Domenica , 05 Aprile 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò mediorientale
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Asmae Dachan. Omar e Salman, un appello per le voci di pace dell’Iraq 
Intervista a Sara Manisera, appena rientrata dal Paese mediorientale
17 Dicembre 2019
 

Da settimane centinaia di giovani iracheni scendono in piazza contro la corruzione, per chiedere riforme, diritti umani, un cambiamento profondo nella politica. I loro volti pieni di speranze, i loro sogni, i loro progetti ricordano molto quelli dei giovani che nel 2011 hanno animato le piazze siriane. Anche in Iraq la risposta del governo è una sanguinosa repressione, che è già costata la vita a oltre 450 persone. Le colleghe Sara Manisera e Arianna Pagani sono da poco tornate dal loro ultimo viaggio nel Paese mediorientale. Sono state in quelle piazze, con quei giovani e li hanno intervistati, raccontando le loro storie in diversi reportage. Tra i protagonisti delle loro interviste due giovani attivisti, di cui si sono perse le tracce da giorni. Diario di Siria si unisce all’appello per la loro liberazione. Ecco cosa mi ha raccontato Sara.

 

Omar Kadhem Al Ameri e Salman Khairallah, due nomi, due giovani, due simboli dell’Iraq di oggi: chi sono e cosa rappresentano?

Omar e Salman sono due giovani iracheni, due cittadini impegnati nella società civile, il primo è un difensore dei diritti umani, il secondo un ambientalista esperto di acqua, di tigri ed Eufrate. Sono due giovani che credono che un altro Iraq sia possibile.

 

Qual è la situazione che hai trovato in Iraq durante il tuo ultimo viaggio?

Ho visto una generazione di giovanissimi con il cellulare in una mano e la bandiera irachena dall’altra, uniti, senza divisione confessionali o etniche per chiedere diritti. Ho visto una piazza pacifica e colorata. Ho visto gli iracheni riappropriarsi degli spazi pubblici. Ho visto un popolo unito in piazza per i diritti.

»» Video Reportage da Piazza Tahrir, Baghdad, Iraq, 13 dicembre 2019

 

Come è cambiato il Paese rispetto alla prima volta che lo hai visitato?

L’Iraq non è cambiato negli ultimi anni. Bisogna ricordare che l’Iraq e un paese che ha subito conflitti e interferenze straniere negli ultimi 30 anni. Solo dal 2003 l’Iraq ha subito l’invasione americana, la guerra su base settaria, l’instaurarsi di Daesh.

Ma al tempo stesso e nata una generazione che respinge l’odio settario. E che vuole costruire un altro Iraq.

»» Articolo su Altreconomia: “Arresti e sparizioni degli attivisti in Iraq. Le proteste pacifiche nel sangue

 

Nei tuoi viaggi sei spesso circondata da giovani come te: cosa hanno di diverso rispetto ai giovani italiani?

Non hanno niente di diverso i coetanei in Iraq. Forse sono molto più consapevoli di ciò che avviene nel mondo. La grande differenza è il passaporto. Un giovane iracheno che vuole viaggiare ha una grande difficoltà.

 

Perché, secondo te, da questa parte del Mediterraneo continua ad arrivare un’immagine tanto stereotipata rispetto ai popoli del Medio Oriente?

L’immagine è stereotipata perché la narrazione e sempre la stessa: conflitto e guerra. Raramente si raccontano le esperienze della società civile, i giovani, come vive la popolazione, la cultura o l’arte. Si appiattisce la narrazione e si porta avanti uno stereotipo. E questo fa sì che si creino polarizzazioni e divisioni.

Lanciamo un appello per Omar e Salman

الحرية_لسلمان_وعمر #

نريدـولدنا #

#WITH_IRAQIS

#FreeOmarandSalman

Le anime più pacifiche della piazza non devono e non possono essere silenziate. Abbiamo bisogno di una coalizione internazionale per difendere questi giovani pacifici che credono che un altro Iraq sia possibile.

»» Articolo su Repubblica.it: “Minacce, sparizioni forzate, e violenze: giro di vite in Iraq su giornalisti e attivisti

 

Asmae Dachan

(da Diario di Siria, 15 dicembre 2019)


Articoli correlati

  “Stato attuale delle forme e dei gruppi armati in Iraq”
  Marco Perduca. Visita al Campo di Ashraf in Iraq. Resoconto della missione
  Conclusa (per noi) l'avventura irachena
  Francesco Cecchini. Cosa sta succedendo a Falluja, a Mosul e in Italia
  Asmae Dachan. Baghdad, l’ennesima strage degli innocenti dimenticati
  Cosa sta accadendo a Mosul?
  Incontro tra parlamentari donne Iraq - Kurdistan - Italia, il ruolo della donna
  Arwa Damon. Per dar da mangiare ai nostri bambini
  Iraq. “DiverCities - città miste e aree contese”
  Francesco Cecchini. Diga di Mossul, Iraq. Soldi per andare alla guerra
  Valter Vecellio. Una buona notizia dall’Irak. Che essendo buona, non è una notizia
  Marco Pannella. Il Partito Radicale chiederà di essere ascoltato dal Congresso statunitense
  Aseel Kami. Il lavoro più duro è essere madre
  Valter Vecellio. Non è tempo finalmente di gridare “Siamo tutti iracheni”?
  EveryOne. Decine di giovani “emo” assassinati dalle brigate sciite in Iraq
  Afif Sarhan. Gli iracheni ridotti a vendere i figli
  Francesco Cecchini. Italia e Iraq
  Bobby Ghosh. «La stupida donna ce l'ha fatta»
  Asmae Dachan. “Figlie di un dio minore”, un reportage che pone interrogativi
  Asmae Dachan. Siria, otto anni dopo
  Asmae Dachan. Siria, “sfollati verso il cielo”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.1%
NO
 25.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy