Sabato , 16 Dicembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. Crisi 
A libro aperto: pensieri peregrini a sera... - 2.
07 Agosto 2017
 

Quale crisi?

 

Tenera è la notte di Francis Scott Fitzgerald, il romanzo più denso e complesso dello scrittore statunitense, offre diversi spunti di riflessioni sulla felicità, la bellezza, l’infedeltà, il piacere, la crisi, il fallimento, l’alcol e tanto altro ancora.

In particolare una frase, sempre attuale, ricorda: ...o si impara l’educazione in casa propria o il mondo la insegna con la frustra e ci può far male.

Educazione intesa nel significato più ampio del termine e non come comportamento esteriore. Ciò che è sotteso alle parole di Fitzgerald è, infatti, verificabile da tutti. Eppure sono tanti che entrano nella vita senza un’adeguata “armatura” per affrontarne le insidie.

Si cresce troppo in fretta? Si è super protetti e coccolati dalla famiglia? o al contrario i genitori non sono stati adeguatamente presenti?

Se lo chiedono pedagogisti e psicologi, sociologi e filosofi che dibattono ampiamente le più disparate tesi nei convegni – pullulanti in ogni parte del Paese – sul tema: emergenza educativa.

La realtà che rimbalza sulle cronache narra di giovani sbandati, privi della formazione necessaria per fronteggiare ostacoli, facilmente stressati dalle delusioni e dalle sconfitte; ma esistono anche giovani preparati e pronti alle sfide che la società, la politica di oggi e cambiamenti tecnologici pongono loro.

Chi si illude di potersi muovere senza confini, di agire imprudentemente, di scavalcare tutti con arroganza, forse… prenderà delle frustate… ma allo stesso tempo – e con molta amarezza, constatiamo – e vi sono quelli (li chiamano fortunati!!!) che, pur entrando in scena con arroganza, sono rispettati e, privi di istruzione e competenze, talora raggiungono posizioni di rilievo nella società.

È crisi educativa o crisi del sistema dei valori?

Crisi del lavoro che conduce dritto alla crisi d’identità?

Non si conoscono risposte chiare, né si vedono risoluzioni.

E sempre più lontane saranno quest’ultime se – come scriveva Rita Levi Montalcini – non c’è fiducia o non si crede nei valori: Non ha importanza che siano religiosi oppure laici. I giovani devono credere in qualcosa di positivo e la vita merita di essere vissuta solo se crediamo nei valori, perché questi rimangono anche dopo la nostra morte. (G. Rando)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.9%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy