Venerdì , 30 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Una vita d’artista: Walter Chiari, fino all’ultima risata
01 Marzo 2012
 

Domenica e lunedì in prima serata è andata in onda la fiction tv Walter Chiari, regia di Enzo Monteleone, con Alessio Boni nei panni del famoso attore scomparso vent’anni fa. La Rai in qualche modo “recupera” un rapporto interrotto con il grande Walter per le sue vicende giudiziarie, un accantonamento per lui lacerante, che ne segnò la carriera e la vita personale. Mattatore poliedrico, di talento naturale, spontaneo e accogliente, generoso e altruista; ma anche esposto alle tentazioni, alle trappole che l’ambiente artistico ha sempre pronte per catturarti e farti male. Al di là della vicenda biografica, che in questa mini-serie appare soprattutto nei suoi risvolti intimi e umani, è interessante vedere come la figura dell’artista possa rivelarsi “preda” di loschi personaggi, incantatori convincenti e persuadenti nell’inseguire l’altrui infelicità. O bersaglio per incidere ferite profonde da chi cova invidia e rancore. Walter Chiari era personaggio a parte, fantasioso sul palcoscenico e nella vita, a costo della disfatta, ma pronto a rialzarsi, anche se tumefatto (fuori e dentro di sé). Una sorta di J. La Motta dello spettacolo, che k.o. non andò mai. Come un bravo pugile “incassatore”, Walter Chiari seppe sempre riprendersi, anche se consapevole di un passato scintillante che non poteva tornare. Cosciente della sua umile origine, era grato alla vita per la fortuna di cui aveva goduto. Ma alla fine cosa conta veramente? Esser sé stessi, il denaro – come dice l’attore in una bella battuta del film – “è solo carta”.

Merita una lode particolare il protagonista Alessio Boni, già ammirato in un’altra storia di artista tormentato come Caravaggio, che qui dà un ritratto calzante al personaggio. Boni tratteggia un Walter Chiari entusiasta della vita e generoso nel suo lavoro; il pubblico lo capiva e lo perdonava anche per i suoi memorabili ritardi. Bravo a entrare nelle pieghe complesse di un personaggio ilare e triste, euforico e malinconico, innamorato e tradito nella vita e nel lavoro. E, alla fine, Chiari si rivelò anche un solitario (la sua morte è testimonianza di questo), a suo modo un uomo “contro”, come lo fu Caravaggio. O, per citare ancora un personaggio di Boni, come il Matteo de La meglio gioventù.

 

Giovanni Cerri


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy