Lunedì , 20 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
successivo  
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. La voce della Luna
26 Ottobre 2017
 

La luna è sempre lì e guarda il mondo girare in tondo forse annoiata, forse preoccupata di possibili invasioni.

Le orme dell’uomo sul suolo lunare dovrebbero essere ancora intatte e ben visibili, sempre che non vi sia caduto sopra qualche sassetto vagante nello spazio, cancellandole o alterandone i contorni.

La luna è sempre lì, così vicina da poterne osservare le catene montuose e i grandi crateri, così presente nella vita sulla terra con i suoi influssi reali e immaginari, eppure raramente si alza lo sguardo per ammirarne il magico chiarore.

Solo ogni tanto ci si ricorda del cielo, in caso di fenomeni annunciati.

L’eclissi totale, con la luna piena che diventa color sangue, fa ancora correre un brivido lungo la schiena di noi moderni osservatori, nonostante tutto ci sia spiegato dalla scienza astronomica.

Allora si capisce il tremore degli antichi dinanzi ad eventi così inesplicabili e minacciosi, come un ammonimento di forze ineluttabili.

E tornano alla mente storie e leggende e superstizioni legate al nostro unico satellite naturale, che con noi viaggia nel tempo.

I contadini con la luna si consultavano: “Quando devo seminare, quando devo potare, quando devo raccogliere?” E la luna stagione dopo stagione li istruiva sui gesti semplici da compiersi come un rito al momento favorevole.

Le donne in dolce attesa alla luna confidavano le loro ansie: “Quando nasce il mio bambino, è maschio o femmina, biondo o bruno, avrà fortuna?” E i cicli lunari solennemente fornivano responsi.

I mistici con la luna disquisivano: “Chi ti ha messa lassù, cos’è che la tua faccia nascosta non vuole rivelarci, perché a volte ridi e a volte sei afflitta, cosa vuoi farci intendere con le tue vaghe espressioni?” E la luna distillava segreti e leggi cosmiche, secondo le aspettative create dalle lunghe meditazioni.

Gli innamorati alla luna chiedevano complicità: “Alla tua luce lei mi appare bella e perfetta per me, non smettere mai di inondarla di grazia”. “Quando lui mi abbraccia e tu sorgi all’orizzonte e di più ti accendi, le nostre vite diventano una sola”. E la luna ammiccando spazzava le ombre sul loro cammino.

Anche i poeti parlavano con la luna: Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai,/ silenziosa luna (Leopardi, “Canto notturno di un pastore errante dell’Asia”).

E anche la luna qualche volta fa sentire – tramite sensibili interpreti – la sua voce: Se tutti facessimo un po' di silenzio, forse potremmo capire (Federico Fellini, da il suo ultimo film nel 1990, La voce della luna, ispirato a Il poema dei lunatici di Ermanno Cavazzoni).

La Luna tende ad allontanarsi da noi, lentamente e inesorabilmente, per cause facilmente spiegabili dalla meccanica celeste: godiamocela finché c’è.

 

Maria Lanciotti


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy