Martedì , 25 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Spot/ Andrea Pellicani. “Assonanze” e “Cerchi nel grano”
Andrea Pellicani con Alberto Figliolia. Milano, Libreria Rizzoli, 2007
Andrea Pellicani con Alberto Figliolia. Milano, Libreria Rizzoli, 2007 
14 Marzo 2010
   

Giovedì 18 marzo 2010, ore 21:00

Albairate (Mi)

Biblioteca civica “Lino Germani”

 

Dopo le serate a Cusago e Cassinetta di Lugagnano e quelle in varie librerie e luoghi milanesi, il designer albairatese Andrea Pellicani presenterà le sue raccolte di poesia Assonanze e Cerchi nel grano alla Biblioteca Civica di Albairate. Entrambe le sillogi sono edite da Albalibri.

Il reading - l'ingresso è libero - si svolge nell'ambito del ciclo “Autori di casa nostra” dedicato agli autori di prosa e poesia residenti nell’abbiatense-magentino.

La poesia di Andrea Pellicani scava nel profondo dell'essere per arrivare a comprendere l'essere nel mondo, il fantastico e malinconico mondo che ci ospita, così truce talora e pure il migliore dei mondi possibili.

La transitorietà è il nostro indelebile marchio, ma nel contempo è un simbolo meraviglioso anche l'unicità di ciascuno di noi, l'irripetibilità di ogni io, di ogni incontro – quale lo spazio dell'amore? –, di ogni complessa relazione e dell'intreccio di relazioni fra viventi.

Essenza e assenza, nostalgia ed empatia, passione, impegno civile e compassione, osservazione del quotidiano, ribellione, dolore e catarsi... Le tematiche e problematiche proposte dalla ricerca del poeta, per una poesia mai staccata dal reale e insieme capace di librarsi in importanti empiti lirici, sono le più disparate: muovono e commuovono i versi del Pellicani, e fanno riflettere. Peraltro riserva continue sorprese l'universo di un artista che ha sempre agito nel segno della versatilità.

L'invito al pubblico è di chiudere gli occhi e abbandonarsi al fluire di quelle liriche, all'eco di versi, ritmi e rime, come accostandosi alla visione di un orizzonte marino, fra la soave corsa delle nubi in cielo, la carezza dei venti, la luce che ci piove nell'anima. Luce consolatrice, eterna.

 

Alberto Figliolia


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy