Lunedì , 19 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Obiettivo educazione
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Mantello. Il Ministro Profumo ha invitato a celebrare nelle scuole la giornata mondiale contro l’omofobia
18 Maggio 2012
 

Per la prima volta il Ministero dell'Istruzione ha scritto alle scuole della Repubblica per invitarle a celebrare la giornata mondiale contro l'omofobia, istituita nel 2007 e che si celebra ogni anno il 17 maggio.

Una bellissima iniziativa, la prima del genere, che fa sentire davvero un bel profumo di civiltà. Perché sottolinea il ruolo dell’educazione pubblica nella lotta ai pregiudizi ed impegna l’istituzione scuola, come è specificato nell’art.3 della Costituzione, a rimuovere gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della persona umana.

Istituita dall’Unione Europea nel 2007 per lottare contro ogni violenza fisica, morale o simbolica legata all'orientamento sessuale o all'identità di genere e per sconfiggere la mentalità che tutto questo alimenta, questa giornata la si celebra in tutto il mondo il 17 maggio. A memoria di quel 17 maggio del 1990, quando l'Organizzazione Mondiale della Sanità cancellava l'omosessualità dalla lista delle malattie mentali, facendo finalmente proprio quanto già da vent’anni sosteneva l’Organizzazione degli Psichiatri Americani (Apa): considerare l’omosessualità un disturbo della personalità da curare era la vera follia, perché questa condizione specifica era da considerare semplicemente «una caratteristica della personalità», una «variante naturale del comportamento umano».

Un giorno fondamentale quel 17 maggio del 1990 per l’affermazione della dignità delle persone gay.

Una svolta storica che spazzava via un odioso pregiudizio a cui si era data la patente di scientificità.

Come del resto è capitato più volte nella storia. Si pensi ad esempio alle teorie di Juan Ginés de Sepulveda che giustificava lo sterminio e la riduzione in schiavitù degli indios d’America perché si sarebbe trattato di “uomini non compiuti” (homunculi) per il fatto che non corrispondevano al modello occidental-cristiano. Ed erano le stesse argomentazioni che venivano usate negli ambienti gesuiti arrivando a sostenere che gli ebrei fossero diversi “per sanguinem”. Tesi riprese e perfezionate in seguito dalle leggi razziali fasciste e naziste, il cui approdo ha un nome: Auschwitz.

Pregiudizi razziali, che comunque si camuffino, hanno sempre come scopo quello della sopraffazione e dello sfruttamento da parte di chi porta la guerra all’umanità in nome di una sua supposta idea di umanità fatta di dominanti e di dominati. Siano questi ultimi donne, neri, omosessuali, e quant’altro ancora, è sempre la stessa guerra alla diversità, al pluralismo, alla democrazia.

Bene allora ha fatto il ministro Profumo ad invitare alla riflessione in ogni scuola sul valore della Giornata internazionale contro l’omofobia che – si legge nella circolare – «rispecchia i principi costitutivi sia dell’Unione Europea sia della Costituzione italiana: il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, l’uguaglianza fra tutti i cittadini e la non discriminazione. Sono le condizioni che consentono alla società di promuovere l’inclusione di tutti e di ciascuno e di battersi contro ogni offesa alle persone. […] Le scuole, nello svolgere tale prezioso lavoro educativo ogni giorno, contrastano ogni forma di discriminazione, compresa l’omofobia».

 

Maria Mantello

(da Libero Pensiero, 17 maggio 2012)


Articoli correlati

  Chiese cristiane e omosessualità. Convegno a Brescia, domenica 27 gennaio
  Elisa Merlo. Errore madornale dell'ex ministro della giustizia Castelli
  Valter Vecellio. Legge sull’omofobia: una questione di leadership nel PD
  “Diversità sessuale e teologia in America latina”
  Chiesa Valdese contro l'omofobia
  Certi Diritti. Tre o quattro notizie che è il caso di non lasciar passare sotto silenzio
  Giornata Internazionale contro l’Omofobia
  “Prove tecniche di discriminazione”. Discutiamone sabato, al Guado di Milano
  Certi Diritti. Agesci e omosessualità
  “Piazzata d’Amore” ad Arezzo
  Attilio Doni. Gravi depravazioni
  Noi Siamo Chiesa sulla posizione del Vaticano all'ONU sull'omosessualità
  “Accogliere le persone omosessuali senza alcuna discriminazione”
  Roberto Malini. Papa Benedetto XVI promuove odio nei confronti della comunità gay
  Benedetto Della Vedova. Sull'omofobia il Pdl segua il Ppe
  Ennesimo giovane gay suicida. Occorre agire!
  Pietro Yates Moretti. Omofobia dilagante. Colpiti Sindaco di Bergamo e sua giunta
  Grande è la confusione sotto il cielo
  Agedo. Costernati, chiediamo di incontrare il cardinale Bertone
  Gianni Somigli. Binetti, c’è posto per te
  Omosessuali e Vaticano: meglio morti che peccatori? Crolla il mito del “contronatura”
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Nuovi diritti di libertà per tutelare chi non ha nome o voce
  Milano Contro l'Omofobia, sabato a palazzo Marino
  Fede, omofobia e diritti umani. La conferenza di Londra
  Gli omosessuali cristiani a convegno. A Firenze, dal 7 al 9 novembre
  Veglie di preghiera per le vittime dell'omofobia
  17 maggio 2012: Giornata Mondiale contro l'Omofobia
  Elisa Merlo. L'omosessualità non va contro il comandamento dell'amore
  Milano. Biscardini: dopo il caso Ferigo, un appello al Comune per campagna contro la discriminazione omosessuale
  Contro l'omofobia. Veglie di preghiera in molte città italiane il 28 giugno
  “Le nostre chiese saranno sempre aperte per gli omosessuali”
  Va. Ve. Due suicidi, quello del boss mafioso Lo Presti, e di un ragazzo violentato in carcere
  Gionata: il sito per conoscere la Bibbia e l'omosessualità.
  Roberto Malini. Battere l'omofobia
  Comunità cristiane di base. Per una parola di Napolitano
  Sulle dichiarazioni del Ministro Mara Carfagna sull'omosessualità
  Renato Pierri. Una bella occasione per la Chiesa
  Roma. Ore 17:30, fiaccolata contro la violenza e la discriminazione verso le persone transessuali
  Gionata. Il Vescovo di Grosseto annulla la sua visita pastorale all’Arcigay cittadina
  28 giugno. A Firenze e in 13 città d’Italia tante veglie di preghiera contro l’omofobia
  Ecumenici. Continuano le proteste dal mondo cristiano contro i vertici della Chiesa di Roma
  “Accogliere le persone omosessuali senza paura”
  Conferenza nazionale sulla famiglia. Fino a che persiste la discriminazione, no grazie!
  Le affermazioni di monsignor Babini alimentano odio e violenza omofobe
  Elisa Merlo. Stima per Mara Carfagna
  Renato Pierri. La luce della Chiesa alle volte è solo ombra tetra
  Congedo matrimoniale per matrimonio gay. Giunta del Friuli più avanti del resto delle istituzioni
  Renato Pierri. Secondo San Paolo
  «Sono sconcertato dalla gerarchia della mia chiesa». Un cattolico gay scrive a Famiglia Cristiana
  Gionata. Ed Avvenire scoprì finalmente l'omosessualità al di là degli stereotipi
  Renato Pierri. Le poco cristiane dichiarazioni del buon Rocco
  Arezzo. A maggio arriva “Play Pride”: lo sport per i diritti
  Cuba. Omofobia e ragion di Stato
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 72.8%
NO
 27.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy