Giovedì , 19 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Archeologia editoriale
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 14.
(foto P. Garofalo)
(foto P. Garofalo) 
13 Marzo 2014
 

Graz, 18.VIII.1922

 

Cara Mary, perdoni se le scrivo poche righe a matita e su questi fogli di taccuino. Lo faccio per non perdere tempo. Sono al caffè davanti ad una tazza di “tee mit rum” che vuol dire the col rhum. Sono solo, non ho niente da fare, e penso naturalmente a lei. Ho ricevuta da Roma la sua lettera che mi è giunta come un tepido raggio di sole italiano. Per l’appunto pioveva ed io ero ancora a letto. Gli alberi sgocciolavano davanti alla mia finestra, scossi dal vento. Mi sentivo penetrare dalla dolce umidità della mattina freschissima. La sua lettera mi fece tanto piacere che m’affrettai ad alzarmi.

Ora le dirò che non è il caso ch’ella si affatichi tanto a corrermi dietro colla fantasia per questi sconosciuti paesi perché fino al 15 settembre rimarrò tranquillamente a Graz. Mi sono collocato in una tipica pensioncina tedesca, al limite estremo della città, in mezzo al verde, e non cerco per il momento altro. Barilli è via in un altro posto. Qui è rimasto Saffi colla signora. Graz è una cittadina abbastanza grande, pulita, ordinata, provvista di tutto, né bella né brutta. È però in mezzo ai monti e vi corre dentro un bel fiume, ciò che le conferisce un certo pittoresco non del tutto sgradevole all’occhio. Vado cauto a descrivere le bellezze di questi posti perché non bisogna credere che vi sia nulla che possa somigliare lontanamente all’Italia. Ciò non esclude che per la gente del luogo gli alti colli di Graz e i suoi dintorni non rappresentino delle meraviglie. Io ho visto di meglio in Isvizzera. La città ha anche un bel parco grande come quello di Milano e forse più bello e, dicono, un ampio e superbo teatro. Vi è una percentuale altissima di donne col gozzo, anche tra le giovani, e questo deve molto contribuire al buon costume della città. In fatto non si capisce come la razza umana trovi sempre e comunque dei pretesti per riprodursi. Che altro posso dirle? La vita è abbastanza economica per quanto riguarda il vitto e l’alloggio. Si vive con 30.000 Korone al giorno che non giungono a 14 lire. Ma i negozi spelano l’italiano che è l’unico animale forestiero che abbia il toupet di venire a villeggiare da queste parti. Vi sono molti triestini e fiumani e girando per la strada si sentono ad ogni passo il più bel ti e il più bel xe del mondo. Cari questi irredenti che dopo aver detto tanto male dell’Austria e contribuito a schiacciarla ora si aggirano intorno alla sua carogna per rosicchiarne le ossa! Pare che abbiano la nostalgia del vecchio bastone tedesco. Ma l’Austria agonizza miserabilmente. È un paese che non si rialzerà più e finiranno per spartirselo. Io mi domando come questa gente trovi ancora la forza di vivere e di lavorare con una moneta che tra poco sarà inferiore al costo materiale della carta e come il mondo possa assistere imperturbabile alla rovina di milioni di uomini che hanno una storia e una civiltà, grandissimi torti e grandi benemerenze. Ci rifletta un po’ lei che è bambina, dimenticando per un momento il suo patriottismo, e sarà una meditazione più edificante di tutte le lezioni di storia che le ha fatto la sua professoressa. Ma parliamo di altro.

Le confermo la mia decisione di rimanere lontano dall’Italia il più a lungo possibile. Ad ogni modo se dovessi rientrare (avrei voglia di dire: ingrata patria tu non avrai le mie ossa!) non mancherò di fare una corsa a San Remo, dove mi chiamano tanti ricordi. È certo che farò un viaggio per l’Austria e in Germania prima di ritornare e che andrò a Budapest. Quando e come non so.

Ho saputo dell’incidente toccato a D’Annunzio. Pochi giorni fa mi mandò per il figlio una fotografia con dedica. Contavo che saremmo divenuti amici, forse. Ora ecco che il fato maligno lo ha colpito nel modo più triste. Faccio voto per la sua salvezza. Era almeno un uomo che non faceva troppo disonore all’Italia nel mondo.

E lei che fa? Come sta sua madre? Saluti tutti da parte mia e non si dimentichi di rispondermi. Io sono di ottimo umore, malgrado il tono di questa lettera. L’unica cosa con la quale non riuscirò mai ad intendermi è la cucina bestiale e barbara. Ma sapevo anche questo, sicché non ho ragione di lamentarmi. Stia bene.

Suo affezionatissimo

V. Cardarelli

Goethestrasse, 3

Graz (Austria)

Ecco il mio indirizzo

 

 

14 – segue


Articoli correlati

  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 16.
  Cardarelli, Lettere ad una adolescente. La prefazione di Aldo Camerino/ 0.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 7.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 6.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 9.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 4.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 8.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 5.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 10.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 12.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 3.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 13.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 15.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 17.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 1.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 2.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 18.
  Vincenzo Cardarelli. Lettere ad una adolescente (1983)/ 11.
  La versione in musica de “La pioggia nel pineto” dannunziana di Paolo Diodati
  La Divina Marchesa. Arte e vita di Luisa Casati
  Vetrina/ Simonetta Traversetti. Due poesie tra Manzoni e D'Annunzio
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy