Venerdì , 04 Dicembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Obiettivo educazione
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta / Maria Lucia Querques. Un po' di educazione stradale a scuola?
Il motorino di Fabrizio (Varese, 2 agosto 2008)
Il motorino di Fabrizio (Varese, 2 agosto 2008) 
05 Settembre 2009
 

A suo tempo già scrissi su questo problema e ci ritorno volentieri, data la gravità degli incidenti cui sono esposti i nostri ragazzi, con due “commenti dell'estate”, uno mio e l’altro della prof. M. L. Querques, Dirigente scolastico, affinché ognuno se ne faccia carico e specialmente la scuola, impartendo l’educazione stradale.



A Leo, nel decimo anno

 

 

Leo era un ragazzo come tanti che vivono l’emozione della loro età, posta alle soglie della giovinezza. Lo conoscevo fin da piccolo; conoscevo tutti i ragazzi di quella classe elementare, vivaci, esuberanti e pieni di vita.

Leo era il più vivace, sempre pronto allo scherzo, poco propenso allo studio ma con una gran voglia di crescere e di vivere le proprie esperienze.

Leo era figlio unico, la speranza per i suoi genitori che in lui avevano riposto ogni progetto di vita. Lo ricordo mentre giocava felice con i miei tre bimbi e le merende consumate in occasione di feste a scuola e di compleanni.

Di anni ne sono passati, i ragazzi sono cresciuti, sono diventati adulti, con le loro responsabilità; ognuno ha trovato nella vita la propria collocazione. Ogni anno il “gruppo di piazzetta”, così i ragazzi si sono definiti, ricorda Leo, che non c’è più, con un torneo di calcio alla presenza della sua mamma che trova la forza di rivolgere un sorriso a tutti. Quale forza la animi, non riesco a capirlo ma ce l’ho nel cuore. Ora è sola in quella casa ancora animata dai quadri dipinti dal marito espressione della loro stessa vita, nei colori, nei suoni ormai spenti. La casa è vuota, il babbo è morto, la consunzione del dolore se l’è portato via, forse il desiderio di unirsi al suo ragazzo: “potenza della fede”.

Ricordo! Sono trascorsi 10 anni, la notizia fulminante e le lacrime di mio figlio che scorrevano a fiumi: era il suo amico più caro… mamma, Leo è in coma; e così restò tra lo strazio dei genitori per molti giorni e la speranza che si riprendesse. Non si era fermato in tempo all’uscita della sua casa, e una macchina lo avevo travolto in motorino; un attimo e il corso di un’intera vita cambiò come pure le speranze in lui riposte.

Così morì Leo… ai funerali c’erano tutti, il “gruppo di piazzetta” e un numero infinito di ragazzi, e le canzoni che scandivano ogni passaggio, ogni ricordo, tra singhiozzi infiniti e il viso impietrito del padre stretto al braccio della mamma, proteso verso di lui.

La vita è un dono troppo prezioso che va custodito con amore.

Cari ragazzi la storia di Leo è quella di tanti ragazzi che perdono la vita in incidenti; l’invito è a ripensare alla propria vita e a non buttarla via, basta volersi bene e voler bene agli altri; basta il pensiero del proprio progetto di vita, basta pensare ai propri affetti e porre attenzione all’attimo, al momento che potrebbero trasformarsi in tragedia e forse il destino crudele, quel fato a cui molte volte si addebita una fine prematura potrà essere sconfitto.

Leo mi guarda dalla foto, piccolo, con quel ciuffo impertinente e mi chiedo come sarebbe stato da grande.


Anna Lanzetta



A scuola senza Oben


Oben ha avuto un incidente con il motorino. Ha battuto contro un albero. Il motorino non era il suo, non aveva il patentino, non aveva soldi. Si è alzato da terra. Ma che fa quel cretino, si risiede... non dormire, ma che hai bevuto? Non lo fai mai! (forse al Pub!!) Oben è figlio di una congolese rifugiata politica. Ha telefonato Riki, suo fratello. Lo hanno trasferito a Firenze, sembra grave, in ospedale non si è più svegliato. È in coma. Farmacologico. No, quando siamo arrivati con l'ambulanza vicino al ragazzo non c'era nessuno. No, neanche il motorino. Sì siamo stati informati da una telefonata anonima. Il cervello di Oben si è fermato. Non sono riusciti a ricomporlo. Il cuore no, batte ancora. Ci sarà il miracolo? Tornerà Oben a sorridere tra noi? È un entusiasta, un ambizioso, uno sportivo, ha molti progetti, perché non il miracolo.

Hanno staccato le macchine... Se qualche organo è intero sarà donato. Non possiamo recitare questa sera come si farà senza il sostegno di Oben... Si chiude il locale, senza Oben e i suoi scherzi non possiamo aprire. Stanno sezionando Oben per capire.

Possiamo incontrarci a scuola vogliamo stare insieme per evocare Oben. Professoressa quando comincerà la scuola ce la faremo a guardare il banco vuoto? Il pianto collettivo e la disperazione. Non doveva capitare a lui! Oben era bravo in tutto, perché non è successo a me!!

Il corpo di Oben arriverà questo pomeriggio. Domani forse i funerali a San Marcello. Quando lo decide la mamma!


Maria Lucia Querques


Articoli correlati

  Anna Lanzetta: Il mio saluto a Evelina Simonelli ragionando di pensione e di scuola
  Anna Lanzetta: Noi diciamo NO! Dalle ronde fino alla stampa del CAPO
  Il fantastico mondo del re degli Elfi
  Anna Lanzetta: Contro l’analfabetismo della sicurezza
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Anna Lanzetta: Uniti contro ogni violenza come educatori.
  Obama alla casa Bianca. Breve antologia per gli studenti sulle lotte dei neri d’America.
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta 3
  “Mai più guerra” con il viatico dei disegni di Käthe Kollowitz
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  Il Vesuvio nelle impressioni di Antonio Stoppani. A cura di Anna Lanzetta
  Il Trovatore di Giuseppe Verdi. Melodramma per la scuola
  Geografia cristologica: Basilio Magno, Gregorio di Nazianzo in Cappadocia. Fotoalbum 7
  Anna Lanzetta: A proposito dell’immagine
  Breve nota su Efeso per incorniciare le fotografie di Anna Lanzetta. Fotoalbum 10
  Romanzo storico e pittura di storia (5). Visita alla Galleria d’Arte Moderna Firenze
  I poemi di Ossian: Daura e Arindal
  Il Fantastico nell’epica classica 1
  Anna Lanzetta: Sul “Giorno della Memoria”. Riflessione per non dimenticare.
  Il Fantastico nell’epica classica 2
  Anna Lanzetta: Viaggio a Matera
  L’arte di raccontare. La meravigliosa storia di Shéhérazade. A cura di Anna Lanzetta 1
  MultiMedia presenta Anna Lanzetta: La Breccia di Porta Pia
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta
  L’ascesa al monte Ventoso nelle impressioni di Francesco Petrarca. A cura di Anna Lanzetta
  Ricordo di Mario Luzi per tutti i lettori e per gli studenti
  Il Vesuvio nelle impressioni di François-René de Chateaubriand
  Aspettando Natale con Hans Cristian Handersen. Fiaba per studenti di ogni età
  Anna Lanzetta: “Da Petra a Shawbad. Archeologia di una frontiera”
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  Anna Lanzetta: Una scuola senza sorriso
 
 
Immagini correlate

  Anna Lanzetta - Matera- Cattedrale di sant’Eustachio
  Anna Lanzetta - Matera, interno di casa
  Anna Lanzetta - Matera-Santa Maria di Idris
  Anna Lanzetta - Matera "I Sassi"
  Vesuvio 1 - Chateaubriand
  Vesuvio 2 - Chateaubriand
  Anna Lanzetta - Matera- La salita
  Anna Lanzetta - Matera-La Gravina
  Moschea Blu - Interno - Istanbul
  Santa Sofia - Istanbul
  Santa Sofia, interno - Istanbul
  Pamukkale, La cascata pietrificata - Turchia 5
  Commerci sul Bosforo
  Ada Negri - La danza della neve
  Istanbul - Palazzo Topkapi
  Efeso - Teatro
  La fortezza di Rumeli Hisari - Bosforo
  Efeso - Il bassorilievo della Nikè
  Istanbul - La Moschea Blu
  Palazzo Beylerbeyi - Bosforo
  Efeso - Via dei Cureti
  La danza dei dervisci - Anatolia 6
  La Cappadocia - Anatolia 1
  Efeso - La fontana di Traiano
  Efeso - La biblioteca di Celso
  Bosforo
  Ponte sul Bosforo
  Lago salato, Anatolia 3
  I camini delle fate, Cappadocia-Anatolia 2
  Le tessitrici dei tappeti - Anatolia 7
  Gabriela Mistral - E' scesa la neve
  Valle di Göreme - Cappadocia-Anatolia 4
  Efeso - Impronta di piede nel postribolo
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 6 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy