Martedì , 18 Settembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spinus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vita da cani/ Legge finanziaria e detrazioni fiscali per il veterinario 
di Donatella Poretti
03 Novembre 2016
 

Firenze – Siamo in periodo di legge finanziaria e mentre impazzano le proposte e le idee per far incassare più soldi allo Stato e abbassare le tasse ai cittadini, tra lotterie degli scontrini e terra che trema e allarga crateri di bilancio, ci permettiamo di prendere spunto Oltralpe per rilanciare una proposta.

Nei giorni scorsi in Francia ha fatto discutere infatti un emendamento alla legge di Bilancio 2017 presentato dal deputato Jean-Luc Laurent, del Mouvement républicain et citoyens che prevede di detrarre le spese veterinarie dalla denuncia dei redditi per gli interventi di sterilizzazione di cani e di gatti (cfr. articolo da Le Figaro). Obbiettivo della misura è quello di limitare la riproduzione degli animali da compagnia. Secondo i dati forniti dal parlamentare, infatti, in Francia cani e gatti sono più di 63 milioni, che su una popolazione di circa 66 milioni equivalgono quasi a uno per abitante!

Quello dei pet anche in Italia è un mercato fiorente e nel complesso in crescita sia per tutto ciò che riguarda la vendita di alimenti e accessori, che per i servizi connessi.

Ma prendersi cura di un cane ha un costo che non tutti si possono permettere. Non ci riferiamo tanto all’alimentazione, ormai ci sono cibi ottimi per tutte le tasche ma alle cure e all’assistenza veterinaria. Oltre ai vaccini annuali obbligatori, ai trattamenti antiparassitari possono presentarsi eventi imprevedibili per cui c’è la necessità di un intervento veterinario, più o meno costoso. E la sterilizzazione è un intervento diventato talmente di routine che è una delle prime scelte da fare una volta che facciamo entrare un cane e un gatto nelle nostre famiglie, con costi che vanno dai 100 ai 300 euro.

Proposte per creare l’assistenza veterinaria pubblica ce ne sono sempre state, da destra a sinistra, dalla ex ministra Brambilla alla senatrice Amati. Ma se c'è una misura che fa sempre contenti i cittadini è quella della detrazione fiscale per una spesa che avrebbe comunque dovuto o voluto sostenere e per altri versi è nei fatti una misura sicura per avere fatture e ricevute fiscali.

 

Donatella Poretti

(da Aduc > “Vita da Cani”, 3 novembre 2016)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.5%
NO
 23.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy