Venerdì , 17 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Nuovi narratori italiani
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
NNI 27. Giuseppe Samperi
Giuseppe Samperi
Giuseppe Samperi 
04 Marzo 2012
 

Giuseppe Samperi è nato a Catania, vive a Castel di Iudica. Laureato in Lettere Moderne, dirige le Edizioni del Calatino (già Samperi editore). Ha esordito nel 1999 con una plaquette di versi in dialetto, Sarmenti Scattiati (Prova d'Autore, Catania), opera finalista al “Vann'Antò-Saitta” e vincitrice dei Premi “Città di Marineo”, “Anteka Erice”, “Ignazio Buttitta”. Nel 2002 pubblica la silloge “Aria sbintata” (in Chiana e Biveri, Prova d’Autore). Del 2003 è una raccolta di prose, aforismi, versi, dal titolo Alice dell'Amore (Prova d’Autore). Sue poesie e racconti sono sparse in antologie e riviste letterarie. Della sua poesia hanno scritto (in chiose di antologie, riviste, note prefative e testimonianze in volume, giornali) fra gli altri: Giuseppe Amoroso, Tony Campi, Secondo Farinelli, Mario Grasso, Vito Tartaro, Tommaso Lisi, Sergio Palumbo, Renato Pennisi, Stefano Valentini, Giovanni Pasqualino, Laura Antonella Raimondo, Domenico Ternullo, Ciccio Aiello, Antonio Di Silvestro, Giovanna Ioli, Patrizia Garofalo (su Tellusfolio). In forma privata hanno espresso consensi Giorgio Barberi Squarotti, Achille Serrao, Roberto Rossi Precerutti, Dante Maffia, Stefano Lanuzza, Cesare Ruffato. Gli interventi critici e le recensioni, sono apparsi, tra l'altro, nei periodici locali Giornale dell'Etna e Abc Ibleo, nel settimanale nazionale Avvenimenti, nella 'terza pagina' dei quotidiani Gazzetta del Sud e La Sicilia, e nel magazine letterario abbinato a quest’ultimo e diretto da Gianni Bonina, “Stilos”.

 

 

 

LE ACQUE

(una versione)

 

La scacchiera di Caterina, di legno buono intarsiato, è un regalo che le feci nel giorno del suo trentesimo compleanno. Lei mi dice sempre, con orgoglio misto a vanità, che le caselle delle scacchiere somigliano ai giorni della vita:

Neri e bianchi come i giorni di temporale o di chiaro splendore. Neri come i 'neri pensieri', bianchi come l'abito da sposa che ho indossato per te. – Poi aggiunge, con sornione sorriso: – a te lascio i 'neri pensieri', mio caro, lascio i tuoi amati e perdenti 'neri pensieri'.

A dire il vero, non è che m'importi un granché degli scacchi, ho sempre pensato che sia un gioco troppo cerebrale, poco consono al relax; ma io sono il re dei 'neri pensieri', e lei la regina bianca. Caterina muove in diagonale il suo alfiere, già tutta assorta in argomentazioni tattiche, tacite e a me oscure. Io, come il solito, comincio invece a disperdermi, a divagare di là del momento sublime:

Chiedere ancora centimetri di felicità al sole? C'è un angolo di cemento ove la memoria vorrebbe inebriarsi, spiccare voli verso la fanciullezza. Ragazzini godevano dell'ombra delle mandorle non ancora mature. S'arrampicavano su per i rami del carrubo, pini, ulivi. E il tempo si trascinò come un bandito ferito, scappò lontano rincorrendo chissà quale altra ombra. C'è un piccolo angolo di cemento alle sponde dell'imponderabile, alle spalle del passato, alla mercé dell'incomprensione.

Ai pomeriggi resta ancora tanto... Ci si perde fra i cespugli della speranza. Forse basterebbe solo chiedere centimetri di felicità al sole.”

Questi pensieri sconnessi si mischiano agli spifferi d'aria provenienti dalla fessura in basso della porta. Caterina mangia la mia torre:

A cosa stai pensando, possibile che non riesci mai a darti tregua? Non sai goderti i piccoli piaceri della vita, caro il mio perdente dai neri pensieri!

Voglio ascoltare il piccolo cuore che batte.

Ed i gran calci, direi. Irrequieto come il padre. Mi chiedo come potrò sopportare due uomini che non amano gli scacchi.

Dove vorresti nascere, in quale mondo, quale città, quale isola? Quale filo d'erba, quali clacson, quale mare? O forse preferiresti startene nel tuo? L'aria è così dolorosa, a volte, così soffocante... Non sempre i files hanno pronte filosofie, non sempre il modem raggiunge l'altra parte della rete. Non ho risposte da darti, non vie di fuga, non alcun certo significato. Il non-senso ci divora da questa parte della barricata, la parola può essere tormento. Siamo pedine lanciate nel baratro dell'universo, punti di domanda in sospensione. Amerai le tue donne, patirai separazioni, ti chiederai la morte, la vita... Almeno dimmi dove vorresti nascere, scegli il tuo piccolo spazio di terra e cemento, i tuoi centimetri di sole, la tua scacchiera. Perdonaci la vita, se puoi, o forse la ringrazierai se appena un giorno d'agosto sentirai complice la spuma del mare, se solo un clic aprirà il sito delle giostre.

Suggeriscimi la città meno imperfetta, dove il sogno non muore. Raggiungerai mete inimmaginabili, se pure il punto di domanda resterà nelle scritture d'ogni schermo, sarai sempre in cammino per l'altrove, troverai il codice d'entrata che mi manca alla lettura, la chiave di violino delle nuove partiture. Suggeriscimi la città meno imperfetta, dove il sogno non muore...”

Ma tu non ci stai con la testa, perché non ti concentri?

Abbracciami, Caterina, dimmi cosa si prova ad avere la vita dentro, narrami la favola più dolce che c’è, l’inizio che non ricordo. Portami nelle acque di mio figlio. Forse giocheremo un’altra partita, forse resteremo lì.

 

Giuseppe Samperi


Articoli correlati

  Vetrina/ Giuseppe Samperi. Tre poesie in dialetto
  Vetrina/ Giuseppe Samperi. Chiedo perdono
  Giuseppe Samperi: Sette poesie in dialetto da “Aria sbintata” (Catania, 2002)
  Patrizia Garofalo. “Il miliardesimo maratoneta” di Giuseppe Samperi
  In libreria/ Matteo Bianchi. Ancora su “Il miliardesimo maratoneta”
  Giuseppe Samperi. Cellulosa
  In libreria (virtuale)/ Giuseppe Samperi. Regalo questo inchiostro…
  Giuseppe Samperi. (Tre pensieri per Vito)
  È morto il poeta e scrittore in dialetto Vito Tartaro (1938 – 2014)
  Premi e concorsi/ A Ischitella poesie nei dialetti d’Italia e canti multienici
  Vetrina/ Giuseppe Samperi. Oltre gli strappi
  Patrizia Garofalo. “La bottega del non fare” di Giuseppe Samperi
  Giuseppe Samperi legge e presenta “Dare voce al silenzio” di Patrizia Garofalo
  Giuseppe Samperi è il vincitore del “Premio Ischitella-Pietro Giannone” 2014
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.5%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy