Mercoledì , 26 Settembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Servizio civile... obbligatorio? 
Lasciate per­de­re, signora mi­ni­stra e signor mi­li­ta­re… non vi compete e sa­re­ste liberticidi
Claudio graziano e Roberta Pinotti (Ansa)
Claudio graziano e Roberta Pinotti (Ansa) 
15 Maggio 2017
 

Firenze – C’era la festa degli Alpini e la ministra della Difesa, Roberta Pinotti, forse per non doversi limitare a svolgere il proprio ruolo istituzionale per ricordare la cosiddette gloriose presenze puniche degli Alpini nel secolo scorso, ha pensato che fosse bene dare un proprio contributo politico ed umano: il servizio civile obbligatorio. E le ha fatto eco il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale Claudio Graziano. Scartata, per il momento, una qualche voglia di ritorno al servizio militare obbligatorio, voglia che, invece, non è marginale in alcuni nostri partner europei.

Domanda: ma perché un giovane dovrebbe sottoporsi a questa obbligatorietà?

Secondo ministra e generale la vita di un giovane che ha appena finto la scuola dell’obbligo, sarebbe dello Stato.

A noi sembra balzana l’idea che a proporre questo obbligo siano istituzioni militari e non civili… forse è un servizio civile che serve ai miliari o che li sostituisce in qualche loro funzione? C’è qualcosa che non ci torna, oppure non abbiamo capito niente del servizio civile, mentre per le nostre istituzioni militari continua, come era nel secolo scorso fino alla fine dell’obbligo del servizio militare, un’alternativa alla ferma obbligatoria, alternativa gestita dalle stesse strutture militari. Comunque, non crediamo che siamo rimasti indietro o disinformati, ma solo che Pinotti e Graziano abbiamo solo espresso opinioni al di fuori del loro ambito di competenza, senza accorgersene perché probabilmente sono rimasti con la testa al secolo scorso.

Ma siamo sicuri che la vita di un giovane appartenga allo Stato? Era così quando c’era l’obbligo del servizio militare anche negli Stati democratici, e così è in quegli Stati che hanno sistemi democratici traballanti o discutibili rispetto al nostro modello (cosiddetto Occidente).

Nelle democrazie moderne il principio base è la libertà del cittadino individuo, lo Stato servizio, l’economia di mercato. Se invece leviamo questa libertà di scelta, torniamo allo Stato nazione, alla patria; e di conseguenza: economia nazionale e monopolista, identità etnica e razziale come pilastro… cioè tutto quello che ha distrutto il mondo nei secoli scorsi e che ha avuto la massima espressione nel nazismo e nel fascismo del secolo scorso.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.5%
NO
 23.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy