

Mi sembra che il linguaggio venga sempre usato in modo approssimativo, casuale, sbadato, e ne provo un fastidio intollerabile. Non si creda che questa mia reazione corrisponda a un’intolleranza per il prossimo: il fastidio peggiore lo provo sentendo parlare me stesso. Per questo cerco di parlare il meno possibile, e se preferisco scrivere è perché scrivendo posso correggere ogni frase tante volte quanto è necessario per arrivare non dico a essere soddisfatto delle mie parole, ma almeno a eliminare le ragioni d’insoddisfazione di cui posso rendermi conto. (Da “Esattezza”)

Parlare poco, riflettere molto ed ascoltare di più sembrerebbe la regola d’oro dettata da Calvino per noi e per la società.

Sarebbe come dire usare parole che abbiano contenuto e verità; infondere nel dire calore e colore perché l’autenticità di un discorso sta anche nella sua capacità di risvegliare le coscienze e scuotere la volontà.

 

Giuseppina Rando

 

 

* Carlo Levi, Le parole sono pietre. Tre giornate in Sicilia, Einaudi, 2003.


Articoli correlati

  Domenica/ Matteo Moca. Il visconte dimezzato e Topolino, Maraviglioso Boccaccio ed Eboli nel 2015
  Charlotte Salomon. Vita? o Teatro?
  Giuseppina Rando. Le associazioni: luci e ombre
  Il Signore degli anelli, Harry Potter, Il cavaliere inesistente, La tempesta...
  Ferrara, Musei Civici. Le tavole di Grazia Nidasio per l'Orlando Furioso interpretato da Calvino
  Andrea Nascimbeni. Carlo 91
  Anna Lanzetta. Il Fantastico tra pittura, poesia e musica
  Domenica/ Matteo Moca. La ReUnion di Bologna, Eddy Merckx e la maturità su Calvino
  Domenica/ Matteo Moca. Tarocchi e sogni, Calvino e Sebald, Opg e la storia di Fred Perry
  Giuseppina Rando. Brevità del ‘dire’
  Italo Calvino: Apologo sull'onestà. Rilettura con commento suggerita da Carlo Forin
  Giuseppina Rando. Senilità
  Giuseppina Rando. Sulla noia
  Giuseppina Rando. Misura
  Giuseppina Rando. Sulla coerenza
  Giuseppina Rando. Nascondigli
  Giuseppina Rando. Adattarsi
  Giuseppina Rando. Banalità, malattia diffusa
  Giuseppina Rando. Rumore
  Giuseppina Rando. Incontrare “l’altro”/ A libro aperto: pensieri peregrini a sera… - 25
  Giuseppina Rando. Violenza e verità
  Giuseppina Rando. I volti dell'invidia
  Giuseppina Rando. Verità e amicizia
  Giuseppina Rando. Tra reale e virtuale… avanza “la società liquida”
  Giuseppina Rando. L’ignoto fascino delle piccole cose
  Giuseppina Rando. Apelle e il calzolaio
  Giuseppina Rando. Dialogo e ‘punti di vista’
  Giuseppina Rando. Arte dell’equilibrio
  Giuseppina Rando. Il venticello… della calunnia
  Giuseppina Rando. Crisi
  Giuseppina Rando. Le poche cose necessarie...
  Giuseppina Rando. Quale cultura?
  Giuseppina Rando. Sensibilità e delicatezza
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy