Martedì , 17 Luglio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Libero Altobelli. Sua eccellenza è servita
17 Dicembre 2017
 

Una cena per festeggiare il compleanno di un istrionico e sornione Vescovo – sposato! – si trasforma, con il sopraggiungere di commensali imprevisti e imprevedibili, in una sorte di seduta di analisi di gruppo in cui nessuno vorrebbe essere paziente, ma molti vorrebbero rivestire l’ambitissimo ruolo di psicologo.

Non che sia così facile, però, entrare dentro un plot tanto complesso.

All’inizio si ride, sì, ma con quel po’ di diffidenza che è propria e del tutto legittima per chi si trovi a confrontarsi con un ambiente o una situazione sconosciuta: in questo caso una kermesse serrata e vivacissima di attori che recitano se stessi interpretando i personaggi che sono chiamati a far vivere e agire sul palcoscenico. Il risultato coinvolge e sconvolge gli spettatori, scomponendo il narrato in una serie di scatole cinesi che si aprono e si chiudono, in un susseguirsi scoppiettante e mai banale di cambi di ruolo.

Intanto, però, quasi di soppiatto, la trama procede, lievita, s’ispessisce, muta di pelle e di aspetto, si fa graffiante, al punto che chi assiste allo spettacolo finisce ben presto per dimenticare il gioco del teatro nel teatro e, cadendo nella trappola ben congegnata predisposta dagli autori e dal regista, si trova a seguire le ultime sequenze con il fiato sospeso per l’emozione e la tensione di scoprire come e quando si scioglieranno i numerosi nodi.

Insomma, un testo davvero interessante, assistito da una regia accorta e arguta, assecondata a sua volta, alla perfezione, dalla grande versatilità di un cast di talento e di grande esperienza, anche nella componente attoriale di più giovane età.

Lo spettacolo è andato in scena dal 6 al 10 dicembre al “Cyrano” di Roma e presto andrà in tournée per altri luoghi italiani.

Da vedere, ove già non provveduto in tal senso, alla prima occasione utile.

 

Libero Altobelli

 

 

 

Sua eccellenza è servita di Patrizio Pacioni e Salvatore Buccafusca. Produzione associata “Le ombre di Platone”, Roma. Regia Giancarlo Fares. Aiuto regia Viviana Simone. Con Antonio Conte, Guenda Goria, Salvatore Buccafusca, Francesco Sala, Mimma Lovoi, Marco Blanchi. Scene e costumi Fabiana di Marco.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.9%
NO
 23.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy