Mercoledì , 22 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin. L’appello per l’espressione italiana di 600 insegnanti
05 Febbraio 2017
 

Sabato, Geppi Cucciari è riuscita, da vera professionista della comunicazione, a mascherare l’orrore suscitato dagli alunni di una scuola di Parma che confondevano allegramente Dante con Manzoni (e nell’invocazione di Ulisse!: “Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza”, Inferno, XXVI, 119-120), ma loro continuavano beati a star a “Per un pugno di libri”, lieti di esser in tv! Lieti ed ignoranti.

Domenica, leggo l’appello di 600 insegnanti: «“Aiuto, gli studenti non sanno l’italiano”. E i prof. universitari scrivono al governo» (la Repubblica, 05/02/2017).

Io mi glorio di essere italiano, di scrivere nella quarta lingua in uso internet nel mondo, di viverla come dingua, ovvero dentro una tradizione quadrimillenaria e sono perfettamente d’accordo col filosofo Massimo Cacciari: “Hanno smontato la scuola, ecco i risultati” (la Repubblica, 05/02/2017, p. 19).

Riferisco il suo punto di vista:

Sembra che l’unica cosa indispensabile sia professionalizzare, ma non si vuol capire che alla base di ogni apprendimento ci sono le competenze linguistiche. Se non si sa leggere non si sa affrontare un testo scientifico né un libro di racconti. E se non si sa scrivere non si possono certo divulgare le proprie idee. […]”

La competenza linguistica è fatta di ricerca. Un italiano dovrebbe esser consapevole di avere una lingua formidabile, estremamente complessa e semplice ad un tempo. Può continuar ad essere ‘sale della terra e luce del mondo’ oppure può decadere nel fango per venir calpestato da tutti. Quei giovani di Parma vivono in una città gloriosa. Non c’è culatello né canti verdiani che li distinguano perché loro sono fango. Comincino ad arrossire della figura fatta. Loro e tutti gli altri d’Italia rammentino che abbiamo già passato stagioni buie come questa, e ci siamo rialzati ogni volta dal fango. Il porcile non libera il porco che sguazza nella melma: è nel suo elemento. Ma, chiunque ha orrore del rigiro di sozzura cerca di liberarsene. E se ne libera.

Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza.

 

Carlo Forin


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy