Mercoledì , 14 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta. Il peso delle parole. Il valore della “storia”
Prigionieri in una delle baracche a Buchenwald
Prigionieri in una delle baracche a Buchenwald 
27 Gennaio 2018
 

Ogni anno, quando si avvicina il 27 gennaio, giornata della “memoria” molti interrogativi si affacciano alla mente sul significato della ricorrenza. Tutti si mobilitano e manifestano perché tale vergogna non si ripeta, ma viste poi le recrudescenze nelle parole e nei comportamenti, un dubbio ci assale e ci si chiede se siamo tutti veramente preparati a condannare quel periodo di aberrazione morale e di completo oscurantismo. Gli avvenimenti che si verificano nel nostro paese e altrove ci dicono che purtroppo la mente umana non è rinsavita, il mea culpa non è completo, e che coloro che condannano tali orrendi misfatti sono granelli, che chiedono di essere ascoltati affinché l’umanità riprenda la sua dignità. È forse solo un miraggio l’auspicato cambiamento? È così difficile ascoltare la propria coscienza e riprendere il giusto cammino che ci rende tutti uomini meritevoli di rispetto?

Purtroppo basta guardarsi intorno per capire che -Il sonno della ragione genera ancora mostri- nelle parole o nei comportamenti e l’opera di Goya ci presenta ciò che molti dicono di non essere ma che in effetti sono. È di pochi giorni l’infelice espressione di chi non conoscendo il valore della parole si è espresso sul termine “razza” e sul come preservarla: Quindi, dobbiamo fare delle scelte, decidere se la nostra etnia, la nostra razza bianca, la nostra società deve continuare a esistere o la nostra società deve essere cancellata; è una scelta. Espressione gravissima che ci riporta a un passato oscuro che tanto orrore ha suscitato e suscita.

L’uso della parola “razza” dimostra quanto sia importante conoscere il significato delle parole nel contesto storico e la ripercussione che tale parola può avere nell’animo di chi ascolta e di chi ne è stato vittima. Chi la usa, come in questo caso, dimostra di non conoscere l’importanza della parola nella comunicazione e di non essere a conoscenza delle coordinate storiche. Ben vengano tutte le manifestazioni per ricordare la Shoah la dispersione, lo sterminio degli Ebrei ma schiaccia il cuore prendere atto che proprio ai livelli più alti il comportamento educativo e formativo diventa negativo. Non siamo forse abbastanza adulti e consapevoli per capire che solo se uniti contro ogni forma di violenza che si consuma sia nel nostro paese che in altri luoghi, a tutti i livelli, potremo preservare il nostro futuro da lotte e sopraffazioni che ci degradano a livello animalesco? L’urgenza ci impone di riprendere in mano i testi di storia e di studiarla nella quotidianità per sapere, riflettere e agire per il bene comune e consegnare alle future generazioni una società che rifiuti ogni forma di abominio in nome della pace, della tolleranza, della fratellanza, dell’accoglienza e seguire le orme di quei valori che fanno della storia: maestra di vita.

Chi ha detto che con la cultura non si mangia non ne conosce il valore e non sa che tutti abbiamo bisogno di essere nutriti dalla cultura in ogni settore, a ogni livello, sotto qualsiasi forma. La storia deve diventare il nostro pane quotidiano perché le nostre menti restino sveglie per capire, combattere ogni pregiudizio ed essere pronte ad intervenire contro ogni sopruso. Sarà possibile un risveglio totale o tutto resterà “fumo” che esce dal camino dei nostri pensieri?

 

Anna Lanzetta


Articoli correlati

  Morbegno. Massimiliano Boni alla Nuova Libreria Albo
  “Un, due tre” di Hannah Szenes
  Giorno della Memoria/ Roberto Malini. Due poesie di Hannah Szenes
  Giuseppina Rando. A che vale ricordare?
  Circolo Culturale Tresiviasco. “Giornata della Memoria 2015”
  Mauro Raimondi. La Giornata della Memoria, nel calcio
  Poesia d'autore/ Avraham Shlonsky. Voto
  Il mondo di ieri. Ricordi di un europeo di Stefan Zweig
  Anna Lanzetta. Con il filo spinato nel cuore
  Giorno della Memoria. Serata colorata
  Esther Ettinger. Una scala di filo spinato, deserta di ali
  Pesia d’autore/ Tadeus Różewicz. “Der Tod ist ein Meister aus Deutschland”
  Un ragazzino nell'ospedale dei nazisti
  Pasquale De Fazio. Giorno della Memoria in una scuola media di Vercelli
  Giuseppina Rando. Rilevanza storica e psicologica degli scritti della Hillesum
  Giuseppina Rando. L’Europa plurale auspicata da Hannah Arendt
  Shoah. Vercelli commemora Irena Sendler, Giusta fra le Nazioni
  Anna Lanzetta. Storia del valzer delle lucciole
  Anna Lanzetta. Contro la disumanità, il cuore
  Anna Lanzetta. Il male della scuola: la dispersione
  Anna Lanzetta. Storia del sole e della luna
  Anna Lanzetta. Per ogni donna, un racconto e un fiore
  Anna Lanzetta. I ragazzi delle “baby gang”
  Anna Lanzetta. Storia di una lira e di un violino
  Anna Lanzetta. Contro la violenza, la cultura
  Anna Lanzetta. Storia di una chiocciola e di un lumacone
  Anna Lanzetta. Viaggio a Varanasi tra luci e ombre
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy