Sabato , 29 Novembre 2014
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Il fantastico mondo del re degli Elfi
Blake: Paolo e Francesca
Blake: Paolo e Francesca 
16 Maggio 2009
 

In un mondo fantastico il poeta tedesco W. Goethe (1749-1832) ambientò la lirica composta nel 1782: Il re degli elfi per la quale trasse spunto da una ballata danese tradotta da J. G. von Herder (poeta tedesco, 1744-1803) La figlia del re degli ontani.

Gli Elfi sono creature notturne che danzano con grazia al chiaro di luna. In questa lirica rappresentano una forza misteriosa che esercita un influsso negativo sul bambino, in altri casi , come gli Elfi su cui regna Oberon, nell’opera di Shakespeare Sogno di una notte di mezza estate, sono benigni.

-Secondo la mitologia del Nord Europa, il Re degli Elfi era una figura malvagia che appariva danzando con i suoi sudditi nelle foreste nordiche durante la notte, e simboleggiava la morte.

I versi narrano di un padre che, galoppando nella notte, cerca di portare in salvo il figlio malato. Delirante e spaventato, il bambino è convinto di vedere e sentire il Re degli Elfi che vuole rapirlo. Questi dapprima cerca di convincere il bimbo a seguirlo con le promesse più disparate, poi vista l'inutilità dei suoi tentativi, decide di ricorrere alla forza. Il padre, estremamente in ansia per suo figlio, cerca di rassicurarlo, dando una spiegazione più concreta alle sue visioni:la nebbia, il fruscio del vento tra le foglie degli alberi, dei vecchi salici. Giunto a casa, il padre si accorge che il piccolo è morto tra le sue braccia-.

  

                                      Il re degli Elfi

 

Chi cavalca a quest’ora per la notte e il vento?

È il padre con il suo figlioletto;

se l’è stretto forte in braccio,

lo regge sicuro, lo tiene al canto.

 

 “Figlio, perché hai paura e il volto ti celi?”

“Non vedi, padre, il re degli Elfi?”

Il re degli Elfi con la corona e lo strascico?

“Figlio, è una lingua di nebbia, nient’altro.”

 

“Caro bambino, su, vieni, con me!

Vedrai i bei giochi che farò con te;

tanti fiori diversi sulla riva ci sono;

mia madre ha tante vesti d’oro”.

 

“Padre mio, padre mio, la promessa non senti,

che mi sussurra il re degli Elfi?”

“Stai buono, stai buono, è il vento, bambino mio,

tra le foglie secche, con il suo fruscio.”

Il re degli Elfi chiede al bambino di andare con lui promettendogli che  l’avrebbe accudito e divertito con l’aiuto delle figlie.

Al bambino terrorizzato, il padre cerca di dare una spiegazione più razionale. Ma il re degli Elfi minaccia di portarsi via il bimbo con la forza.

 

 Preso da orrore il padre veloce cavalca,

il bimbo che geme, stringe fra le sue braccia,

raggiunge il palazzo con stento e con sforzo,

nelle sue braccia il bambino era morto.

Ma nel racconto di Elena (vedi Scuola-Laboratorio, pag. 8, 12 marzo 2008: Anna Lanzetta, La Scrittura creativa nella didattica), il bimbo non muore, perché ha fiducia nell’amore del padre e tra le sue braccia si addormenta felice. 

 

Il tema del re degli elfi, richiama il dipinto di William Blake (1757-1827) Gli angeli del bene e del male.

Il quadro presenta una situazione così sconvolgente che scatena in chi  guarda  "un vortice" di

emozioni così forte da non riuscire a trascriverne neanche una.

Nel quadro, il fantastico coincide con l’irrazionale, ma ci dà anche una percezione del reale; nel dipinto, come nei versi, prevalgono gli elementi maligni che vogliono portarsi via il bambino dalle braccia di suo padre che corre su un cavallo. A capo degli elfi c’è il re che può essere paragonato all’angelo del male che appare nel quadro di Blake mentre il padre, che nell’opera di Goethe non ha nessun riscontro fantastico, possiamo confrontarlo con l’angelo del bene che anche nel quadro ha in braccio un bambino.

 

                    La bestia della rivelazione

 

 

Il mondo artistico di William Blake (1757-1827), poeta, pittore e incisore eccentrico e visionario, era pieno di visioni di spiriti e di allucinazioni come testimonia anche il piccolo acquerello La Bestia della Rivelazione,  un’immagine spaventosa e fantastica presa dall’Apocalisse, XIII,1: …e poi vidi salire dal mare una bestia, che aveva dieci corna e sette teste.

La figura centrale del dipinto è un uomo nell’atto di trasformarsi in un essere con forme umane, vegetali e animali. Le teste si stanno moltiplicando e le espressioni del viso si stanno deformando fino a diventare maschere grottesche.

 

 

                                          Paolo e Francesca

 

 

Blake vede un motivo fantastico anche nel viaggio ultraterreno di Dante, che si svolge in un mondo irrazionale. Nell’acquerello del 1817 è rappresentato il momento finale del quinto canto dell’inferno quando, dopo il drammatico colloquio con Francesca, mentre le anime dei peccatori sono trascinate dal vortice della "bufera infernale che mai non resta", Dante sviene, sopraffatto dall’emozione:

 

Mentre che l’uno spirito questo disse

l’altro piangea, sì che di pietade,

Io venni men così com’io morisse,

E caddi come corpo morto cade.

 

Irrazionale è tutta la scena del vortice in cui Paolo e Francesca, tenendosi per mano, sono trascinati dal vento infernale.

La tecnica  ad acquerello rende bene il paesaggio infernale: i colori, non ben definiti e sfumati, caratterizzano efficacemente il paesaggio irreale.

I colori più usati sono il rosso, in varie tonalità che rappresenta l’inferno; il bianco  presente nel vortice infernale e nella luce; il marrone variegato che identifica anche Dante; l’azzurro e il blu scuro, usati per lo sfondo e presenti nella figura di Virgilio; il vortice invece è rappresentato da un insieme di colori, tra cui il grigio ed il giallo, che rendono bene l’idea di confusione e di sofferenza.

Il dipinto è disposto a vari piani: in primo piano vi è l’inferno da cui nasce l’immenso vortice; in secondo piano si trovano Dante e Virgilio collocati su una zolla di terra mentre ascoltano la storia dei due amanti, sullo sfondo si spande una gran luce.

Nel vortice, tra i tanti spiriti, vediamo due anime vicine che si tengono per mano, sono Paolo e Francesca e nella luce dipinta a raggi intravediamo  altre due anime ferme che potrebbero essere ancora i due amanti ritratti nell’istante in cui si fermano per parlare con Dante e Virgilio.

 

Il re degli Elfi ( in tedesco Erlkönig) è un Lied di Franz Schubert (D 328) che il musicista compose sui versi dell’omonima ballata di Johann Wolfang von Goethe, musicato nel 1815.

Il Lied contiene diversi temi romantici, quali  il soprannaturale, la notte, la natura e la morte. La musica riesce a rendere l’idea del galoppo disperato e incessante.

 

 

A cura di Anna Lanzetta

e degli studenti del biennio superiore ITIS “A. Meucci” di Firenze

Anno scolastico 2001-02

 

 

 

 


Articoli correlati

  Anna Lanzetta: “Da Petra a Shawbad. Archeologia di una frontiera”
  I poemi di Ossian: Daura e Arindal
  Anna Lanzetta: A proposito dell’immagine
  Il Fantastico nell’epica classica 2
  Obama alla casa Bianca. Breve antologia per gli studenti sulle lotte dei neri d’America.
  Anna Lanzetta: Contro l’analfabetismo della sicurezza
  Romanzo storico e pittura di storia (5). Visita alla Galleria d’Arte Moderna Firenze
  Il Fantastico nell’epica classica 1
  Aspettando Natale con Hans Cristian Handersen. Fiaba per studenti di ogni età
  L’arte di raccontare. La meravigliosa storia di Shéhérazade. A cura di Anna Lanzetta 1
  Anna Lanzetta: Noi diciamo NO! Dalle ronde fino alla stampa del CAPO
  Ricordo di Mario Luzi per tutti i lettori e per gli studenti
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta 3
  MultiMedia presenta Anna Lanzetta: La Breccia di Porta Pia
  Anna Lanzetta: Uniti contro ogni violenza come educatori.
  Geografia cristologica: Basilio Magno, Gregorio di Nazianzo in Cappadocia. Fotoalbum 7
  Breve nota su Efeso per incorniciare le fotografie di Anna Lanzetta. Fotoalbum 10
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: Sul “Giorno della Memoria”. Riflessione per non dimenticare.
  Il Vesuvio nelle impressioni di François-René de Chateaubriand
  Il Vesuvio nelle impressioni di Antonio Stoppani. A cura di Anna Lanzetta
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  Anna Lanzetta / Maria Lucia Querques. Un po' di educazione stradale a scuola?
  Anna Lanzetta: Il mio saluto a Evelina Simonelli ragionando di pensione e di scuola
  Il Trovatore di Giuseppe Verdi. Melodramma per la scuola
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  “Mai più guerra” con il viatico dei disegni di Käthe Kollowitz
  Anna Lanzetta: Una scuola senza sorriso
  Anna Lanzetta: Viaggio a Matera
  L’ascesa al monte Ventoso nelle impressioni di Francesco Petrarca. A cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: Pittura di Storia. Prima parte: Contesto storico-culturale
  “Romanzo storico e pittura di storia”. “Massimo D’Azeglio e Ippolito Nievo”. Arte per gli istituti tecnici 4
  Dalla lettura alla scrittura: Il morso eterno di Dracula
  Il Fantastico. L’esempio del “Codice antico” con Kandinskij
  Rigoletto: Storia tragica di un buffone di corte.
  Romeo e Giulietta. Dalla lettura alla ri-scrittura degli studenti
  “Romanzo storico e pittura di storia”. Arte per gli istituti tecnici 2.
  Le mappe di Roberto Crosio per arte-città-tecnica. Navigazioni scolastiche 7
  Anna Lanzetta: “Romanzo storico e pittura di storia”. Arte per gli istituti tecnici 3
  Domanda ad Anna Lanzetta sul dipinto di Fattori: "Il campo italiano dopo la battaglia di Magenta"
  Claudio Di Scalzo: Il Flop del film leghista "Barbarossa" di Renzo Martinelli con nota storico-letteraria
  Sul rapporto Hayez-Visconti, "Il Bacio" e il film "Senso". Nota di Claudio Di Scalzo
  Il Fantastico in musica. Anna Lanzetta e gli studenti dell'ITIS "A. Meucci" di Firenze
  Il Signore degli anelli, Harry Potter, Il cavaliere inesistente, La tempesta...
  Anna Lanzetta: Pittura di Storia con Hayez romantico
  “Il Bacio” di Francesco Hayez. Risposta a Gloria Marini da parte di Anna Lanzetta
  Giovanni Pascoli, Edvard Munch e la tragedia umana. A cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: Klimt e D’Annunzio
 
 
Immagini correlate

  Anna Lanzetta - Matera, interno di casa
  Anna Lanzetta - Matera-La Gravina
  Anna Lanzetta - Matera- Cattedrale di sant’Eustachio
  Anna Lanzetta - Matera-Santa Maria di Idris
  Vesuvio 1 - Chateaubriand
  Anna Lanzetta - Matera- La salita
  Vesuvio 2 - Chateaubriand
  Anna Lanzetta - Matera "I Sassi"
  Santa Sofia, interno - Istanbul
  Moschea Blu - Interno - Istanbul
  Santa Sofia - Istanbul
  Istanbul - Palazzo Topkapi
  Efeso - Il bassorilievo della Nikè
  Efeso - La biblioteca di Celso
  Lago salato, Anatolia 3
  Istanbul - La Moschea Blu
  Palazzo Beylerbeyi - Bosforo
  I camini delle fate, Cappadocia-Anatolia 2
  Ponte sul Bosforo
  La fortezza di Rumeli Hisari - Bosforo
  La Cappadocia - Anatolia 1
  Efeso - La fontana di Traiano
  Pamukkale, La cascata pietrificata - Turchia 5
  Ada Negri - La danza della neve
  Efeso - Teatro
  Commerci sul Bosforo
  Efeso - Impronta di piede nel postribolo
  La danza dei dervisci - Anatolia 6
  Gabriela Mistral - E' scesa la neve
  Valle di Göreme - Cappadocia-Anatolia 4
  Bosforo
  Le tessitrici dei tappeti - Anatolia 7
  Efeso - Via dei Cureti
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
Ucraina nell'Unione europea?

 74.6%
No
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276