Lunedì , 22 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Regione Lombardia. Cattaneo: “Nessuna illegalità” 
Il “gioco delle tre carte” con i diritti politici dei cittadini
03 Luglio 2017
 

Mercoledì scorso una nota di Regione Lombardia riferiva di non aver commesso «Alcuna violazione della legge, in quanto la proposta di iniziativa popolare sui farmaci cannabinoidi deve prima completare il suo iter in Commissione e pertanto non è ancora giunta all'attenzione del Presidente del Consiglio regionale per l'inserimento nell'ordine del giorno delle sedute consiliari».

In risposta alla nota interna del Pirellone, la dichiarazione di Barbara Bonvicini, segretaria Associazione Enzo Tortora Radicali Milano, presente martedì quando la polizia è intervenuta per impedire che il tesoriere di Associazione Luca Coscioni Marco Cappato cedesse cannabis, in violazione dell'articolo 73 del Testo unico stupefacenti, a due malati lombardi muniti di regolare prescrizione.

«La Regione ci informa che nessuna legge è stata violata da parte della Regione Lombardia, in quanto la proposta di legge popolare per la regolamentazione della Cannabis Terapeutica è al vaglio della Commissione Sanità: ricordiamo al Presidente Cattaneo il comma cui facciamo riferimento quando parliamo di violazione. È il comma 3, contenuto dell'articolo 9 della legge regionale n. 1/1971 che disciplina l'iniziativa popolare dei cittadini. Recita così: «Qualora la proposta non venga iscritta nel calendario dei lavori del Consiglio entro i termini indicati dal primo comma (90 giorni), essa si considera iscritta di diritto all'ordine del giorno del Consiglio e viene discussa nella prima seduta, con precedenza su ogni altro argomento. Le proposte sono portate all'esame del Consiglio nel testo redatto dai proponenti».

Bonvicini continua: «Come si evince dal testo, la norma non fa alcun riferimento alla discussione delle proposte in commissione e Regione Lombardia non può invocare scuse per eludere il termine dei 3 mesi. Il vincolo dei 90 giorni si riferisce alla calendarizzazione in plenaria e rappresentano, in assenza di altri rimandi normativi, il tempo riservato alla discussione e all'approfondimento da parte della commissione consiliare competente. Se così non fosse, basterebbe bloccare qualsiasi proposta popolare nella fase preliminare al dibattito in aula per vedere annullati i diritti politici dei cittadini. Oltre che ad essere un aspirante moralizzatore, il presidente Cattaneo è anche un maldestro giocatore del gioco delle tre carte. Non gli chiediamo altro se non che si occupi di far rispettare la legge».

 

Associazione Enzo Tortora
Radicali Milano


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy