Venerdì , 14 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Adriano Angelini. Protesta giovanile il '68
01 Ottobre 2018
 


«Ce n'est qu'un début
continuons lo combat»

 

 

Dedico a coloro che pagarono con la vita la libertà e a tutte le nobili nature di cui Leopardi dice (da La ginestra):

Nobil natura è quella

che a sollevar s'ardisce

gli occhi mortali incontra

al comun fato, e che con franca lingua,

nulla al voler detraendo,

confessa il mal che ci fu dato in sorte,

e il basso stato e frale;

quella che grande e forte

mostra sé nel soffrir, né gli odii e l'ire

fraterne, ancor più gravi

d'ogni altro danno, accresce

alle miserie sue, l'uomo incolpando

del suo dolor, ma dà la colpa a quella

che veramente è rea, che de' mortali

madre è di parto e di voler matrigna.

Costei chiama e incontro a questa

congiunta esser pensando,

siccome è il vero, ed ordinata in pria

l'umana compagnia,

tutti fra sé confederati estima

gli uomini, e tutti abbraccia

con vero amor, porgendo

valida e pronta ed aspettando aita

negli alterni perigli e nelle angosce

della guerra comune.*

 

Perché ricordare il '68, la riscossa di una generazione? Perché non c'è nulla da ricordare, esso è presente nei suoi valori, sostenuti, negati, disattesi, mercificati.

Liberi e uguali, il partito che si è presentato alle ultime e lezioni del 2018; queste sono due parole che ne presentano l'eredità, mancando purtroppo il movimento popolare che le sostenga.

Come allora è sempre in atto lo scontro tra due stili di vita. Si reagisce all'arrivismo e alla meritocrazia, pilastri della società borghese, con propositi democratici e antiautoritari. Lo studente rifiuta di studiare per il voto o perché gli viene imposto, ma studia per aderire a un contenuto che ama, animato da un desiderio di conoscenza che aderisca alla vita umana e alla sua autoformazione.

Al conformismo e alle etichette sociali nasce di contro il vestire dimesso, senza dare importanza, e il portare capelli e barba al naturale, mirando dunque più all'interiorità che all'esteriorità. Oggigiorno l'apparenza purtroppo è salita in cattedra.

Al consumismo si cntrappone una vita proba, tenda e sacco a pelo; il modello: “Il figlio dei fiori non pensa al domani”; si inneggia all'amore libero. Alla guerra in atto e latente si risponde: “Fate l'amore e non la guerra”.

Mentre industria e commercio inquinano per ricavare il massimo profitto e lo Stato n'è complice facendo lo struzzo, si diffonde la parola d'ordine: “sano”.

L'invito è alla coerenza: fare quello che si dice. Si fa obiezione di coscienza al servizio militare, molti pagano con la galera, ma alla fine si vince. A partire dalla famiglia e poi a scuola, ora anche nelle caserme si attacca la gerarchia fondamento del sistema, che trema e si sente minacciato. Esso subisce un'altra scossa col diffondersi della libertà sessuale e l'avanzata dell'emancipazione femminile; si ottengono aborto e divorzio, perciò anche la Chiesa è messa in allarme.

Di fronte all'avanzata tecnologica, si diffonde l'automobile; la televisione è entrata nelle case, le labbra e i cuori pronunciano la parola: “bestiale”, evocando il ritorno all'animalità. Già saggezza della Grecia classica: “Vivi secondo natura”, si accoglie questa esortazione, ci si trova all'aperto godendo il mondo, la socialità e la musica.

Ma il consumismo dei beni superflui che distraggono, corrompono e alimentano l'egoismo si diffonde, il mercato penetra e ingloba ogni aspirazione e attività creativa, nasce il fenomeno della moda che s'impone subdolamente tra la gioventù, il vero si scambia col falso, si equivoca, si confonde, le menti si smarriscono, poi le comodità indeboliscono, rendono pigri e separano; basta avere denaro e tutto si risolve.

La religione diventa il canone dell'ipocrisia, spinge molti ad abbandonarla e ricercare altrove una dimensione religiosa per un dio di tutti che dia realtà alla fratellanza umana. Anche l'ateismo diviene richiesta di autenticità. È l'Oriente che passa le porte dell'Occidente e raggiunge gli Stati Uniti d'America, impegnata nella guerra imperialista del Vietnam e diffonde così una voce pacifista, la voce dell'essere.

I vantaggi che il sistema capitalistico ottiene sono il frutto di uno spietato sfruttamento dei paesi del Terzo Mondo. È la Rivoluzione Cinese che supera la divisione tra lavoro intellettuale e lavoro manuale.

I soggetti principali della protesta anticapitalista sono gli studenti, gli intellettuali e la classe operaia. Contro loro risorge feroce e astuta la repressione. L'umanità della classe operaia e degli intellettuali sembra vincente, si allarga il fronte popolare, sorgono i consigli di fabbrica e i collettivi studenteschi. L'esempio di Allende in Cile trascina. Poi il colpo distato, Pinochet il dittatore vince con l'aiuto del governo americano. In Italia i capitalisti sono appoggiati dai servizi segreti americani, lo Stato è sottomesso alla Nato e attacca la resistenza popolare, orchestra un clima di tensione; ci furono dei morti. Cosi soldi poi si trovano provocatori e traditori. Per colpire non esita a diffondere le droghe.

E ntanto col consumismo cresce una mentalità uniformata ai valori borghesi della moda e del successo, l'individuo abdica al proprio pensiero, e misura sempre più il proprio valore sull'apparenza.

Il mercato ora ingloba anche la politica, oltre la cultura, e detta le sue leggi. È il dominio delle macchine dotate di intelligenza artificiale.

Il mercato risponde subdolamente perfino al bisogno di libertà con nuove invenzioni, di salute con nuovi prodotti, non ultime le pillole del miracolo. Libertà e salute e amore non si comperano. Nietzsche alla vigilia del '900 con voce profetica: «Uomini superiori, fuggite il mercato!» Non è il mercato delle bancarelle, oggi il mercato si chiama con un nome straniero: Internet, il nuovo e più efficiente strumento del regime totalitario diretto dalle multinazionali.

Il '68 non è morto, perché non è mai nato, è da sempre nei suoi valori d'uomo autentico, che si attengono alla natura e alla storia che evince la boria dei vincitori. E sa che i diritti civili hanno necessità di condizioni socio-economiche e culturali paritarie per esercitarli e che la fame dei molti mantiene la ricchezza dei pochissimi.

Un'eco del '68 sono il testamento biologico e la matrimonio tra omosessuali di data recente, come pure le belle parole: solidarietà, accoglienza, diritto di cittadinanza verso i disperati che fuggono da guerre o perché privati del lavoro.

Il '68 mise e mette al centro l'uomo che non ha bisogno di tanto e di più per vivere bene, è lui a dover crescere e progredire, non le cose, verso l'Umanità di una sola Ptaria, la Terra, e di una sola Giustizia: uguaglianza, fratellanza e libertà. Non c'è altro progresso!

Si ricominci dal disarmo. Subdolo e ipocrita è il potere per farci credere che la pace si ottiene con la guerra. In realtà esso, attraverso la guerra e il potenziamento bellico, mira a crescere e mantenere il potere a granzia della grande ricchezza dovuta ai pochi... Senza soldi par che non si possa far niente, si fa di più e meglio. Ci hanno dato due gambe e due braccia, un cuore ed una mente

e il respiro dell'Essere.

 

 

Adriano Angelini

 

 

* Da ritenere a memoria per giovare alla causa del '68.


Articoli correlati

  Vetrina/ Alberto Figliolia. Inno al Sessantotto
  Sandro Fancello. Dieci capitoli sul Sessantotto. 1 e 2
  Sandro Fancello. Dieci capitoli sul Sessantotto. 5 e 6
  Sandro Fancello. Dieci capitoli sul Sessantotto. 7 e 8
  Renato Pasqualetti. Sul saggio di Sandro Fancello
  Sandro Fancello. Dieci capitoli sul Sessantotto. 9 e 10
  Sandro Fancello. Dieci capitoli sul Sessantotto. 3 e 4
  Vetrina/ Adriano Angelini. Suna
  Vetrina/ Adriano Angelini. Per il mio compleanno
  “Le radici”. Spettacolo in Val Tartano, domenica 20 luglio
  Adriano Angelini. Perché votare?
  Giulio Brambilla. Giordano Bruno in due dipinti di Angel
  Adriano Angelini. La politica nobile, l'amore del paese
  Luciano Angelini. “Amnis”, l’orobico di Tarten
  Val Tartano. “Sol Invictus”
  Adriano Angelini. Suicidio di un sedicenne
  Vetrina/ Adriano Angelini. Alla preistoria: Amnis dalla fiera chioma
  Fratelli Angelini: La mostra e il teatro, di luglio a Morbegno
  F.lli Angelini. Il simbolo degli Orobi, la religione del Sole
  Vetrina/ Adriano Angelini. Sol invictus
  Personaggi del bosco
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.8%
NO
 26.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy