Lunedì , 19 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Marisa Cecchetti. “I vuoti del mosaico” di Gianfranco Jacobellis
17 Luglio 2019
 

Quando il percorso alle spalle è molto lungo e abbiamo fatto buon uso -almeno il migliore possibile- della vita che ci è stata donata, con l’obiettivo di non vivere “una piccola vita”, e quando “ci sono ancora/ cose da fare/ tra i vuoti del mosaico”, si può avere il desiderio di lasciare un forte messaggio a “la bella la giusta la dolce giovinezza”, che sappia sviluppare una “reale e saggia divergenza” e imparare a “stare tra gli altri/ senza allontanarsi da se stessi/ essere in un coro con la propria voce/ a protestare con le idee e l’intelligenza”.

Il buio più oscuro, secondo Gianfranco Jacobellis, viene dalla mente, e solo la conoscenza è madre di spiriti liberi. Del resto “è servo di un grande potere/ il pensiero che non sa capire”.

Coltivare la memoria di un solido passato è indispensabile per vivere e interpretare il presente e per porre le basi del futuro dove l’amore venga alimentato, altrimenti l’uomo rischia di diventare un’isola sempre più disabitata piena di dolore, perché il “dolore è rifiuto di amare”. Non siamo isole, bensì viviamo in un “tutto che contiene tutti”.

Ne I vuoti del mosaico il contrasto luce-ombra è trasversale, con i valori simbolici che contengono: luce del sole e ombra portata dalle nubi che lo coprono, luce di conoscenza e verità e ombra che nasconde il vero, luce/vita contro ombra/fine. Il tramonto si fa sempre più vicino, se ne può raccontare la malinconica bellezza, intanto il vento fa scorrere la nubi in un divenire, in un accadere continuo, vento di passioni e soffio vitale, anima.

I colori della vita fanno contrastano con la nebbia in agguato, le stelle di cristallo che hanno impreziosito le notti non ce la fanno a vincere sul buio, del resto si è persa “la scala per le stelle”, una scala dai gradini ormai consumati, lisi.

L’ombra della morte, che con pazienza ci segue, appare non in maniera drammatica, perché non sarà una fine bensì un trapasso verso una luce nuova: succede anche alla sabbia della clessidra, che cambia luogo ma non scompare. C’è un senso di continuità, “un andare e venire/ tra il vivere e il morire”.

Del resto la morte vera la sperimenta ogni giorno “chi da vivo cancella il mondo/ e le altre memorie/ è la sua solitudine/ la vera morte”. Continua a vivere chi ha donato radici alle sue parole.

Tuttavia non si nega il desiderio di vita, non ci si arrende, ma si riconosce che ora il passo si è fatto più leggero, che l’ombra arriva con un transito più frequente delle nuvole sulla luce.

Rimane la grande meraviglia e la insoluta domanda sulla vita: sogno o realtà il nostro percorso? Essere o pensare di essere? Forse “morire/ è solo un altro modo di sembrare”?

 

Marisa Cecchetti

 

 

Gianfranco Jacobellis, I vuoti del mosaico

Biblioteca dei Leoni, 2019, pp. 192, € 12,00


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy