Venerdì , 24 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Cuba. Il Governo libera su cauzione l’oppositore Jorge Cervantes 
Lo ha reso noto l'attivissimo blog “Cubanos por el mundo”
25 Agosto 2017
 

Dopo tre mesi di prigionia l’oppositore Jorge Cervantes è stato rimesso in libertà, anche se su cauzione. Il coordinatore dell’Unione Patriottica di Cuba era stato fermato venerdì 18 agosto a Las Tunas e da lì era stato trasferito al Combinado del Este, all’Avana.

Jorge ha dichiarato a Radio Martí di essere attualmente accusato di usurpazione di funzioni pubbliche, resistenza e oltraggio ripetuto, specificando però che la causa di queste imputazioni a suo carico sono dovute al suo attivismo a favore della libertà di Cuba.

«In nessun momento ho usurpato funzioni. Si dice che stessi esercitando l’attività di giornalista senza autorizzazione e in nessun momento io mi sono presentato in qualità di giornalista. Noi non facciamo i giornalisti, ciò che facciamo è attraversare il Paese».

Cervantes intervista i cubani e le loro impressioni vengono pubblicate sul canale YouTube dell’organizzazione. «Lo denunciamo al mondo perché denunciare alle autorità qui nel Paese non raggiunge alcun risultato».

Il dissidente non è d’accordo con la legge cubana e ha aggiunto che «se mi si accusa di oltraggio per il fatto che non stia osservando le leggi ingiuste sono d’accordo, perché dobbiamo lottare per cambiare tutte le leggi ingiuste che ci sono nel Paese». «Se mi si accusa di fare resistenza al non parlare, a guardare passivamente come soffre il mio popolo e a non lottare, allora sono d’accordo che mi si accusi del reato di resistenza, ma non altrimenti, perché mai ho opposto resistenza mentre venivo arrestato».

In carcere Cervantes è stato protagonista di uno sciopero della fame lungo 39 giorni. Il 23 maggio si era recato davanti agli uffici della sede provinciale del Partito Comunista di Cuba (PCC), tentando di sporgere denuncia contro il tenente colonnello Reinaldo Jiménez (secondo capo della Sicurezza di Stato) per le «vessazioni e molestie» di cui era stato oggetto da parte delle forze repressive.

Quello stesso giorno è stato arrestato e trasportato all’Unità di Operazioni di Sicurezza dello Stato e nei giorni successivi trasferito alla Prisión Potosí, carcere dalle misure più rigorose.

Poiché il suo stato di salute stava notevolmente peggiorando a causa dello sciopero della fame, è stato trasportato alla Sala de Penados della prigione Combinado del Este, motivo per cui Amnistía Internacional (AI) ha emesso un comunicato urgente a favore della sua liberazione, chiedendo alla dittatura castrista di «rimettere in libertà in modo immediato e assoluto Jorge Cervantes, in quanto prigioniero politico, incarcerato esclusivamente per l’esercizio pacifico del suo diritto alla libertà di espressione».

 

José Antonio González

(da Cubanos por el mundo, 21 agosto 2017)

Traduzione di Silvia Bertoli


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy