Giovedì , 19 Aprile 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Morbegno. Massimiliano Boni alla Nuova Libreria Albo
24 Gennaio 2018
 

duole ma meno, meno ma duole”

 

In occasione de IL GIORNO DELLA MEMORIA, la giornata in ricordo delle vittime dell'Olocausto, Nuova Libreria ALBO presenta Il museo delle penultime cose (66THA2ND, 2016) e il suo autore Massimiliano Boni.

Oggi, mercoledi 24, alle 21:00 in Piazza San Giovanni, 3.

 

in un futuro non troppo lontano, tutti i sopravvissuti alle deportazioni nazifasciste sono ormai scomparsi e l’Italia è scossa da un rigurgito antisemita. In un clima ostile, Pacifico Lattes, giovane studioso del museo della Shoah di Roma, prepara un’importante mostra sugli ultimi superstiti ai campi di concentramento. Il suo minuzioso lavoro di archiviazione e conservazione però, svolto per anni dietro a una scrivania, sembra improvvisamente crollare di fronte alla notizia della possibile esistenza di un sopravvissuto ancora in vita: tra le mura di una casa di riposo di Tor Sapienza, infatti, c’è Attilio Amati, novantottenne aspro e taciturno custode di un segreto all’apparenza inconcepibile. Dall’incontro tra Attilio e Pacifico, dapprima scettico nei confronti di un vecchio il cui nome non compare sulle liste dei deportati, inizia una ricerca difficile e ostinata, un confronto serrato che porterà entrambi a riconoscersi nella dolorosa esperienza dell’altro. Un gioco inestricabile di scambi e silenzi che nasconde una drammatica «scelta di Sophie», un terribile segreto legato alla travagliata esperienza del lager”

 

 

Massimiliano Boni è nato a Roma nel 1971. Dal 2011 lavora come consigliere alla Corte costituzionale. Nel 2006 ha pubblicato La parola ritrovata (La Giuntina). Nel 2013 ha corso la sua prima maratona. Nel 2014, l’ultima.


Articoli correlati

  Pesia d’autore/ Tadeus Różewicz. “Der Tod ist ein Meister aus Deutschland”
  Giuseppina Rando. L’Europa plurale auspicata da Hannah Arendt
  “Un, due tre” di Hannah Szenes
  Giuseppina Rando. Rilevanza storica e psicologica degli scritti della Hillesum
  Un ragazzino nell'ospedale dei nazisti
  Giuseppina Rando. A che vale ricordare?
  Shoah. Vercelli commemora Irena Sendler, Giusta fra le Nazioni
  Giorno della Memoria/ Roberto Malini. Due poesie di Hannah Szenes
  Anna Lanzetta. Il peso delle parole. Il valore della “storia”
  Il mondo di ieri. Ricordi di un europeo di Stefan Zweig
  Anna Lanzetta. Con il filo spinato nel cuore
  Giorno della Memoria. Serata colorata
  Pasquale De Fazio. Giorno della Memoria in una scuola media di Vercelli
  Circolo Culturale Tresiviasco. “Giornata della Memoria 2015”
  Poesia d'autore/ Avraham Shlonsky. Voto
  Mauro Raimondi. La Giornata della Memoria, nel calcio
  Esther Ettinger. Una scala di filo spinato, deserta di ali
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy