Domenica , 18 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > L'ultimo dei milanesi
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Un risarcimento per lo scempio della Darsena!
20 Ottobre 2009
 

Chissà cosa pensano, i turisti, quando passano davanti a quel buco, a quell’immondezzaio che è attualmente la Darsena? Probabilmente quello che pensano i milanesi: è uno schifo.

Uno schi-fo!

E pensare che, di fronte a loro, a noi, un tempo si stagliava il Porto di Milano. «Un nodo di importanza storica» scrive l’autorevole Guida Rossa del Touring «nel sistema canalizio e fluviale milanese. Vi confluiscono l’Olona (oggi sotterraneo), il Naviglio Grande (proveniente dal Ticino), mentre la conca del Naviglio (oggi tombata) immetteva l’acqua dalla cerchia interna dei navigli; ne defluiscono il naviglio di Pavia e il Ticinello».

Questo spazio d’acqua, anticamente chiamato il “Laghetto di Sant’Eustorgio”, secondo Cesare Cantù era stato inizialmente concepito come elemento di difesa per la città. Qui, per secoli arrivarono i blocchi di marmo di Candoglia destinati al Duomo, che poi proseguivano verso il “Laghetto di Santo Stefano”, vicino all’attuale Università. Rimesso a posto nel 1603, in epoca spagnola, venne di nuovo modificato nel 1920 raggiungendo i 750 metri di lunghezza, per una profondità di un metro e mezzo e una larghezza che andava dai 19 ai 25 metri. Una riorganizzazione resasi necessaria dal continuo aumento dei trasporti (soprattutto ghiaia e sabbia), tanto che ancora nel 1953 la Darsena deteneva il tredicesimo posto nella classifica dei porti italiani per il ricevimento delle merci. Ma da essa partiva anche un barchett, erede di quello, famosissimo, di Boffalora, che portava le persone fino a Corsico, Trezzano, Gaggiano, Abbiategrasso.

Poi, con il trasporto su strada e la sua dittatura, iniziò il lento declino che vide arrivare quel 1979 in cui, per l’ultima volta, vi attraccò un carico di sabbia. E da quel giorno tutta la zona ha cominciato quella trasformazione che l’ha portata a perdere la propria identità popolare fino a diventare un luogo di divertimento serale, di happy hour e musica. Ma anche, per alcuni anni, della storica “Fiera di Sinigaglia” (documentata in città fin dal 1600), che proprio sulla Darsena aveva trovato approdo dopo il trasferimento dalla sua sede originaria.

Della Darsena “vecchia” (chiamiamola così, visto che non esiste più…), luogo scenografico per eccellenza, si possono ricordare immagini in tanti film e documentari. Tra i tanti, segnaliamo lo splendido Malamilano (1979) di Tonino Curagi e Anna Gorio che scelsero, per iniziare a parlare della liggera meneghina (la criminalità tradizionale e “alla buona”), proprio la Darsena come palcoscenico delle riflessioni di Primo Moroni, profondo conoscitore del Ticinese e della città. E mentre il grande Primo parlava, dopo essere passato sotto il Ponte del Trofeo (quello da cui prende il via il Naviglio Pavese), si vedeva l’acqua scorrere placida in una Milano avvolta da un’atmosfera invernale.

Bello, bellissimo. Esattamente il contrario dell’enorme fossa piena di rifiuti che si osserva attualmente. Una vergogna dettata da una folle idea che prevedeva di costruire piani sotterranei di parcheggi, decisione fortemente osteggiata dal solito e meritorio Comitato (rendiamo grazie ai Comitati Cittadini!) che ora pare aver raggiunto il suo scopo: la sospensione definitiva dei lavori. Già, la Moratti, nei giorni scorsi, ha annunciato che il Comune intende rigettare il progetto e restituire la zona ai cittadini. Una buona notizia (mitigata dal fatto che a fianco di Sant’Ambrogio si continuerà a scavare: forse aspettano che cada la Basilica in modo da poterci costruire un grattacielo…), anche se una persona del Comitato mi ha riferito che non vi è assolutamente nulla di scritto, e quindi di certo. Quindi, dovremo sperare che non via sia l’ennesimo cambio di rotta. E poi aspettare che un nuovo progetto di idee risistemi l’area…

Sperare e aspettare. Quanti anni? Oramai è dal nuovo millennio, più o meno, che il laghetto è stato distrutto, e chissà quanti altri ce ne vorranno. Praticamente, almeno una generazione di nuovi milanesi crescerà senza sapere cosa sia la Darsena. E allora, signori miei, io voglio un risarcimento. Certo, voglio che il colpevole di questo scempio, colui che mi ha impedito di fermarmi un attimo a guardare quello spazio d’acqua così eccezionale in una città di cemento, mi dia indietro quello che esteticamente, affettivamente, mi ha tolto. Lo pretendo. Dovremmo pretenderlo tutti! Anche perché chi ha approvato questa vergogna lo si può trovare, onorato e incensato, su molte televisioni. Richiesto come esperto di pubblica amministrazione (di condominio, forse…), talvolta persino definito da sudditi giornalisti senza memoria storica come uno dei migliori sindaci del dopoguerra.

E oltre a lui voglio che paghino l’assessore che ha sostenuto questa follia, i tecnici, i geometri, tutti quelli che l’hanno controfirmata: costoro ci hanno tolto quei “tramonti rosso oro” cantati dal poeta Erba (questo è uno dei rarissimi punti da cui, a Milano, si può ancora vagamente osservare l’orizzonte), ci hanno privato istanti di curiosità, di pace, forse anche di gioia.

Noi milanesi dobbiamo dire basta all’impunità di chi ci governa, denunciare a voce alta, ovunque e comunque, le falsità che quotidianamente ci vengono propinate dai mezzi d’informazione. E scrollarci di dosso quell’apatia che ci sta immobilizzando. Solo così Milano rinascerà. Solo ed esclusivamente grazie alla tenacia di noi che la viviamo (e la soffriamo) tutti i giorni, che ci siamo “calati” dentro. Di noi che, in fondo, l’amiamo, questa disperante città. Salùdi.


Mauro Raimondi


Articoli correlati

  Milano. Sabato 15 maggio: riprendiamoci la Darsena
  Depositati in comune i Cinque Referendum per la qualità della vita e dell’ambiente a Milano
  La liberazione di Milano, un mese dopo
  Radicali Milano. Chiediamo i Navigli, ci danno un Tubo...!
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Milano. Sant'Ambrogio. Altre adesioni dal mondo religioso, mentre i Radicali vigilano sul sito
  Don Andrea Gallo a difesa del Cimitero paleocristiano di S. Ambrogio
  Milano, Radicali per Sant'Ambrogio. “Gabbato lo santo” ancor prima della sua festa
  Milano/ S.Ambrogio. Il Comune vuol salvare il Cimitero 'ad Martyres'
  Cimitero Ad Martyres di S. Ambrogio. I Radicali chiedono la sospensione del cantiere fino al voto
  Per la libertà religiosa e per la parità di tutte le confessioni nel diritto all'informazione
  Stop ai lavori per il parcheggio di S. Ambrogio
  Chiesa Ortodossa greca per Cimitero ad Martyres di S. Ambrogio
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Milano. “Proposta indecente”. Cercasi consigliere “liberale” per servizio a democrazia
  Radicali per Sant'Ambrogio. Lucio Bertè in digiuno per dialogo con Sandro Bondi
  Milano. “Radicali per Sant’Ambrogio” sigillano il cantiere
  Milano, Sant'Ambrogio. Niente parcheggio, ma “giardino della memoria”
  Lucio Bertè. Milano Sant'Ambrogio. Formigoni d'estate, Formigoni d'autunno...
  «Chi ama Milano si organizzi con i Radicali»
  Milano. Ci sarà il "Giardino della memoria dei martiri cristiani"
  In difesa del Cimitero paleocristiano ad Martyres di S. Ambrogio
  Milano. Successo dell’incatenamento alla basilica di S. Ambrogio
  Radicali per Sant’Ambrogio. “Appello del Venerdì Santo”
  Milano. Lucio Bertè ancora incatenato a S. Ambrogio
  Milano. Radicali per Sant’Ambrogio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.9%
NO
 26.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy