Domenica , 13 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pesaro, arte e Shoah: Wanda Coen 
Una pittrice pesarese dimenticata alla Giornata Europea della Cultura Ebraica
Roberto Malini con il dipinto a olio su tela
Roberto Malini con il dipinto a olio su tela 'Ritratto di donna velata' di Wanda Coen (foto S. Gamer 
09 Settembre 2019
 

Il 14 settembre, in occasione della Giornata Europea della Cultura Ebraica 2019, il Thesaurus Memoriae della Cittadella della Musica Concentrazionaria di Barletta, una delle più importanti raccolte d’arte della Shoah, si arricchirà di un olio su tela dipinto nel 1942 dalla pittrice e ceramista ebrea pesarese Wanda Coen. «Nata a Pesaro in via Branca al numero 13», spiega Roberto Malini, donatore del dipinto, «prima delle leggi razziali Wanda Coen era una delle artiste di maggior successo in Italia. Stimata da maestri del calibro di Giorgio De Chirico, Gino Severini e Giacomo Balla, aveva partecipato a ben tre Biennali di Venezia, due Biennali e due Quadriennali di Roma. Le sue ceramiche erano vendute nella prestigiosa galleria di Ferruccio Palazzi».

«Un curriculum straordinario», prosegue Malini, «che fu interrotto quando entrarono in vigore le ‘leggi per la difesa della razza’. Wanda, che in quegli anni viveva a Roma e si era sposata con lo scultore Alfredo Biagini, evitò la deportazione, ma la sua carriera fu annientata. Rinunciò al suo cognome ebraico e iniziò a firmare i suoi lavori con il solo cognome del marito. Nonostante il consenso che il mercato accordava alla sua opera, dopo la partecipazione alla Quadriennale romana del 1939, non fu più invitata alle grandi esposizioni internazionali. Dipinse anche negli anni della Shoah, protetta dal marito, ma il suo lavoro si svolgeva in semiclandestinità, mentre parenti e amici ebrei erano deportati verso i campi di sterminio».

«Nel 1942», prosegue lo scopritore e donatore dell’opera, «un anno prima del Sabato nero, il rastrellamento del ghetto di Roma, dipinse il Ritratto di donna velata, un’annunciazione in cui la donna ebrea, con le mani incrociate sul petto e rivolte verso l’interno, simile alle Madonne antiche, contiene in cuor suo un dolore troppo grande e affida le ultime tracce di speranza alla volontà del Cielo. Wanda Coen Biagini morì a Roma il 5 giugno 1953. Alcune delle sue opere sono conservate presso la Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma. Dopo la mostra a Barletta, chiederò all’amministrazione comunale di Pesaro di aiutarmi nell’opera necessaria di riscoperta e valorizzazione di questa grande artista ebrea, dimenticata a causa dell’odio antisemita e dell’indifferenza che hanno resa possibile la follia della Shoah».

Wanda Coen Biagini è una delle artiste presentate alla mostra “Artiste del Novecento tra visione ed identità ebraica”, tenutasi a Roma, presso la Galleria d’Arte Moderna, nel 2014.

Le celebrazioni della Giornata Europea della Cultura Ebraica 2019 di Barletta si terranno presso il cinquecentesco Palazzo della Marra. Nell’occasione sarà presentato il progetto, in fase di completamento, della Cittadella della Musica Concentrazionaria, che sorgerà presso l’ex Distilleria di Barletta. La mostra Thesaurus Memoriae presenterà per la prima volta alcune delle opere realizzate da artisti ebrei scomparsi nella Shoah o sopravvissuti ai campi di sterminio, raccolte nella Collezione donata da Roberto Malini alla Fondazione Istituto di Letteratura Musicale Concentrazionaria di Barletta (ILMC).

Roberto Malini vive e lavora a Pesaro. Poeta, scrittore e storico, si dedica da molti anni al salvataggio di queste opere, sottraendole alla dispersione e all’oblio. Per questa sua missione gli è stato conferito il Premio Pasquale Rotondi – Mecenatismo 2018.

La mostra sarà inaugurata il 14 settembre alle 21.15, al primo piano del Palazzo della Marra, introdotta dal musicista Francesco Lotoro, Presidente della Fondazione, e presentata dallo stesso Malini. L’evento, organizzato dalla Fondazione in collaborazione con l’Unione Italiana delle Comunità Ebraiche (UCEI) e il Comune di Barletta, gode dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, e dei patrocini del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Ministero dell’Istruzione, del Ministero per le Politiche Europee, dell’ANCI. La Donazione Roberto Malini - Thesaurus Memoriae, che consta di oltre cento preziose opere d’arte dell'Olocausto, sarà esposta in permanenza presso la Cittadella della Musica Concentrazionaria. (Red.)


Foto allegate

Wanda Coen,
Articoli correlati

  Giornata Europea della Cultura Ebraica a Barletta: un successo, aspettando la Cittadella
  Vetrina/ Patrick Sammut. Giorno della memoria
  Arcigay Arezzo per la Giornata della Memoria ricorda l'Omocausto
  EveryOne Group. Donazione di Roberto Malini a favore del Museo della Shoah di Roma
  Il 19 aprile è "Yom HaShoah", il Giorno della Shoah
  I giovani ricordano la Shoah
  Vetrina/ Paola Mara De Maestri. Poesie per non dimenticare
  Giornata della Memoria: Le vostre orme leggere
  Erveda Sansi. Ricordare per conoscere
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Vincenzo Donvito. Reato di negazionismo? Reato di opinione!
  Roberto Malini. Il 18 settembre 1926 è nato Joe Kubert, genio del fumetto
  Gigi Fioravanti. Giorno della memoria. Domande
  Biblioteca della Valchiavenna. La Shoah in casa
  In libreria/ Susanne Raweh. La storia della nonna bambina
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  Giorno dell’Indipendenza di Israele a Vercelli
  Vetrina/ Roberto Malini. In morte di Shlomo Venezia, testimone della Shoah
  Giorno della Memoria 2016: poeti e musicisti a tavola con Anne Frank
  TEREZIN: frammenti di vite in attesa dello sterminio
  Esther Ettinger. Una scala di filo spinato, deserta di ali
  L’artista santhiatese Ennio Cobelli dona al poeta Roberto Malini la sua opera “Holocaust”
  Federica Bonzi, Enrico Marco Cipollini. Memoria, memorie...
  Roberto Malini. È morto Wiesel
  Arvangia. Dare voce alla memoria che tace…
  Shoah: tavole rotonde, commemorazioni, concerti per ricordare
  Giornata della Memoria a Vercelli: le donne della Shoah
  Festival Fare Memoria 2016
  Matteo Moca. “Shoah”, Lanzmann e la memoria
  Anne in the Sky: un grande messaggio di pace
  Gli ebrei sotto il regno sabaudo - incontro a Santhià (Vercelli)
  Una poesia di Roberto Malini dedicata ad Anne Frank
  Yom HaShoah. Dall'Italia in regalo la App che ricorda Helga Deen e l'Olocausto
  Donazione di una foto firmata da Gino Bartali dall'Italia al Museo Yad Vashem
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  L’8 giugno alla Rocca di Sassocorvaro inaugurazione della mostra “Artisti dell’Olocausto"
  Benedetto Della Vedova. Fame... iraniana
  Doriana Goracci: Giornata della Memoria con Gaza e Lucca nel tempo storico presente
  Milano, binario 21
  Ionne Biffi. Gusen: infanzia negata
  Enrico Peyretti. Memoria della com-passione
  Pietre in cui inciampa la coscienza: i “Stolpersteine”
  “Gli scomparsi” di Daniel Mendelsohn
  Eugenio de' Giorgi. “Affittasi monolocale zona Ghetto” con il Teatro Olmetto
  “L’oro di Milcik”. Un concerto per la Giornata della Memoria 2009
  Roberto Malini. Il 20 settembre 1992 è morto Kadish, artista e testimone della tragedia umana
  Guido Bedarida. Per il Giorno della Memoria
  Liceo Ceccano. Giornata della Memoria 2009
  La ragazza con la fisarmonica
  Lidia Menapace. Sull'ignoranza religiosa
  SHOAH RIFLESSIONI & OMAGGI
  L’ultima stazione. Per non dimenticare al Teatro Laboratorio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy