Sabato , 25 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Il blog di Alejandro
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alejandro Torreguitart Ruiz. Non sono un dissidente!
27 Febbraio 2014
 

Non sono un dissidente! Voglio che si sappia in giro, mamma. E mica perché ho paura. No davvero. Non sono un dissidente, perché non ho mai preso un aereo per volare nella vecchia Europa. Mi sento più vicino al vecchio Alarcón che a certa gente, guarda. Ché io c’ho persino paura di volare e mica nel senso di Erica Jong. No, nel senso vero. Brava Yoani che svolazzi in qua e in là come una farfalla. Tu che ci riesci fai bene ad aver le tasche piene e non solo i coglioni, come cantava un italiano un po’ di tempo fa. Lo so che voi cubani non lo conoscete, tu mamma ancora meno, lo so. Non lo dire al babbo, mi raccomando, se no lui pensa d’avere un figlio comunista e si mette in capo idee strane, non lo dire a lui, ma credimi, non sono un dissidente. Non voglio sentirmi confondere con gente simile, ché se il governo non rappresenta il popolo, loro ancor meno, guarda.

L’Unione Europea annuncia un’apertura di relazioni con Cuba e i nostri dissidenti volano a Madrid. Con quali cazzo di soldi, dico io? Vanno a Madrid – novemila chilometri di distanza – per unire le forze di venti associazioni in un progetto comune. Pare di stare in discoteca, quando il disk-jockey grida: dove c’è un cubano che si alzi la mano! In Europa no, dove c’è un cubano, ecco un partito politico. Pare che convenga. Pare che qualcuno finanzi. Non dico chi. Non voglio nemmeno saperlo, ché in fondo m’interessa un cazzo. E allora leggo che i nostri dissidenti da diporto chiedono il riconoscimento della società civile cubana e la liberazione dei prigionieri politici, oltre alla ratifica della Carta dei Diritti Umani. In teoria hanno ragione, nessuno lo nega, se solo esistesse una società civile cubana e se loro rappresentassero davvero qualcuno. Perché questi dissidenti in volata libera (mi pare che escano da Cuba un paio di volte al mese) non sono tutti in galera se nel nostro paese la situazione dei diritti umani è così tragica?

Siamo tra l’uscio e il muro, cara mamma. Il partito comunista - castrista da una parte, questi dissidenti un tanto al chilo che ragionano col culo e sparano cazzate in convention internazionali dall’altra. C’erano proprio tutti nella Casa de América di Madrid: Yoani Sánchez, Berta Soler (Damas de Blanco), Elizardo Sánchez (Commissione per i Diritti Umani). Mancavano solo Guillermo Fariñas (Unión Patriótica de Cuba) e Manuel Cuesta Morúa (Arco Progresista), ma hanno fatto sapere di pensarla come chi era presente. Peccato, erano tanto dispiaciuti per non aver potuto partecipare a una bella rimpatriata coloniale a base di graspacho andaluso e paella valenciana. Si sono riuniti a Madrid, dicono, perché a Cuba è proibito. Se fossi al vostro posto (ma al vostro posto non ci so stare) la prossima volta mi riunirei in Madagascar, ché magari fa più caldo, è un’isola, sentite meno la nostalgia, mangiate banane fritte, aragosta e avocado.

Parla pure Reinaldo Escobar, dice che non tutta l’opposizione è rappresentata nel documento e che esperimenti simili fatti in passato sono sempre falliti. Forse sarebbe il caso di chiederselo, qualche volta, il triste motivo. Capita, Reinaldo, quando il rimedio è peggiore del male. E allora, in attesa che i nostri dissidenti a piede libero tornino nella patria matrigna – dove nessuno torce loro un capello – io mi dissocio con forza da questo documento del cazzo. Vorrei una Cuba diversa, cara mamma, vorrei una Cuba libera, ma non sono un dissidente. O meglio: non sono come loro!

 

Alejandro Torreguitart Ruiz

L’Avana, 27 febbraio 2014

Traduzione di Gordiano Lupi


 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy