Sabato , 11 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “La dea fortuna” di Ferzan Ozpetek
03 Gennaio 2020
 

La prevedibilità costituisce davvero, di per sé, un difetto, in un racconto letterario o cinematografico?

Io non ne sono convinto, anche perché non penso che sia la sorpresa l'emozione più incisiva che può riservarci un racconto. Mentre possiamo prevedere che due innamorati si ricongiungeranno, che l'assassino sarà smascherato, che l'eroe sarà ucciso, il processo per cui si produrranno questi eventi potrà comunque emozionarci e magari commuoverci.

Ora, mi pare indubbio che l'esito della storia che racconta Ferzan Ozpetek nel suo ultimo film intitolato: La dea fortuna sia largamente prevedibile. I protagonisti del racconto sono due uomini legati da un lungo sodalizio amoroso ora in crisi, perché si è offuscata la passione di un tempo, perché in genere nelle loro vite sugli entusiasmi e le speranze della gioventù, sono prevalse le delusioni e il grigiore delle abitudini quotidiane.

Così quando una loro cara amica, rimasta sola con due figli piccoli, si ammala gravemente, e affida loro per qualche tempo i due bambini, capiamo subito che quei bambini sono destinati a portare nuova linfa al corpo stanco della loro relazione, e che tutti insieme formeranno una nuova famiglia. E sarà questa infatti – superati alcuni ostacoli che si indovinano quasi subito sormontabili (i due uomini che vorrebbero separarsi, una nonna che vorrebbe impadronirsi dei bambini) – sarà appunto questo l'esito della vicenda.

Ora, se è vero che la prevedibilità in arte non è davvero un difetto, si potrebbe però rimproverare ad Ozpetek di avere agevolato un po' artificiosamente la conclusione. Insomma: il racconto non dà sempre l'impressione di procedere “motu proprio”, con spontaneità, ma di essere guidato da un intento dimostrativo: dimostrare cioè che tanto per i due bambini quanto per i due uomini, quel legame familiare è la migliore soluzione possibile.

È nella logica, credo, di una dimostrazione, che alla nuova famiglia felice è contrapposta l'ipotesi di un'altra famiglia nella quale i due bambini sarebbero affidati alla nonna, che è però una nonna-strega, una nonna-orco (efficacemente impersonata dalla scrittrice Barbara Alberti), la quale introduce un elemento quasi fiabesco in un racconto che prima di allora era stato soltanto del tutto realistico. È evidente che i bambini starebbero meglio con i due uomini, ma, data l'orrida alternativa, Ozpetek si è dato un po' troppo facilmente ragione.

Ma la forza del film è nella descrizione, fine e sottile, del legame tra i due uomini, interpretati da Edoardo Leo e Stefano Accorsi.

Lo spirito libertario di quel legame – per cui l'omosessualità non costituisce mai, ovviamente, motivo di inibizione o di vergogna; per cui sono ammessi saltuari tradimenti, e anche il sesso di gruppo – non diventa mai ragione di una celebrazione trionfalistica di quel legame. La crisi della coppia – dovuta anche all'invecchiamento, a una conoscenza dell'altro così intima che non risparmia le sue meschinità, e impedisce qualsiasi idealizzazione – quella crisi è resa con un'oggettività perfino crudele.

Ma l'intuizione più vera che è al fondo del racconto, è che la vita, anche di coppia, per non inaridirsi, avrebbe bisogno di una prospettiva più ampia del ristretto orizzonte del privato. Ma data la mancanza di ideali di qualsiasi genere, che questo film come altri film italiani riflette, sono qui soltanto i bambini che riescono ad apportare alla coppia la vivificante prospettiva di una vita futura.

Molto interessante.

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 28 dicembre 2019
»»
QUI la scheda audio)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy