Lunedì , 20 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ambrogio Saibene. Sanità di montagna: Morbegno assente ingiustificato
10 Settembre 2017
 

A metà febbraio di quest’anno, appena è stata prevista la chiusura, a partire dall’inizio del mese di marzo del Pronto Soccorso di Morbegno nelle ore notturne, c’è stata una reazione / mobilitazione popolare coordinata da un comitato spontaneo che si è fatto carico di raccogliere numerose firme che sono servite a procrastinarne la chiusura. Il Comitato Salviamo la nostra sanità ha continuato la protesta in vari modi e si è fatto carico di informare la popolazione e di coinvolgere le autorità competenti sia in ambito locale che regionale. L’appoggio più significativo all’iniziativa, oltre a quella dei Presidenti dei Comitati di Zona di Morbegno, è stato quello dei Parroci del Vicariati di Morbegno e Talamona che hanno inoltrato alle autorità competenti una lettera di rappresentanza del bisogno della popolazione: «Appena abbiamo saputo che, entro pochi giorni, si sarebbe chiuso il Pronto Soccorso di Morbegno durante la notte, abbiamo aderito alla raccolta firme promossa dal comitato spontaneo sorto per l’emergenza. Nel frattempo ci siamo resi conto che i servizi/reparti dell’Ospedale di Morbegno erano, nel corso degli ultimi anni, silenziosamente scomparsi senza che la popolazione fosse tenuta al corrente e coinvolta. …Premesso che un Pronto Soccorso funzionale, supportato (da servizi e reparti necessari) ed attrezzato al suo scopo risulta indispensabile per il mandamento di Morbegno e che quello attuale va potenziato, si chiede una relazione dettagliata dei servizi sanitari offerti alla cittadinanza del comprensorio di Morbegno nell’area diagnostica, servizi ambulatoriali, reparti dell’Ospedale / Presidio Ospedaliero e Pronto Soccorso / Pronto Intervento…»

Non ci sono state risposte concrete nei tempi previsti, da parte delle autorità. Facendo seguito alle considerazioni e alle richieste dei Parroci il nostro Consiglio Pastorale ha recentemente inviato, alle stesse autorità, un documento nel quale, partendo dal presupposto che, l’accoglienza dei bisogni di salute deve essere gestita a livello di territorio, riconosciuto come tale, pena la scomparsa dell’identità socio-economica-culturale dello stesso, si chiede di rivalutare la situazione in modo più aderente agli interessi della popolazione del Mandamento di Morbegno auspicando un progetto condiviso.

In questa direzione è stato compiuto un ulteriore, importante passo il 18 luglio scorso quando il consiglio comunale di Morbegno ha fatto proprio il lavoro del comitato popolare, approvando all’unanimità una delibera “a difesa e rilancio della Sanità di Montagna con riferimento ai servizi territoriali, all’ospedale di Morbegno e alla piena operatività del soccorso alpino” in cui si chiede sine die la presenza del mezzo di soccorso avanzato con il medico a bordo a Morbegno, quella dell’anestesista durante il giorno e la pronta disponibilità notturna, il potenziamento della rete dei trasporti, la riapertura dei reparti di Riabilitazione cardiologica e di Medicina generale e il potenziamento dell’Hospice, del Poliambulatorio e della diagnostica per immagini.

Come da un recente discorso di Papa Francesco su Carità e Salute del 10 febbraio 2017: «Il modello aziendale in ambito sanitario, se adottato in modo indiscriminato, invece di ottimizzare le risorse disponibili rischia di produrre scarti umani. Ottimizzare le risorse significa utilizzarle in modo etico e solidale e non penalizzare i più fragili. Non sia solo il denaro a orientare le scelte politiche e amministrative, chiamate a salvaguardare il diritto alla salute sancito dalla Costituzione italiana, né le scelte di chi gestisce i luoghi di cura. La crescente povertà sanitaria tra le fasce più povere della popolazione, dovuta proprio alla difficoltà di accesso alle cure, non lasci nessuno indifferente e si moltiplichino gli sforzi di tutti perché i diritti dei più deboli siano tutelati».

Ed è per questo che, come cristiani e cittadini, siamo chiamati a essere consapevoli e partecipi dei bisogni e delle risorse del nostro territorio evitando la completa delega ai politici che saranno sempre rassicuranti ma volubili e parziali per lo stessa identità e definizione.

 

Ambrogio Saibene

(da In cammino sulla Riva,* agosto 2017)

 

 

* In cammino sulla Riva è il bollettino parrocchiale della Comunità di Campovico, Paniga e Desco. Direttore Don Battista Galli, Dir. Resp. Maria Cristina Pesce.

 

 

Illustrazione

A seguito dell’approvazione della Legge Regionale n. 23 dell’agosto 2015 è stata costituita l’Agenzia di tutela della salute (ATS) della montagna dove sono confluite l’ex ASL della Provincia di Sondrio, l’ex ASL della Vallecamonica – Sebino e il Distretto del Medio e Alto Lario dell’ex ASL di Como.

Con questa mappa ho cercato di sintetizzare il quadro della realtà utilizzando il materiale disponibile sulla rete, nei siti ufficiali dei rispettivi enti. Risulta che, nella pianificazione sanitaria hanno avuto più peso le rappresentanze territoriali dei consiglieri regionali che le esigenze di salute delle popolazioni. Il punto interrogativo su Morbegno significa una situazione di incertezza: il Pronto Soccorso che doveva chiudere nel mese di marzo di quest’anno è stato mantenuto aperto, ma in malo modo e per breve tempo, in seguito alle firme di protesta e al lavoro del comitato spontaneo che si è costituito.


Articoli correlati

  Luigi Mescia. Sondrio: Declino e degrado della sanità provinciale
  Morbegno. “Maroni, chiudi la Comunità Montana non il Pronto Soccorso!”
  Morbegno. Tutti in piazza per l'ospedale
  Morbegno. Salviamo la nostra sanità: “Non molliamo!”
  Radicali Milano. “Via Infrastrutture Lombarde!”
  Morbegno. Non chiediamo la luna, ma esigiamo decenza
  Angelo Costanzo, PD. Basta tergiversare sulla sanità in provincia di Sondrio!
  Adesso tocca all'Azienda socio-sanitaria aggiornare il suo Poas
  “Salviamo la nostra sanità” verso un'intesa di territorio
  Morbegno. “Chi, quando e perché ha chiuso la Ria­bi­li­ta­zio­ne cardiologica?”
  Morbegno Sanità. De Biasi (Pd): “Fondamentale garantire l’apertura 24 ore su 24”
  Morbegno. Dopo Della Bitta, Trivella...
  Morbegno. Un presidio ospedaliero territoriale da riempire di contenuti
  Sanità a Morbegno: cosa sta succedendo?
  Pronto Soccorso Alpino
  Buon lavoro, direttore Rotasperti!
  La Città di Morbegno e il suo Ospedale
  Morbegno. I N A U G U R I A M O
  Morbegno. P.S. Alpino, Riabilitazione cardiologica, Medicina, potenziamento Hospice e Poliambulatorio nel presidio ospedaliero territoriale
  Gianfranco Cucchi. La sanità di montagna, il POT di Morbegno e l'autonomia
  P.S. Morbegno. Bene la prosecuzione con turnistica e organiz­za­zione consolidate
  La divisione del patrimonio ospedaliero e sanitario
  Sanità di montagna: un malato da rianimare
  Ospedale di Morbegno. “Roba da Gabibbo...”
  Morbegno. Meno 5 giorni alla chiusura del Pronto Soccorso
  Morbegno. Meglio una non-Provincia attiva che una Comunità Montana assente
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy