Mercoledì , 21 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Sport e Montagna > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Guido Monti. Brevi considerazioni sulla morte di Maradona
26 Novembre 2020
 

Maradona è morto, evviva Maradona.

Inevitabilmente la scomparsa del grande campione argentino ha colpito un po’ tutti, in particolare i fans del calcio, e ha suscitato reazioni ed emozioni talvolta davvero eccessive (vedi i tifosi napoletani che si sono riversati in strada ad onorarlo privi di mascherine e incuranti del distanziamento imposto dal Covid). Da appassionato del pallone desidero aggiungere qualche opinabile parere al fiume d’inchiostro versato dalla carta stampata e alla sequela di servizi andati in onda sulle varie emittenti radiotelevisive a proposito del decesso del cosiddetto ‘Pibe de oro’.

È vero, Diego Armando è stato un eccelso protagonista del football, che resterà impresso nella memoria di chi ha avuto il privilegio di poterne ammirare le gesta agonistiche. Non so se sia stato il miglior calciatore in assoluto, e personalmente preferisco Pelè - in tutti sensi - che, non va dimenticato, ha vinto e segnato nella sua carriera molto più di Maradona. Ma quello che mi preme sottolineare è l’altro volto di Dieguito, genio e sregolatezza non tanto sui campi di gioco quanto nella vita privata, dove ha dimostrato di essere incapace di gestirsi al meglio pur essendo stato baciato dalla fama e la gloria dovute al suo talento.

Quando qualcuno cessa di vivere è discutibile abitudine cantarne le lodi e incensarlo senza riserve sul suo operato terreno. Questo mi sembra il caso di Maradona che in realtà non può essere ritenuto un modello da imitare, considerato il rosario delle sue malefatte. L’elenco è lungo, a cominciare dai rapporti tenuti con la camorra e la malavita napoletana, per passare all’iniziale disconoscimento di una paternità poi innegabilmente ammessa di fronte all’evidenza della impressionante rassomiglianza col frutto del suo peccato napoletano, fino a giungere all’abuso di stupefacenti sfociato nel doping sportivo. Non si tratta di fare del facile moralismo, piuttosto di rivendicare il diritto, oltre che il dovere, di offrire dei buoni esempi alle giovani generazioni, in particolare ai ragazzi praticanti una disciplina sportiva.

Onore dunque al defunto Maradona, e doveroso rispetto per le sue fragilità umane, però nell’osservanza di valori che hanno molto maggiore rilievo rispetto alla grandezza rappresentata da una star del gioco più bello del mondo.

 

Guido Monti


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.7%
NO
 26.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy