Lunedì , 23 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Figliolia. Nella mano di King Kong
06 Novembre 2021
 

La gigantesca pelosa mano di King Kong... può stringere mortalmente, può carezzare con morbidezza: Jessica Lange lo sapeva benissimo. Oggi possiamo vedere anche noi la mano meccanica, dallo stupefacente realismo, dell’enorme sventurato bestione protagonista del film per i cui effetti speciali Carlo Rambaldi conquistò il primo dei suoi tre Premi Oscar (gli altri due con E.T. e Alien). Basta andare alla Cineteca Milano MIC, luogo magico di proiezioni, vera fabbrica dei sogni, con un museo bellissimo, in cui perdere felicemente occhi, mente e cuore, e, fino al 9 gennaio, una mostra dedicata a King Kong e al mago Rambaldi.

La Cineteca Milano potrà da oggi in poi godere, per volere della famiglia di Rambaldi, di tutto il prezioso “armamentario” di quel genio che Carlo, classe 1925, fu, a buon diritto uno degli artefici del nostro immaginario collettivo. Nell’esposizione Nella mano di King Kong”, allestita negli ambienti del MIC di viale Fulvio Testi 121-Milano, potendo quindi vagare fra le altre meraviglie – manifesti d’epoca, cineprese d’antan, “cristalli luminosi” che, posti sopra un lettore, aprono squarci dell’Italia di oltre cent’anni fa, polyrama, stereoscopi e zootropi e millanta – si potranno ammirare le riproduzioni dei disegni che man mano fissavano il progetto affidato a Rambaldi, quasi un tragitto leonardesco, le tempere originali raffiguranti i primati che lui andava a vedere, per osservarne espressioni, sguardo e mimica, allo zoo di San Diego (vi si trovava anche un esemplare di gorilla di montagna di nome Bun) – ritratti di rara perfezione formale, di una precisione e vivezza incredibili –, la cassa contenente i suoi strumenti – sapeva riparare e rifare tutto con le sue mani d’oro (era un geometra, laureatosi poi all’Accademia di Belle Arti di Bologna – o la sedia che usava sul set. E, poi... video di vario genere, atti a ricostruire la storia della celeberrima pellicola; diapositive; la Kong Sharingbox, per scattarsi una foto, condivisibile sui social, avendo al proprio fianco il maestoso Kong; la Lavagna luminosa, con i poster ispirati alla rassegna dedicata al gigante della giungla, che si possono firmare/personalizzare e inviare alla propria mail. E ancora... il Videogame Arcade-Donkey Kong; la sala dedicata alla sonorizzazione e al doppiaggio, in cui ci si potrà divertire a doppiare/reinterpretare Jessica Lange o Jeff Bridges (e spedirsi il tutto via mail); la sala della virtual reality. A conclusione del percorso, come detto, la mano di King Kong (tutto quanto era altro 13 metri): 6 metri di lunghezza, 2 metri di altezza, 750 kg di peso. Che brivido stare in quella mano!

Scrivono Daniela Rambaldi e Matteo Pavesi, direttore della Cineteca Milano: “Oggi è tempo di ritornare a sognare, di recuperare la bellezza del grande cinema e questa mostra è un invito a tuffarsi nel fantastico. La mano di King Kong è considerata un reperto cinematografico storico di grandissimo valore, capace di raccontare di un cinema pensato in grande, universale, scolpito nella memoria cinematografica […] Sui 13 metri di questa creatura si aggrappano i nostri sogni e le nostre paure, King Kong è un totem e un tabù, è furia animale ma anche intima grazia con le sue lacrime a chiusura del film, è un gigante immortale che continua a vivere fuori della pellicola e dentro ai nostri sogni di spettatori”.

Ovviamente vi è poi tutto il ciclo delle proiezioni dell’omonima rassegna: da The Circus di Charlie Chaplin a, naturalmente, King Kong nelle sue varie esplorazioni autoriali, da 2001: Odissea nello spazio a The Cameraman con Buster Keaton, da Tarzan a Madagascar, da Il mondo perduto (film del 1925) a Il libro della Giungla et cetera. I film muti hanno il virtuoso e suggestivo accompagnamento pianistico dal vivo affidato a Francesca Badalini e Antonio Zambrini.

Ultima digressione... Nel programma si trova anche una pellicola del 1913: Le avventure straordinarissime di Saturnino Farandola. Un film in copia unica, restaurata dalla Cineteca Milano e proiettata l’1 novembre. 57’ minuti di avventura e surrealtà ed esotismo e poesia, con Marcel Fabre e la prorompente Nilde Baracchi, autentica pin-up (molto vestita) ante litteram: dall’Isola delle scimmie ai mari solcati con un veliero, dallo scontro con i pirati all’elefante bianco del Siam rubato al sultano, dal Nilo alle cascate del Niagara, da Castoropoli (la città dei castori) alla balena/leviatano che inghiotte la bella, dallo scienziato pazzo alla battaglia fra aerostati. Dire magnifico... è poco! Un concentrato di fantasia senza pari.

E ricordatevi che... Nella mano di King Kong si può essere molto sicuri! Avvertenza per gli adulti: potreste divertirvi più dei bambini, fate attenzione!

 

Alberto Figliolia

 

 

Nella mano di King Kong. Cineteca Milano MIC, viale Fulvio Testi 121, Milano (MM5 Bicocca). Tel. 02 87242114, mic@cinetecamilano.it, www.cinetecamilano.it.

Orario: da martedì a domenica dalle 15 alle 19. Biglietti in prevendita sul sito www.cinetecamilano.it.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy