Venerdì , 19 Luglio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Sport e Montagna > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Un cammino interiore, a “contatto” con la natura 
Un viaggio che richiede tempo e attenzione, ma in grado di ricambiare il lettore con emozioni straordinarie
16 Gennaio 2008
 

Davide Sapienza

La Valle di Ognidove

Cda&Vivalda Editori, Torino 2007, pagg. 174, € 14

 

La valle a cui si riferisce il titolo del libro è quella in cui Davide Sapienza trascina il lettore prendendolo per mano dalla prima all’ultima pagina per una lunga e lenta camminata.

Un luogo in cui si intrecciano elementi di fantasia, sfumature mistico-religiose, visioni e citazioni storiche come quella della guerra sulle Alpi italiane o la vita di Gesù. Senza dimenticare territori reali come il nord europeo, i ghiacciai del Canada artico e le Alpi.

Davide Sapienza sulla scia dell’opera precedente I Diari di Rubha Hunish, propone un libro che rappresenta un romanzo-viaggio nel profondo della nostra anima, un percorso intimista o, per meglio dire, un viaggio del pensiero. «Il pensiero è il luogo del viaggio per eccellenza. Continuamente nutrito dall’emozione, sa come attendere e sa come abbandonare le terre aride perché sa progettare e sa risolvere, ma può attendere, ascoltare lasciarsi pensare dal suo corpo».

Un libro ricco di sensazioni, da gustare lentamente, un’opera che richiede un approccio particolare, ma che in compenso è in grado di farci sentire in empatia con la natura, lontani dalla nostra vita di tutti i giorni. «L’esperienza era folgorante. Il pensiero si era liberato dall’oppressione dei rumori… Sciogliendo i lacci, come di rado negli ultimi mesi gli era capitato, aveva intrecciato una danza meravigliosa con le parole di un libro…».

Il protagonista de La Valle di Ognidove - Ishmael - affronta sette tappe che corrispondono a sette formazioni rocciose solitarie chiamate “nunatak”, una parola Inuit usata dal popolo dei ghiacci per indicare gli avanzi geologici di terre che furono. Cime solitarie di ghiaccio e neve, l’unico rifugio per piante e animali durante la glaciazione nel quaternario, isole che diventano per l’autore nuclei tematici e capitoli attorno a cui si snodano le idee del testo.

Dal libro emergono chiaramente riferimenti a Jack London, alcuni passi ci hanno ricordato le atmosfere dei racconti di Poe o i paesaggi innevati e solitari narrati nei diari di Shackleton.

Complimenti a Sapienza che ha avuto il coraggio di proporre un libro avvincente e ambizioso, che non sempre è di immediata comprensione e che richiede una buona dose di attenzione da parte del lettore.

 

Lino Garbellini


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.4%
NO
 24.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy