Giovedì , 21 Settembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama
 
successivo  
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Benedetto Della Vedova. Migranti, giusto l’allarme di Emma Bonino sui diritti dei rifugiati in Libia
08 Settembre 2017
 

Le parole di Emma Bonino (cfr. video di Angela Nittoli, laRepubblica.it, 06/09/17, ndr) sono un richiamo potente alla realtà e alla responsabilità per una democrazia fondata sullo stato di diritto e la difesa dei diritti umani (che si chiamano così perché prescindono dai confini e dalle cittadinanze).

Per l’Italia e per l’Ue non è né praticabile, né ammissibile chiudere gli occhi rispetto a quanto accade alle donne e agli uomini che l'Europa contribuisce a trattenere o riportare in Libia.

Abbiamo pressoché da soli sostenuto il processo di ricostruzione istituzionale libico disegnato dall'Onu che ha portato al governo di Al Sarraj e al suo (relativo) consolidamento. Questo ha consentito di ottenere la collaborazione libica, anzi di avere una richiesta libica all'Italia di cooperazione, per il controllo dei flussi irregolari di migranti e il contrasto al vile mercato di donne, uomini e bambini.

Quando fu stipulato l'accordo tra Berlusconi e Gheddafi non fu possibile nemmeno ottenere dal dittatore la riapertura dell'ufficio UNHCR di Tripoli.

L'accordo con Erdogan ha sollevato il tema dei diritti umani e politici in Turchia, ma nell'intero Paese con cui dialogavamo e che abbiamo sostenuto finanziariamente, non tanto rispetto alla condizione dei rifugiati siriani.

Ieri Gentiloni non solo ha dichiarato di condividere “l’allarme umanitario”, ma ha ribadito che per il governo italiano questo rappresenta “uno dei nostri impegni maggiori”. Il Presidente del Consiglio (RaiNes) ha insistito sulla necessità di assicurare in tempi rapidi una efficace azione sul terreno libico, con le organizzazioni non governative e quelle internazionali, da parte dell'Italia e della UE, per avere condizioni di vita civili delle persone che aspettano di chiedere rifugio in Europa e capire se lo avranno o no.

I diritti umani dei migranti in Libia, forse, non sono alti nelle priorità di chi pensa alla castrazione chimica preventiva dei migranti che toccano il suolo italiano o evoca gli untori manzoniani per un drammatico caso di malaria. Per noi non è così.

La legittimità e la sostenibilità politica del controllo delle partenze dalla Libia in collaborazione con le autorità libiche non può prescindere dal fatto che quelli libici siano “porti sicuri”. Questa deve essere una priorità italiana ed europea. Se non saremo in grado di ottenere risultati su questo fronte, mettendo energie e risorse necessarie, dovremo cambiare strategia, prima che i successi di oggi possano diventare un fallimento domani.

 

Benedetto Della Vedova


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.4%
Non so.
 1.2%
Non sono d'accordo.
 36.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy