Giovedì , 01 Dicembre 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Ordine di farfalla
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin. Anno ed autunno
28 Settembre 2022
 

La stagione dell’autunno riassumeva l’anno zumero fatto di due stagioni, estate (Emesh) e inverno (Enten), separate dagli equinozi.

Augh-tum-nus = “seme generante portato via dall’immagine di morte”.

Annus = “Cielo immagine di morte”.

La minaccia di morte incombeva l’anno.

L’anno era tutto, era Dio; la massima divinità personale: IL, come insegna Robert A. Di Vito.1 La divinità del Serpente2 lo riassumeva. Gli esseri umani erano statuette di argilla costruite dagli dèi per il loro servizio. Morivano gli dèi e morivano tutti gli animati3 creati dai primi sette dèi. L’immagine di morte era assoluta. Il miracolo del Capodanno univa un anno, a, all’altro: a.de [DI].a. Ogni anno aveva un nome. Un anello univa un anno (IM) all’altro passato (IM-MA).

L’anno cominciava con la gioia, la. la, e finiva con un’unica la, lungo l’autunno.

È difficile per tutti tradurre in parole nostre tutto ciò perché non è esistito alcun zumero che l’abbia fatto e la civiltà storica è esistita 4.000 anni fa; ma le lingue dei popoli, zumero, accado, hurrita, furono guidate da re-sacerdoti che impararono la prima lingua scritta, il zumero, che precedette e accompagnò l’egizio (Lu-x-ur > Luxor). Le lingue si svilupparono intrecciate di nomi di divinità ed umani. I zumerologhi atei abolirono i nomi degli dèi: -troppo complicati ed inesistenti-.4 

Anche Licinio Glori, il mio primo orientatore, chiamò sumeri i zumeri, pur scrivendo: 

Fu rito della scrittura sumerica incidere Enzu e leggere all’inverso Zuen (semplificato Sin = Luna).5 

Ebbi il libro6 dal compianto prete archeologo don Antonio Moret (m.: 2011). Due sillabe in lib-ru

libi, lib [LUL] lib4 [IGI] 

slepeless; anxious, deathlly quiet (cf., igi…lib(4) [eyesigi sleepless lib]), li, ‘to rejoice, sing’, + bi, ‘to lessen, diminish’). Haloran: 157. 

ru 

n., present, gift, offering [RU archaic frequency]. 

v., to blow; to gift; to offer; to pour out; to inflict; to send (cf. rug2). Halloran: 219. 

Igigi erano gli dèi-diavoli che stavano in cielo. 

 

Carlo Forin

 

 

1 Robert A. Di Vito, Studies in third millennium Sumerian and Akkadian personal names. The Designation and Conception of the Personal God. Editrice Pontificio Istituto Biblico, Roma 1993.

2 Rimus, figlio di Sharrukin (Sargon il grande), significa: “camminori del Serpentemush”.

3 Pietre, erbe, animali, umani.

4 Realizzarono l’operazione di traduzione più assurda della storia.

5 Licinio Glori, La Pace di Cesare, Editoriale Dimara, Milano, 1956.

6 Lib-ru, “immagine del contenitore” in zumero.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 66.4%
NO
 33.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy