Giovedì , 23 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Archeologia editoriale
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L’amore di Antonia Pozzi per gli altri e per il mondo  
Garofalo: estrema sensibilità, paura e coraggio disegnano il suo cammino. Pubblicato l’epistolario integrale della poetessa morta suicida
Gianluca Moiser, Patrizia Garofalo, Marco Dalla Torre, Annalisa Piva
Gianluca Moiser, Patrizia Garofalo, Marco Dalla Torre, Annalisa Piva 
13 Aprile 2015
   

Ferrara, 12 aprile 2015 – Hanno lasciato che le parole di Antonia Pozzi scorressero libere tra il pubblico, lungo le tele sulle pareti e intorno alle finestre con gli scuri; persino giù per le scale, sull'uscio di Casa Ariosto.

Venerdì scorso, Patrizia Garofalo e Marco Dalla Torre hanno portato in città, e finalmente, Ti scrivo dal mio vecchio tavolo. Lettere 1919-1938 (Àncora Editrice, 2014), l'epistolario integrale della poetessa morta suicida. Carte sudate, raccolte e curate da Graziella Bernabò e suor Onorina Dino, che vogliono rimediare all'usura cieca del tempo e non perdere il percorso esistenziale della Pozzi, la sua gioia di vivere, resa a Ferrara ancora pulsante, grazie alla mostra di Gianluca Moiser, che si è occupato anche delle letture.

Nella Pozzi la vita si coniuga con la poesia, insieme alla scelta consapevole della solitudine. Per quanto tragica, la sua fine mai annullò, neppure nel momento estremo dell'addio, l'amore che provava per gli altri e per il mondo, come attestano gli ultimi messaggi ai genitori, agli amici Vittorio Sereni e Dino Formaggio, con cui si sentiva libera di essere quella che era senza timori.

«Nel suo “addormentarsi” il pensiero va a loro e alla Nena, mentre ancora affiorano immagini di una natura ridente e materna: la Grigna con i suoi rododendri, gli amati fossi e i ‘papaveri in fiore’ di Chiaravalle», commenta nel volume la Bernabò.

“… forse anche sul terreno petroso qualche fiore, qualche piccola felce strana. Perché la terra fiorisce quando due anime si prendono per mano e vanno in alto a guardare il mare” (13 agosto 1934), sono state le poche righe di una lettera a invitare Patrizia Garofalo a un approccio lirico, umano e sottopelle: «Una forte tensione emotiva» ha esordito la studiosa «e altrettanta meditazione sulla vita e sulla caducità del mondo uniscono, coagulano e accrescono in un ritmo quasi ascendente, il suo cammino. Estrema sensibilità, sconfitte e costante ridefinizione di sé, paura e coraggio, e attenzione all'essenza, disegnano un cammino irrorato da una luce che riverbera l'infinito e a esso tende fino all'ultimo giorno, all'ultimo istante».

I suoi “taccuini di viaggio” traboccano dell'empatia con ciò che la circonda, sono cartoline che permettono di conoscerla più a fondo. «Forse è nascosta nel “sono quello che devo essere” la dicotomia del suo vivere» ha concluso la Garofalo, «il vulnus insanabile di non saper rispondere alle aspettative dei genitori, dei tempi e della società, il disagio esistenziale nell'avvertire in sé una costante inadeguatezza. È nel suo grembo che trattiene il dolore, l'amore per il professor Cervi sin dalla tenera età, e in grembo alla terra entro cui avverte profondamente l'immanenza di una religiosità laica che tutto pervade e che sale su fino alle vette innevate quasi ad ascoltare il cielo».

 

Matteo Bianchi

(da la Nuova Ferrara, 12 aprile 2015)


Articoli correlati

  Antonia Pozzi, Ti scrivo dal mio vecchio tavolo. Lettere 1919-1938
  Piero Stefani. Il disagio dell'appartenenza
  Poesia al femminile a Morbegno. Antonia Pozzi con Gabriella Rovagnati e Marina Spada
  Antonia Pozzi. Ti scrivo dal mio vecchio tavolo. Lettere 1919-1938/ 0.
  Marco Dalla Torre. La filatrice dell’inesprimibile
  PoesiaPresente. Per Antonia Pozzi
  La regista Marina Spada parla del suo film su Antonia Pozzi: Poesia che mi guardi
  Antonia Pozzi. Parole / Worte & Musica / Musik
  Antonia Pozzi. Salii al cimitero di guerra in un pomeriggio nebbioso…
  ANTONIA POZZI FOTOGRAFA
  Antonia Pozzi. "Sventatezza", "Periferia in aprile"
  Ferrara. A casa Ariosto le Lettere di Antonia Pozzi
  Antonia Pozzi. Un Convegno dell'Università degli Studi di Milano e un libro di Gabriella Rovagnati
  Patrizia Garofalo. Antonia Pozzi e la Poesia della Montagna
  Spot/ AperiPoesia Pavia: sabato 23, con Montagna e Guglielmana
  Spot/ L’opera poetica di Tullio Gadenz
  Antonia Pozzi: il prezzo delle parole
  Spot/ Antonia Pozzi raccontata da Federica Volpe e Adriana Libretti
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy