Martedì , 24 Ottobre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Fioretti, indulgenze e il dogma dell’Assunzione 
Alla ricerca della spiritualità – 6
17 Giugno 2017
 

Attaccato al muro, dietro alla cattedra, c’era il cartellone dei fioretti, lavoretti in carta di tante forme – fiori cuori stelle uccellini – che si appuntavano accanto al nome dell’alunno meritevole. C’era tutto l’elenco dei nostri nomi, sul tabellone, e si faceva a gara a chi potesse vantare più fioretti. Specialmente nel periodo della Quaresima, il cartellone fioriva come i prati in primavera.

I fioretti si guadagnavano con sacrifici e rinunce, ma anche con buoni propositi da mantenere in tempi stretti, da offrire al Signore o alla Madonna. Io, per mio conto, preferivo offrire i fioretti a Sebastiano, mio santo prediletto da quando l’avevo visto raffigurato in un quadro alle catacombe sull’Appia Antica. Legato a un palo, quasi nudo, solo un panno celeste attorno ai fianchi, trafitto dalle frecce per tutto il corpo fino al collo, con gli occhi imploranti rivolti in alto – dove io vedevo solo il soffitto ma forse lui vedeva lo sguardo pietoso di Dio – il povero san Sebastiano, così giovane e martoriato, si era conquistato tutta la mia devozione. Per lui raddoppiavo i fioretti – i miei erano a forma di trifoglio: “Io vi adoro, o Dio, in tre Persone, e mi annichilo innanzi alla Vostra Maestà…” – ero gentile e servizievole a casa e a scuola, non tiravo sassi e non facevo sgambetti, non dicevo brutte parole e scacciavo i cattivi pensieri, ed ero capace persino di rinunciare a mangiare la merenda e a bere quando avevo sete. Fino a che i trifogli non entrarono più sul cartellone e la suora aggiunse un cartoncino per appuntarli, ma poi mi prese in disparte – ero magra e pallidina, si era nel dopoguerra – e mi disse che i fioretti sono una bella cosa ma non occorre esagerare, Gesù e la Madonna accettano anche le buone intenzioni. Capii che era quello il momento, o allora o mai più, per rivelare a chi offrissi in verità i miei fioretti, ma non riuscii a spiccicare parola sentendomi in colpa, mia massima colpa, per la trasgressione – le regole parlavano chiaro: i fioretti si offrono al Signore o alla Madonna Santissima – e per il peccato di omissione – chi aveva il coraggio di confessarlo alla suora? – come non bastassero quelli di pensiero, parole e opere. Ma se Dio ci ha creati per la sua gloria, perché ci ha fatto peccatori?

 

Poi arrivò l’Anno Santo, il mio primo Giubileo.

Madre, che vuol dire Giubileo? – E la suora ci spiegava che il Giubileo è l’anno della remissione dei peccati, della conversione e della penitenza; che inizia con l’apertura della Porta Santa – tre colpi con un martello d’avorio e d’argento – e dura un anno, da Natale alla Befana dell’anno seguente, e che anticamente veniva annunciato col suono d’un corno d’ariete – il maschio della capra – detto dagli ebrei yobel, da cui prende nome il Giubileo, che vuol dire giubilo, gioia e festa. Poi c’era il fatto delle indulgenze, parziali e plenarie, che in quel periodo se ne potevano guadagnare tante, fino a salire – a certe condizioni – dritti in paradiso evitando il passaggio in purgatorio. E noi tutti lì in attesa di sapere il seguito, ma la suora chiuse l’argomento dicendo che se ne sarebbe riparlato più in là, quando avremmo conosciuto meglio la dottrina. In compenso ci disse che forse avremmo partecipato anche noi al Giubileo, se si riusciva a organizzare il viaggio per tutti. Intanto dovevamo scrivere i nostri pensierini su quanto si era detto, e tutti noi alunni volenterosi a masticare l’asta di legno della penna in cerca d’ispirazione.

Alla fine ci andammo, al Giubileo, cantando e pregando per tutto il viaggio su un grosso camion coperto da un telo, e poi in piazza san Pietro, in fila per entrare nella più grande basilica cristiana del mondo. Ricordo vagamente questa gran folla ondeggiante penetrare come una fiumana nella vastità dei saloni, e un trono con lo schienale altissimo viaggiare come sospeso in aria, con il papa tutto vestito di bianco che mentre passa benedice i fedeli di tutta la terra, giunti a Roma – ci era stato detto durante l’attesa – con la Carta del pellegrino distribuita in quell’anno per favorire gli spostamenti. E poi mi sento sollevare fino a lui, il Sommo Pontefice, con il compito di leggere i nostri pensierini sull’amore e sul perdono scritti in classe, e durante tutta la lettura – forse qualche minuto, forse un’eternità – il papa che mi dà i buffetti sulle guance e mi accarezza la testa, ed io che me lo vorrei abbracciare ma è già passato oltre.

In quel Giubileo del 1950 – il 24°, detto “L’anno del gran ritorno e del gran perdono” – oltre alla canonizzazione della beata Maria Goretti (“O giovani, fanciulli e fanciulle dilettissimi, pupille degli occhi di Gesù e dei Nostri, – dite – siete voi ben risoluti a resistere fermamente, con l'aiuto della grazia divina, a qualsiasi attentato che altri ardisse di fare alla vostra purezza?”) fu proclamato dal papa Pio XII il dogma dell’Assunzione, secondo cui la Madonna alla sua morte è volata in cielo anima e corpo. Esattamente il 15 agosto. Un altro mistero glorioso su cui lambiccarsi il cervello, un’altra novena da mandare a memoria: “…sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale vi degnerete di ricevere noi tutti in Cielo. Ave”.

 

Maria Lanciotti

 

 

Alla ricerca della spiritualità

6 (segue)


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.4%
Non so.
 1.2%
Non sono d'accordo.
 36.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy