Giovedì , 23 Gennaio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Primo Mastrantoni. Governo e Mes
10 Dicembre 2019
 

Roma“Aho, me dicono che ce stanno a fregà. Ce rubano li sordi dar conto corrente, ce riempiono de buffi pe' pagà le banche tedesche e francesi e finiremo come la Grecia”.

È il solito avventore del bar che esprime dubbi sul Mes, il Meccanismo europeo di stabilità, detto anche fondo salva Stati.

Vediamo di capire cosa è il Mes, visto che domani il Parlamento discuterà una risoluzione in merito che, comunque, non è l'approvazione definitiva che avverrà tra qualche mese.

1. Mes significa Meccanismo europeo di stabilità, detto anche fondo salva Stati. È attivo dal 2012 e oggi se ne discutono alcune modifiche.

2. Interessa i 19 Stati della Unione europea che hanno adottato l'euro.

3. Al fondo partecipano i Paesi dell'eurozona, per soccorrere gli Stati in difficoltà finanziaria con prestiti e acquisto di titoli. I primi tre sottoscrittori del fondo sono Germania, Francia e Italia.

4. È guidato da un “Consiglio dei Governatori”, composto dai 19 Ministri delle Finanze dell'area euro, che valuta la sostenibilità del Paese richiedente l'intervento. Spetta, comunque, alla Commissione europea la valutazione complessiva della situazione economica dei Paesi richiedenti.

5. Non c'è scambio tra assistenza finanziaria e ristrutturazione del debito. Nessuno, quindi, metterà le mani nei conti correnti degli italiani.

6. È previsto un fondo per le banche in difficoltà (anche quelle italiane), le quali dovranno prima essere ricapitalizzate dai propri azionisti, obbligazionisti e correntisti, poi può intervenire il fondo con una percentuale del 5% del passivo della banca. Quindi, le difficoltà delle banche francesi e tedesche dovranno essere risolte da se stesse, poi può intervenire il fondo con una percentuale, come detto, del 5%.

7. La crisi della Grecia risale al 2009, prima della istituzione del Mes. È dovuta alla falsificazione dei bilanci pubblici, come dichiarò il primo ministro greco, George Papandreu. Non ci risulta che l'Italia falsifichi i propri bilanci, perciò non c'è nessuna Grecia nell'orizzonte del nostro Paese.

8. Del sostegno finanziario ne hanno usufruito anche Spagna, Portogallo, Irlanda e Cipro e non sono “finiti come la Grecia”, anzi, per quest'anno è previsto un aumento del Pil del 2% per la Spagna, dell'1,7% per il Portogallo, del 4% per l'Irlanda e del 2,9% per Cipro. Per un confronto: l'Italia si attesterà allo 0,1%.

Speriamo di aver chiarito le idee al nostro avventore.

 

Primo Mastrantoni, segretario Aduc


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy