Venerdì , 22 Febbraio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Daniele Serafini. Là, dove l’orizzonte accade
24 Aprile 2013
 

Angelo Andreotti, direttore dei Musei Civici d'Arte Antica di Ferrara, da anni impegnato nella curatela di mostre e nella critica d'arte, approda alla sua quarta raccolta poetica con Parole come dita, libro convincente che conferma la forte ispirazione del poeta ferrarese.

Cinque sono le sezioni in cui si articola il libro, corredato da un apparato di note che consentono al lettore di affacciarsi al complesso universo di riferimenti culturali dell'autore, dalla musica, alla filosofia, alla letteratura. Senza dimenticare il Po e taluni scorci della pianura padana, che fungono da sfondo ai testi, come ne L'abbraccio, dominato dalla presenza incombente della nebbia e dall'enigma di una temporalità contraddittoria, fino all'ossimoro di una «finita infinitudine» dove persino l'ordine della pensabilità del reale sembra vacillare, con uno sviluppo ed un'allure che evocano certi esiti della poesia metafisica inglese e, in particolare, John Donne.

Già dal titolo si intuisce un percorso sinestesico nel quale la parola mira a farsi corpo, a trovare una dimensione tattile che consenta al poeta, così come al lettore, di avvicinarsi a se stesso e all'altro da sé, di incarnarsi, oserei dire, uscendo da una solitudine quasi ontologica. Per fare questo, la poesia di Andreotti cammina sovente a braccetto con una riflessione sul destino dell'umano, in un felice connubio di poetare e pensare, come nella più alta tradizione poetica novecentesca, da Montale a Eliot, da Luzi a Simone Weil. («Niente permane e niente se ne va, / né inizia né finisce: / così la vita canta / la perpetua armonia tra bene e male»).

Attratto dai miti greci e dalla loro forza archetipica e universale, Angelo Andreotti ci regala immagini indimenticabili di Nausicaa, che intuisce al primo sguardo il già essere altrove di Ulisse, pur non rinunciando alla speranza di essere per lui approdo, e di Euridice. Qui, rivisitando una figura già cara a Gluck, a Rilke, a Pavese, in un alternarsi di ricordi, in forma di terzine, da parte della donna amata da Orfeo, il poeta ferrarese raggiunge una sintesi luminosa tra equilibrio formale e profondità della pronuncia («la tua fu infedeltà / e consumasti d'impazienza il tempo, / e lo facesti impuro»): quel tempo conteso, anche nella poesia di Andreotti, tra sviluppo lineare e circolare e frammentazione liquida e puntinista, per dirla con Bauman.

Al canto è affidata una funziona salvifica, una volta preso atto della violenza della storia, «un'ocra rossa, / che sia di sangue o di melma», che non può che generare ferite («Cerca tra l'erba il canto, / cerca la voce che sa guarire»), e ancora «Anima mia, guarda quel volto e canta / la compassione che può avvicinarci». Quella compassione, quel sentire insieme in senso etimologico, che apre le porte alla relazione io-tu, a quell'incontro su cui Martin Buber ha saputo dire parole profetiche, a un fluire dell'Io in un'accezione quasi panteistica, avvicinandolo, nelle sue peregrinazioni, all'esperienza del dono, inteso in accezione platonica: un dono senza resa, che non è scambio, né pratica utilitaristica, ma gesto disinteressato, dal quale ripartire dopo essersi voluti e riconosciuti stranieri e migranti.

Angelo Andreotti, che non a caso fa parte del gruppo fondatore dell'Accademia del Silenzio, nata da un'idea di Duccio Demetrio, da un immobile silenzio padano prende le mosse, là dove «l'orizzonte continuamente accade senza tregua», per consegnarci una parola alta e purificata affrancata dal brusio della modernità.

 

Daniele Serafini

(in Tratti, n. 92, febbraio 2013, pp. 137-138)

 

 

Angelo Andreotti, Parole come dita

Mobydick, Faenza 2011, pp. 104, € 16,00


Articoli correlati

  In libreria/ Giuseppe Ferrara su “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
  Angelo Andreotti. A tempo e luogo
  Patrizia Garofalo. Note a margine del convegno di ecologia narrativa di Anghiari
  Istituzioni/ Accademia del Silenzio. 'Scuola estiva' ad Anghiari, fine agosto
  In libreria/ Angelo Andreotti. A tempo e luogo
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  “Il guardante e il guardato”
  Spot/ Ferrara: Duccio Demetrio per “I Poeti dei poeti”
  Spot/ A Ferrara, Monica Pavani per “I Poeti dei poeti”
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
  Angelo Andreotti. Chi ha paura del giallo, del rosso e del blu
  Angelo Andreotti. Il guardante e il guardato
  Annagloria Del Piano. Il guardante e il guardato di Angelo Andreotti
  Spot/ “I Poeti dei poeti” per I lunedì a casa di Ariosto
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  Spot/ Ferrara: Marco Munaro per “I Poeti dei poeti”
  Angelo Andreotti. Il silenzio e le parole
  Vetrina/ Angelo Andreotti. Dimmi di te
  In libreria/ Angelo Andreotti. Porto Palos
  Recanati Art Festival à la culture
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Custode di dune” di Lucia Boni
  Ferrara. Il silenzio dei violini alla Biblioteca Comunale Ariostea
  Invito letterario: Angelo Andreotti. Il Guardante e il Guardato
  In libreria/ Angelo Andreotti. Dell'ombra la luce
  Angelo Andreotti. POLAROID (1999)/ Pudore
  Vetrina/ Angelo Andreotti & Patrizia Garofalo. Pantografia marina
  Anticipazioni: Flavio Ermini. L’appello silenzioso dell’essere
  Ferrara: Un invito, “A tempo e luogo”
  Ferrara. Angelo Andreotti: Di due pubblicazioni, una a fianco dell'altra
  Angelo Andreotti. Le viol
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Nel verso della vita” di Angelo Andreotti
  Macerata, 1° aprile. “Il Guardante e il Guardato” di Angelo Andreotti
  Ferrara. “A passo lento”
  Spot/ Ferrara: Daniele Serafini per “I Poeti dei poeti”
  In libreria/ Daniele Serafini. Quando eravamo re
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy