Mercoledì , 30 Novembre 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Asmae Dachan. Per la verità su Padre Paolo Dall’Oglio 
Richiesta l’istituzione di una commissione di inchiesta
13 Luglio 2022
 

A quasi nove anni dalla sparizione in Siria di Paolo Dall’Oglio, i fratelli Francesca e Giovanni Dall’Oglio hanno presentato una richiesta ufficiale per l’istituzione di una commissione parlamentare di inchiesta sulla sorte del religioso. “La richiesta di chiarimenti ufficiali e di indagini è, a parere dei sottoscritti, ormai ineludibile, sono trascorsi quasi nove anni dal lontano 29 luglio 2013 e da allora non sono mai state date a noi famigliari notizie su quanto è accaduto a nostro fratello”, hanno scritto in un documento inviato al Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, alla Presidente del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Alberti Casellati, al Presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, al Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Luigi Di Maio, alla Presidente della commissione Affari Esteri del Senato, Stefania Gabriella Anastasia Craxi, al Presidente del Copasir, Adolfo Urso. “Noi riteniamo che l’istituzione di una Commissione Parlamentare che coinvolge tutto il Parlamento e che ai sensi dell’articolo 82 della Costituzione procede alle indagini e agli esami con gli stessi poteri e le stesse limitazioni dell’autorità giudiziaria, sia l’ultimo strumento che, anche per la sua rilevanza politica, potrebbe permettere di arrivare alla verità”, prosegue il comunicato.

Abbiamo fiducia nelle istituzioni, nella possibilità concreta di arrivare alla verità su cosa sia accaduto a nostro fratello, anche ascoltando attori internazionali coinvolti nella vicenda, tra cui le autorità turche e il governo di Bashar al Assad”, afferma Francesca Dall’Oglio. “In tutti questi anni sono state date diverse versioni, ma nessuna di queste è stata confermata, né che Paolo sia stato ucciso dall’Isis, né che sia stato visto ancora vivo a Baghouz, né che sia stato portato nelle prigioni del regime siriano”, aggiunge Dall’Oglio. “Riteniamo che questa inchiesta possa essere uno strumento valido. Abbiamo urgenza, dopo nove anni, di ottenere una verità. Proprio per questo, io e mio fratello Giovanni ci siamo iscritti al Syrian justice and accountability Center, un’organizzazione per i diritti umani, che lavora per la giustizia e la pace. Vogliamo percorrere ogni strada utile al raggiungimento della verità”, conclude la sorella di Abuna, che in arabo significa “nostro padre”, come i Siriani chiamano Padre Paolo, una figura molto amata, in Siria e nella diaspora.

 

Asmae Dachan

(da Diario di Siria, 12 luglio 2022)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 66.2%
NO
 33.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy