Martedì , 25 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò svizzero
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Daniele Dell’Agnola. Topi, ebrei: la parola di Benito
Un manifesto della
Un manifesto della 'campagna' esposto a Locarno 
29 Settembre 2010
 

E se sostituissimo i topi ritratti nel manifesto “bala i ratt”, che copre gli spazi pubblicitari di un “Ticino libero e pulito”, con la caricatura di un ebreo banchiere con il naso grosso e ricurvo? “Meditate che questo è stato”, scrisse Primo Levi.

 

E se, rispettando lo stesso principio politico, chiudessimo l’autostrada, la frontiera, impedendo il passaggio delle genti e delle merci? Potremmo passare le domeniche in pattini a rotelle, su e giù per la Leventina. E tutti i ticinesi sarebbero atleticamente preparati in vista dell’iron man.

Liberi, puliti e allenati.

 

E se dichiarassimo guerra fredda all’Italia, alla Germania, ai lavoratori polacchi e all’Austria e…? E se chiudessimo il cantiere di Alptransit, ormai a 30 metri dall’ultimo diaframma, invitando gli operai a rientrare nel loro Paese?

 

E se iniziassimo a definire chi veramente è svizzero, stilando delle classificazioni di purezza etnica, con tanto di albero genealogico? Sappiamo bene che taluni cognomi possono vantare una svizzerità e quindi una dignità etnica da almeno seimila anni. Si fa per dire. E se concedessimo, a queste nobili famiglie soltanto, dei privilegi lavorativi, educativi e formativi, denigrando i “topi” ad altri “lidi”?

 

Davvero, questi atteggiamenti non ci fanno paura?

 

Davvero, il concetto di autarchia, cioè di autosufficienza e di indipendenza, è credibile in Svizzera, a livello economico, commerciale, turistico, culturale?

 

Camerati agricoltori!” tuonò Benito Mussolini il 2 gennaio 1940, nel suo discorso “Ai veliti della battaglia del grano”. Disse: «Il raccolto granario del 1939, pur non avendo raggiunto i massimi dei due precedenti, si aggira sugli ottanta milioni di quintali e deve quindi considerarsi più che soddisfacente. […] Avremo un quarto raccolto conforme alle nostre speranze? Nei tempi piuttosto burrascosi che il genere umano attraversa, questo interrogativo ha un’importanza veramente speciale. […] Un raccolto deficitario può equivalere a una battaglia perduta». Ma la parte più importante è quella che vede Mussolini argomentare in favore della chiusura effettiva degli scambi commerciali tra l’Italia e l’estero. Si immagini di sentire la voce del duce, di vederlo agitato e teatrale: «Supponete ora, o camerati, che quest’anno noi avessimo dovuto importare trenta milioni di quintali di grani, come avvenne nel 1924, e domandate ai superstiti teorizzatori liberaloidi, se qualche esemplare di detta fauna si trova ancora, come si sarebbe potuta evitare un anno di autentica carestia. […] Quello alimentare fu il primo settore della battaglia autarchica, che oggi investe tutta l’economia della nazione, ed è quasi superfluo ripetere che tale battaglia sarà continuata con quella dura energia della quale abbiamo dato ripetute prove in pace e il guerra, allo scopo di dare, insieme col pane, buone armi al popolo italiano». [B. MUSSOLINI, Opera omnia, vol. 35, La Fenice, Firenze 1959-1972.]

 

La violenza presente in questo discorso e, in generale, nel modo di interpretare i problemi, ha scatenato una guerra mondiale. C’è ancora, nel nostro Ticino, qualche pazzo che ritiene la guerra utile perché purificatrice? Esca allo scoperto: l’anonimato è una vigliaccheria di moda, tra l’altro, soprattutto nei commenti pubblicati in rete.

 

Un conto è amare la tradizioni e la cultura di un paese, altra cosa è sconfinare nella denigrazione, nell’insulto. Non è democratico. Non è svizzero.

 

Daniele Dell’Agnola

 

 

Qui il video anti lavoratori italiani, paragonati a topi che mangiano il formaggio svizzero...


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy