Lunedì , 18 Dicembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “Gatta Cenerentola” di Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri, Dario Sansone
23 Settembre 2017
 

Si sa che l'allegoria collega a un'immagine, a un ambiente, ma anche a un seguito di eventi, un significato ben preciso, più generale, che li oltrepassa. Un esempio classico: la selva in cui Dante si smarrisce all'inizio del suo celebre poema, ci è stato spiegato, è allegoria del peccato.

Un film il cui impianto è interamente allegorico, è il film d'animazione, ispirato a una novella di Giambattista Basile, Gatta Cenerentola.

E infatti è evidente a ogni spettatore che la nave, sul porto di Napoli, in cui la storia si svolge, destinata nel passato a essere sede di un avveniristico Polo della Scienza e della Tecnologia; e poi, dopo l'uccisione del suo promotore – un armatore – a opera della malavita, divenuto luogo di traffico di droga, di un night club di quart'ordine che copre un giro di prostituzione; e scelta come centro di una nuova Las Vegas, tutta adibita al riciclaggio di denaro sporco; ebbene quella nave è evidentemente allegoria di due Napoli (o di due Italie): una Napoli generosa, idealistica, inventiva; e una Napoli, predominante, criminale, disperata, distruttiva e autodistruttiva.

I personaggi del racconto sono tutti definiti in primo luogo in base all'appartenenza all'una o all'altra Napoli.

La matrigna della favola, promessa sposa all'armatore, a cui in fondo voleva bene, ma anche poi, per un atavico disincanto, ha lasciato uccidere da un delinquente di cui è tuttora innamorata, incarna il cinismo. La voragine in cui precipita è quella della totale mancanza di ideali.

Le sue figlie (una delle quali, in effetti, è un travestito), sguaiate, sanguinarie, pronte a prostituirsi ai criminali, incarnano la corruzione. La loro sorellastra Cenerentola, traumatizzata dall'omicidio del padre, e per questo muta, apparentemente ebete, è l'innocenza impotente.

E un poliziotto, un tempo aiutante dell'armatore ucciso, e che ora ingaggia con la criminalità una lotta temeraria, quasi suicida – data la forza che la criminalità ha acquisito – è l'eroismo strenuo.

Gatta Cenerentola è un piccolo gioiello. Il disegno animato crea un continuo gioco di dissolvenze tra situazioni del presente e del passato, che serve a mettere in discussione lo status quo – come le cose sono effettivamente andate – alla luce di come sarebbero potute andare, suggerendo un'indicazione per il futuro.

Le figure dei personaggi non sono levigate e armoniose come quelle dei tradizionali disegni di Walt Disney; sono apparentemente grezze, angolose, si direbbe: di derivazione “cubista”. Forse perché la realtà a cui appartengono è tutt'altro che edulcorata, ma anzi dura, aspra. Ma anche se stilizzate, quelle figure evocano con precisione, con grande efficacia, ognuna delle maschere in cui i personaggi consistono.

Forse il limite del film è nello stesso impianto allegorico, che vincola il racconto a significati precisi ma anche semplici. Si ha a volte l'impressione che i disegni rianimino un repertorio di figure già depositate nella nostra memoria, piuttosto che farci esplorare un mondo inedito (o aspetti inediti di quel mondo).

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della rubrica “Cinema e cinema”,

trasmessa da Radio Radicale il 23 settembre 2017)


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.9%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy