Giovedì , 27 Aprile 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Aperitif all'Apeiron
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Il n’y à pas de hors-texte 
di Gianfranco Cordì
15 Aprile 2017
 

Il mio aperitivo, qui all’Ápeiron, con Jacques Derrida, e il nostro colloquio, è finito. Ripercorro mentalmente le tappe del mio conversare col filosofo franco-algerino.

DERRIDA: «La strategia decostruzionista consiste nell’inversione della metafisica della presenza».

GIANFRANCO: «Andiamo piano! Tu dici che la tradizione filosofica occidentale è stata fino adesso una tradizione logocentrica: che privilegia la presenza piuttosto che l’assenza, la parola piuttosto che la scrittura».

DERRIDA: «Sì. È qui che si innesta la mia strategia decostruzionista: invertire il processo per mezzo del quale è stato costruito un testo».

GIANFRANCO: «Già: perché per te esiste una differenza fondamentale tra un libro e un testo».

DERRIDA: «Tra la voce e la parola, tra la scrittura e la manifestazione vocale di un concetto, tra l’esporre le cose in maniera organica e coerente attraverso dei segni e il dire».

GIANFRANCO: «Torniamo un attimo indietro: cos’è una strategia decostruzionista?»

DERRIDA: «È la messa in opera della différance».

GIANFRANCO: «Insomma la tradizione filosofica occidentale ha sempre prediletto la presenza all’assenza. La presenza di una parola detta piuttosto che l’evidenza di un testo scritto: è questa la differenza fra testo e libro. Naturalmente tu affermi che si debba privilegiare il testo».

DERRIDA: «La messa in opera della différance è proprio questo: il negativo, l’assente, il non pensato può essere protagonista di una post-filosofia pienamente post-moderna».

GIANFRANCO: «Ma per far questo devi decostruire».

DERRIDA: «Nella tradizione filosofica occidentale tutto il male è attribuito alla scrittura».

GIANFRANCO: «Insomma bisogna chiudersi in un testo».

DERRIDA: «E da lì iniziare a decostruire: fare emergere quelle opposizioni che sono il sale della dialettica hegeliana e nelle quali consiste tutta la tradizione occidentale».

GIANFRANCO: «Fare emergere la differenza del testo scritto rispetto al detto parlato».


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.4%
Non so.
 1.2%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy