Lunedì , 20 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “Nico, 1988” di Susanna Nicchiarelli
22 Ottobre 2017
 

I film biografici spesso non vengono bene.

Forse pesa sull'autore la soggezione nei confronti del personaggio illustre che ha scelto di raccontare, una soggezione che ostacola quell'empatia, quell'immedesimazione necessaria a rendere vivo un personaggio. Forse il rispetto per la verità storica dei fatti impedisce lo sviluppo di una libera narrazione.

Fatto sta che spesso che i film biografici, i “biopic”, risultano meccanici ed esteriori.

Questa premessa serve a evidenziare il merito della regista Susanna Nicchiarelli che ha dedicato un bel film alla cantante Nico, già parte del complesso dei Velvet Underground alla fine degli anni Sessanta, attrice in film di Andy Warhol, e poi cantautrice in proprio.

(Il film si intitola Nico, 1988).

Non si tratta, in effetti, di un tradizionale film biografico, anche perché la protagonista non è presa in considerazione in tutto l'arco della sua carriera, ma soltanto in età matura, nei suoi ultimi tre anni di vita (essendo morta nell'88, a 50 anni). E poi perché i fatti non sono concatenati tra loro secondo la logica di un romanzo. Si tratta di poco più di frammenti incollati l'uno all'altro, tenuti insieme però da un sentimento così forte, così intenso, che contagia lo spettatore. È un senso di deriva, di chi ha visto bruciate le speranze su cui in genere si costruiscono i progetti di una vita (come un amore, o una forma di successo) ed è appeso ormai a un unico filo. Nel caso di Nico quel filo è la sua musica. Nico il successo popolare lo ha conosciuto ed è in parte tramontato. Quanto all'amore, l'uomo della sua vita è ora il figlio, che in passato aveva dato in affidamento e che ora è tossicodipendente come lei, e con il quale vuole ricostruire un rapporto affettivo. Lo raccoglierà tra le sue braccia dopo che il ragazzo ha tentato il suicidio.

Quanto alla musica, la porta in tournée per un pubblico ristretto di appassionati per mezza Europa, da Nettuno fino a Praga dove canta per giovani che si riuniscono clandestinamente per lei a dispetto del regime comunista, che condanna quel genere di musica, e che forse si riconoscono nel suo senso di vuoto, nel suo dolore, e insieme nel coraggio di gridarlo.

Nico è interpretata con sottigliezza, con un'immedesimazione profonda, dall'attrice Trine Dyrholm. Ma intorno al suo alone, prendono vita anche i personaggi secondari, ad esempio un delizioso impresario, più che collaboratore, complice di Nico, e a lungo, in segreto, infelicemente innamorato di lei; un giovane, dolce e disperato, musicista di colore, tossicodipendente, parte del complesso di Nico, e che una sera lei maltratta pubblicamente, in pieno concerto. E intorno a loro, un'Europa che nel film appare devastata dalla miseria e dal naufragio delle utopie politiche. Personaggi e luoghi, insomma, tutti partecipi, in vario modo, con diverse gradazioni, di uno stesso senso di cenere.

Il film ha vinto il premio per il miglior film alla sezione orizzonti del festival di Venezia.

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 21 ottobre 2017
»» QUI la scheda audio)


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy