Venerdì , 24 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Nuovi narratori italiani
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
NNI 26. Mara Recchia
Mara Recchia
Mara Recchia 
25 Febbraio 2012
 

Mara Recchia. Nata nel 1982 a Noci (Ba), dopo essersi laureata in Lettere moderne presso l’Università degli Studi di Bari, si è trasferita a Milano nel 2005 e ha conseguito due lauree magistrali in Culture e linguaggi per la comunicazione e in Filologia moderna. Prima di emigrare nel capoluogo lombardo ha collaborato con varie testati locali e con la Gazzetta del Mezzogiorno, attualmente è redattrice per la Dell’Anna Editori. Da sempre a contatto con la realtà del non profit, ha effettuato la sua prima esperienza lavorativa post lauream presso l’ufficio stampa della sezione milanese della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori. Mai più lasciata Milano, ha poi deciso di mettersi alla prova come insegnante: dal 2008 è docente di Lettere precaria.

 

 

StraordinariaMente ordinaria

 

Sono tutti in piedi. Visi nuovi, ancora una volta, come sempre. “Comodi, comodi” lo ripeterà ogni volta, come la prima volta. Quel giorno l’aspettavano, i giorni successivi sapevano che anche con la febbre non si sarebbe assentata.

Forse ha diciott’anni…” ma ne è poco convinta Martina, mentre risponde alla domanda della madre che le chiede com’è andata quella prima giornata.

Nina arriva dal polmone della penisola e i verbi non sono il suo forte. “Sa, arrivo da un paesino piccolo e là… Non è che…” lascia cadere le ultime parole comunque chiaramente intese come fossero state urlate. Confessa di capirci poco di matematica, ma la storia l’appassiona. Fa fatica a seguire le lezioni, ma la nonna a casa le rispiega tutto.

Alex chiede di fare la verifica sui verbi: “Io imparato prof, studiato tutto!”, ma il congiuntivo proprio non se lo ricorda! A quindici anni hai voglia di pensare ad altro. Il primo giorno cuori di carta volavano per la classe per posarsi su banchi di compagne inorridite. “Non ci penso proprio a mettermi con quello lì!” La diversità è ancora troppo diversa, ma Alex è cresciuto con i nonni a suon di legnate nella sua vecchia scuola: “Portami il libretto!” non è altro che un puro esercizio di educazione motoria.

Gianella è seduta nel proprio banco con sguardo perplesso. Forse si chiede perché tutti i compagni non studiano quanto lei e se lo chiedono tutti i colleghi ogni giorno nel corridoio. L’hanno messa in seconda perché era fresca d’arrivo. Lima, Perù. E non in terza, con i suoi coetanei. Ma ora tutti si chiedono: che ci fa in seconda? Non lo sapeva la prof quel giorno che, entrata in classe per far supplenza, ha letto Allende. “Qualcuno è nato in casa?” chiese vedendo in giro visi oriundi. Lei si guardò intorno e poi alzò timidamente la mano. Lima, Perù.

Fayed è nel corridoio in lacrime. “Mi ha dato del bastardo, a me che non ho neanche il papà!” Ha quasi travolto la prof per acciuffare un bambinetto di prima che lo aveva spinto e insultato. Ma è facile travolgere la prof: è alta quanto loro. Ma non è facile capire che nella vita le mani devono essere usate solo per costruire e non per distruggere se intorno a te tutto cade a pezzi.

Giovedì pomeriggio, 16:30, fine delle lezioni, cancello d’entrata. “Andate a casa! Non fatevi distruggere quei bei visini!” “Ma saranno loro a tornare a casa con la faccia spaccata prof”. Gli insulti devono essere vendicati. Peruviani, rumeni, italiani, filippini, marocchini. “E pensare che poi non sanno dove si trova l’Italia sulla cartina!” pensa quasi sorridendo la prof che vorrebbe dividerli facendo loro una lezione di geografia della diversità. “Se solo ciascuno dicesse all’altro qual è la capitale del proprio Paese d’origine: sai che bella scazzottata culturale!” Ma si corre solo il primo rischio: scazzottata. Il secondo, imparo la geografia, è un rischio troppo grande da correre: tutti a scuola lo evitano accuratamente.

Sembra quasi che cerchino di preservare la specie: il minimo sforzo per sopravvivere. C’è solo un problema: più è minimo il loro sforzo, più è grande quello dell’insegnante che tutte le sere prega confidando nel miracolo di vedere scritto “qual è” senza l’apostrofo.

L’ultima verifica è corretta. Favola, morale: la forza è più debole dell’intelligenza. Hamid. E allora qualcuno ha deciso che vale ancora la pena di correre il rischio.

 

Mara Recchia


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy