Venerdì , 20 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “Nureyev - The white crow” di Ralph Fiennes
04 Luglio 2019
 

Forse la prima decisione che deve prendere un autore affrontando qualsiasi tema, è capire quale aspetto di quel tema indagare, approfondire; e quali aspetti lasciare opachi, indefiniti: essendo evidentemente improduttivo, irrealizzabile, specie al cinema, nella durata limitata di un film, condurre un'indagine “a tutto campo”, che sia su un personaggio o su un ambiente.

Così, volendo realizzare un film sulla vita del celebre ballerino russo Rudolf Nureyev, basato su una monumentale biografia di Julie Cavangh, credo che sia un merito quello dello sceneggiatore del film – il drammaturgo inglese David Hare – e del regista – l'attore Ralph Fiennes, qui alla sua terza regia cinematografica – un merito quello di avere attentamente circoscritto il soggetto del racconto.

Non soltanto della vita di Nureyev è considerata la fase giovanile, che si ferma all'esordio della sua carriera; ma di quel periodo sono messi in secondo piano, o come visti dall'esterno, gli aspetti più intimi della vita dell'artista: come la scoperta della propria creatività, o della propria sessualità “diversa”.

Se questi aspetti sono nel film comunque presenti, il centro focale del racconto è però l'urto tra l'artista e la società sovietica, comunista, degli anni Cinquanta, nella quale egli si era formato e che aveva consentito a lui, nato da una famiglia molto povera, l'educazione alla danza.

Tale conflitto è quello tra l'individualismo del personaggio, e il moralismo di una società che condanna chi si sottrae, trasgredisce, alla regole imposte alla collettività.

Così se Nureyev ama la solitudine, se ambisce al successo e alla ricchezza, se vuole rompere i codici della danza classica maschile, se ama indifferentemente donne e uomini, si scontra con una società dove, a quanto vediamo, l'individuo è tenuto a inserirsi nel gruppo; si deve lavorare, anche come artisti, non per l'affermazione di sé, ma per il bene, per l'istruzione, del popolo; le gerarchie e i codici vanno rigorosamente rispettati; e l'omosessualità, si intuisce perché non viene nemmeno nominata, non è certo vista di buon occhio.

Ora, tale conflitto esplode e diventa quantomai evidente, plastico, quando Nureyev, insieme alla Compagnia di Danza di Leningrado nella quale è riuscito a entrare, va in tournée a Parigi, nel 1961. E vede dispiegarsi sotto i propri occhi, una società, un mondo, che tutela quelle libertà che nella sua patria d'origine sono condannate.

Se è vero che la parte più emozionante, più avvincente, del film di Ralph Fiennes, è quella finale, quando nell'aeroporto di Parigi, mentre i funzionari sovietici vorrebbero rimpatriare forzosamente Nureyev, lui deve decidersi, e trovare il modo, di chiedere asilo politico in Francia (che poi, sappiamo, otterrà), è anche vero che è tutta la parte antecedente del film (anche se, a momenti, poteva sembrarci un po' ripetitiva, un po' esteriore) che ci aveva dato modo, sapientemente, di simpatizzare con le ragioni del protagonista, di condividere il suo desiderio di libertà: anche se era proprio quel desiderio che ce lo aveva reso a volte, scostante, antipatico.

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 29 giugno 2019
»»
QUI la scheda audio)


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy