Martedì , 16 Luglio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta. I tesori di Gerace
03 Giugno 2019
 

Viaggiando nella Locride si entra nel cuore della Magna Grecia. Ogni angolo è storia, arte e cultura. Reperti archeologici, necropoli bizantine, chiese e monumenti ne indicano gli stili artistici e architettonici e ci riportano a un passato, importante crocevia di culture. Uno dei centri più importanti della Locride è Gerace, città d’arte e città santa perché i suoi monumenti sono espressione di stili e di spiritualità: Gotico, Bizantino, Normanno e Romanico, riti latini e riti ortodossi.

Gerace, in provincia di RC, sorge su una rupe a circa 500 m s.l.m., limitata da ogni lato da pareti rocciose e scoscesi erbosi. Storicamente il territorio, come dimostrano le tracce in esso rinvenute, era già frequentato in epoche antichissime, ma il nucleo abitativo iniziò a svilupparsi intorno al VII sec. d.C. quando la vicina Locri Epizephiri, iniziò a spopolarsi a causa delle incursioni saracene. L’abitato presenta un tessuto urbanistico medievale, diviso in Borgo (parte bassa), Borghetto (parte intermedia) e Centro (parte alta). Il castello normanno, i balconi artistici, i pregevoli portali e le chiese indicano un passato importante.

L’inglese Edward Lear, viaggiatore, scrittore e illustratore nel 1847 visitò Gerace e molti centri del reggino e nel suo diario descrisse Gerace: «Piena di palazzi bellamente situati, posta su uno stretto margine di roccia [...] Meravigliati da tanti panorami che si presentano da ogni lato; ogni roccia, Santuario o palazzo a Gerace sembravano essere sistemati e colorati apposta per gli artisti...» (Diario di un viaggio a piedi, 1847). L’arte della tessitura e la lavorazione dell’argilla e della ceramica richiamano l’antico artigianato greco.

La Cattedrale (foto), costruita dai Normanni tra il 1080 e il 1120 in stile romanico-normanno è orientata, secondo lo stile bizantino, con le absidi a oriente e l’ingresso a occidente. È dedicata a Maria Assunta, ed è il più grande tempio antico della Calabria. Ogni elemento della costruzione stupisce, notevoli sono i capitelli in stile corinzio-asiatico. L’altare, consacrato dal Vescovo Gian Carlo Maria Brigantini e dal metropolita Grecoortodosso Mons. Spiridione il 9 luglio 1995 in occasione del 950° anniversario della prima consacrazione della Cattedrale, è molto interessante e cattura l’attenzione, perché è il primo altare dopo la separazione delle due Chiese avvenuta nel 1054, ad essere consacrato da due Vescovi con riti diversi. L’altare è dedicato all’unità della Chiesa, come si può rilevare dalle due scritte, in greco e in latino “INA OSIN EN-UT UNUM SINT”. La parte più antica della Chiesa è rappresentata dalla Cripta greco-bizantina, ricavata in parte nella roccia e costruita probabilmente su un antico oratorio bizantino. Le colonne di varia natura e origine sorreggono volte a crociera del IX e X sec. Il tesoro della Cattedrale conserva oggetti liturgici molto preziosi e tra questi una Croce reliquiario del XII sec. in filigrana con zaffiri e smeraldi. Secondo la tradizione fu il Vescovo Atanasio Calceopylo a portarla da Costantinopoli nel XV sec. Secondo altri studiosi probabilmente dono di Ruggero II alla Cattedrale, proveniente da una bottega orafa di Gerusalemme.

La chiesa di San Francesco d’Assisi, costruita intorno alla metà del XIII secolo, da San Daniele, compagno di San Francesco, è tra i maggiori esempi di stile gotico della Calabria. Sulla facciata si apre un bel portale gotico acuto a triplice archivolto intagliato, ricamato con delicati fregi e motivi geometrici di stile arabo-normanno. La facciata è arricchita da una modanatura, da diversi capitelli e da una svastica raffigurante il sole che, nella simbologia orientale, rappresenta l'eternità.

Il fastoso altare maggiore seicentesco della Chiesa di San Francesco, in marmi policromi intarsiati, costituisce una delle più alte espressioni del barocco calabrese.

Sulla stessa piazza, detta delle tre chiese, si erge la Chiesa di San Giovanni Crisostomo (o di San Giovannello), un piccolo edificio costruito nel secolo XI che mantiene ancora oggi la funzione di chiesa con rito greco-ortodosso. L’atmosfera che vi si respira è di profonda spiritualità. Dal 1993, la Chiesa è stata affidata al Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli e nel 1997 è stata elevata a Santuario ortodosso panitalico.

Provenendo dalla marina si entra a Gerace dove ai fianchi della strada si possono vedere le botteghe artigiane scavate nel tufo; proseguendo si attraversano le monumentali: Porta del Borghetto, Porta delle Bombarde, Porta dei Vescovi e si arriva al Baglio e al castello normanno del XII sec. Passeggiando per le strade semideserte se ne respira la storia, c’è molto silenzio come se il tempo passato avvolgesse col suo manto il presente e si ha la sensazione che tutto preferisca vivere nella memoria trascorsa di un tempo arabo, normanno o bizantino, ma solo una sensazione. Gerace, come altri luoghi della Locride, è un posto magico che emoziona e stupisce con la sua storia. Il paesaggio che si gode dall’alto è stupendo quasi a voler celarne l’abbandono ma al contempo un invito a riportare questi luoghi all’antico splendore. Forse la forza e la volontà dei giovani ci riusciranno ma l’intervento economico richiede uno sforzo che al Sud non si può più negare, perché la Locride conserva tesori inestimabili che chiedono aiuto per ritornare a vivere. Intanto la natura ammanta con profumi e colori che ammaliano ogni visitatore e il gelato, enorme, è buonissimo. L’invito a ritornare è palpabile e sempre più pressante, e varcando la porta verso l’uscita, lo sguardo ritorna indietro e si porta con sé oltre ai magnifici scatti, la voce di scrittori e poeti, di miti, la dolce atmosfera di un territorio capace di dare emozione ad ogni angolo per ciò che è stato, per ciò che è, per ciò che chiede di essere ancora.

 

Anna Lanzetta


Foto allegate

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.4%
NO
 24.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy