Martedì , 25 Settembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Bologna. Tradurre in azione amministrativa la volontà popolare
23 Luglio 2013
 
   Una delegazione del Coordinamento Precari Scuola Napoli si è recata a Bologna, da cui è rientrata ieri sera, per partecipare alla veglia-staffetta di 72 ore in difesa dell’esito del Referendum del 26 maggio sui finanziamenti alla scuola pubblica (e non a quella paritaria, al 90% confessionale e privata, che drena un milione e 800 mila euro comunali all’anno).
   Vi propongo di seguito il Comunicato emanato dal Comitato “Articolo 33”, promotore del Referendum, che espone le posizioni assunte oggi dalle forze politiche locali in merito alla questione, dibattuta nel pomeriggio a Palazzo D’Accursio, davanti al quale ci siamo alternati in presidio, come “statue viventi”, con turni di due ore (vedi foto).
   Il Pd è determinato, assieme al Pdl, a mantenere lo status quo, anche se ci sono delle defezioni. A noi, che siamo stati in Piazza Maggiore sabato e domenica, è parso che la popolazione fosse molto indignata per il “tradimento” della volontà e sovranità popolare. (Marcella)
 
 
Bologna non dimentica
Recepire le istanze democraticamente affermate dai cittadini il 26 maggio
 
   Alle ore 13 di lunedì 22 luglio si è conclusa la veglia staffetta che è durata ininterrottamente giorno e notte per 3 giorni per chiedere il rispetto dell’esito del referendum del 26 maggio. Le statue viventi che si sono alternate sul piedistallo posto davanti all’ingresso del palazzo comunale sono state più di 80, centinaia di bolognesi e cittadine/i italiani e stranieri hanno sostenuto tale iniziativa, confermando la grande volontà di partecipazione popolare a favore del diritto alla scuola pubblica e di tutti i diritti primari che si è manifestata durante la campagna referendaria.
   Successivamente, all’apertura della seduta del consiglio comunale, tutto lo spazio riservato al pubblico è stato occupato da decine di cittadine e cittadini.
   Sono stati presentati due ordini del giorno: il primo, a firma dei consiglieri Critelli (P.D.) e Caviano (C.D.), «Si esprime per il mantenimento dell’attuale sistema pubblico integrato, compresa l’erogazione delle attuali risorse finanziarie comunali destinate al supporto delle scuole paritarie convenzionate».
   Il secondo, presentato dai consiglieri di SEL, M5S, Gruppo Misto (La Torre, Bugani, Pieralisi, Piazza, Cipriani, Salsi, Sazzini) recepisce il risultato del voto del 59% dei votanti al referendum del 26 maggio e «impegna la giunta ad operare la riduzione progressiva del contributo alle scuole d’infanzia paritarie a gestione privata […] a partire dal suo dimezzamento nel 2014 e procedendo con la riduzione negli anni successivi del mandato amministrativo fino all’azzeramento del suo contributo».
   L’odg PD/CD manifesta in modo evidente il disprezzo della volontà popolare, svilendo per di più lo strumento del referendum come opportunità di partecipazione ed espressione popolare e democratica.
   Il comitato art. 33 si riserva di valutare la legittimità del suddetto odg in quanto privo di qualsiasi argomentazione che motivi il mancato accoglimento dell’esito del referendum.
   La maggioranza delle cittadine e dei cittadini bolognesi ha chiaramente affermato che non intende rinunciare ai propri diritti, in primis quello costituzionale alla scuola pubblica.
   Il comitato promotore del referendum proseguirà le sue iniziative di mobilitazione e informazione auspicando che nel dibattito consigliare, che proseguirà il 29 luglio, si riconsiderino le posizioni espresse oggi da alcuni consiglieri PD e dal PDL e, dalla discussione degli odg, si pervenga a una delibera, come previsto da statuto e regolamento, che recepisca le istanze democraticamente affermate dai cittadini il 26 maggio.
   Le cittadine e i cittadini bolognesi continueranno a difendere i principi fondanti della nostra Costituzione, da più parti minacciati, rendendo sempre più evidente la perdita di rappresentatività di gran parte dell'attuale classe dirigente della nostra città. Bologna non dimentica!
 
Comitato Articolo 33

Articoli correlati

  SONDAGGIO SCUOLA ultime ore
  Per il TAR la Regione Lombardia discrimina gli studenti della scuola pubblica
  Scuola e Diritti. Articolo 33
  Scuole private? Ve le pagate!
  Valter Vecellio. Alitalia, scuola (e risorse per le scuole private cattoliche), gli accordi con la Libia…
  Finanziamenti alle scuole private? Della Vedova e Di Scalzo su 'L GAZETIN di febbraio
  Ecumenici. Una mozione anche a difesa della laicità della scuola
  Benedetto Della Vedova. “Buono scuola” uguale libertà di scelta
  Libertà di scuola e libertà di insegnamento? Tra il dire e il fare...
  'L GAZETIN, vero concentrato di prelibatezze, ti aspetta in edicola!
  Per la scuola della Repubblica. “Senza oneri per lo Stato”
  Per la Scuola della Repubblica. Milioni alle private e il resto... manca
  Simona Borgatti. La futura scuola pubblica federale
  La Scuola del Vaticano e i soldi italiani. Le due morali di papa Ratzinger
  “Scuola libera se statale”
  Collettivo autonomo Tito Livio. Perché abbiamo occupato la scuola
  Daniele Dell’Agnola. Idea Liberale e Scuola Pubblica
  «Un errore molto grave che va corretto» la mancata chiarezza sui Pacs e «Chi vuole la scuola privata se la paghi da solo»
  “Senza oneri per lo Stato”: la Costituzione, la Scuola e il Vaticano
  Bologna. La Chiesa può vanificare lo scontro tra guelfi e ghibellini
  “Buoni Scuola? No Grazie!”
  Valter Vecellio. E il Vaticano batte cassa
  Scuola o scuole?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.5%
NO
 23.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy